Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Attività fisica e sedentarietà – muoversi di più, la chiave della nostra salute – novità

Un’attività fisica inadeguata e uno stile di vita sedentario sono due fattori di rischio per la salute specifici e indipendenti, secondo un recente parere dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, l’ambiente e la salute sul lavoro (ANSES).

Non solo i francesi non si muovono abbastanza, ma non si muovono nemmeno abbastanza. Non si tratta di un errore di battitura ma di una sintesi di un recente parere di ANSES che distingue due fattori di rischio indipendenti: attività fisica insufficiente e stile di vita sedentario. Man mano che vengono condotti più studi su questo problema, vi sono prove crescenti che entrambi sono collegati alla mortalità precoce. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è la quarta causa di morte prematura (escluse le malattie infettive) dopo il fumo, il consumo eccessivo di alcol e fattori dietetici.

Tuttavia, i risultati dello studio condotto da ANSES, relativo a persone dai 18 ai 64 anni, sono allarmanti: secondo loro, solo il 5% di questi adulti è abbastanza attivo da essere protettivo. Cioè, raccolgono ogni settimana:

  • attività che aumenta la frequenza cardiaca per almeno 30 minuti cinque volte;
  • si usa il muscolo per almeno 40 minuti in due turni;
  • E anche esercizi di stretching per 20 minuti due volte.

Questa mancanza di attività fisica è un fattore di rischio per molte malattie croniche, comprese malattie cardiovascolari, respiratorie e metaboliche, come il diabete, o tumori, in particolare al seno e al colon. L’aumento dei tassi di rischio è significativo: per le persone meno attive, è del 25-30% per la maggior parte di queste condizioni.

Un altro problema è la sedentarietà, ovvero il fatto di rimanere completamente inattivi, dietro una scrivania, davanti a uno schermo, sui mezzi pubblici, in poltrona con un libro in mano, ecc. In media, vengono assegnate 7 ore al giorno, con fluttuazioni elevate. Tuttavia, esiste una relazione inversa tra il livello di vita sedentaria e la mortalità, in particolare perché periodi di inattività così lunghi contribuiscono gravemente all’insorgenza di malattie cardiovascolari.

READ  Salute mentale: a Bas Saint Laurent si accumulano le richieste di aiuto

problema di salute pubblica

Tutti i rischi sono maggiori quando i due fattori sono combinati. Se trascorri molte ore seduto ogni giorno, devi muoverti molto nella speranza di contrastare gli effetti dannosi dell’abitudine. L’esercizio fisico è ovviamente l’ideale, ma anche muoversi a piedi – a passo svelto – o in bicicletta, o salire le scale invece di prendere l’ascensore, fare giardinaggio, pulire o lavorare fanno parte delle attività benefiche.

Quando sei costretto a condurre una vita sedentaria per motivi professionali, le scrivanie sono una soluzione interessante. Se l’imprenditore non è intenzionato a investire, si consiglia vivamente di interrompere la regolare inattività fisica andando a fare una passeggiata e, tempo permettendo, facendo un po’ di esercizio a suo piacimento.

Oltre alle iniziative individuali, ANSES insiste sulla necessità di attivare leve su scala collettiva, Sia nei luoghi pubblici, lasciando più spazio ai movimenti attivi come andare in bicicletta oa piedi, sia nei luoghi di lavoro, favorendo l’esercizio fisico e riducendo i tempi di seduta, o ancora nel sistema scolastico aumentando lo spazio e il tempo dedicato alle attività corporee e sportive. La politica globale che consente di ridurre i rischi evitabili dovrebbe, secondo l’agenzia, costituire una priorità di salute pubblica.