Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Aspettative della scienza per il bene dell’umanità

GESDA Radar prevede che entro cinque anni, il progresso dell’intelligenza artificiale (AI) potrebbe consentire un’analisi più accurata dei dati del cervello e quindi una migliore comprensione della coscienza umana. Keystone / Salvatore de Nulvi

Una fondazione a Ginevra ha lanciato uno strumento per mappare le future scoperte scientifiche. Ha lo scopo di aiutare il mondo politico e il pubblico ad anticiparne gli effetti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2021 – 19:45

Dorian Burkhalter

Questo strumento digitale fornisce una panoramica di 216 risultati scientifici attesi nei prossimi 25 anni. Quasi 550 scienziati da tutto il mondo hanno contribuito al progetto.

Il “Radar a penetrazione scientificaLink esternoÈ stato presentato la scorsa settimana al primo vertice della Fondazione di Ginevra per la scienza e la diplomazia (GESDA). Secondo Radar, entro 25 anni, potenti computer quantistici saranno in grado di risolvere problemi che ora sono inaccessibili. Possono eseguire complesse simulazioni chimiche per accelerare la scoperta di nuovi prodotti farmaceutici. Entro 10 anni, le aziende private potrebbero essere in grado di estrarre minerali e minerali dalla Luna persa sulla Terra. Entro cinque anni, il progresso dell’intelligenza artificiale (AI) potrebbe consentire un’analisi più accurata dei dati del cervello e quindi una migliore comprensione della coscienza umana.

GESDA spera che Radar servirà il pluralismo incoraggiando l’inclusione della scienza nelle discussioni e nei negoziati presso le organizzazioni internazionali a Ginevra e altrove. Il radar sarà aggiornato regolarmente per riflettere l’evoluzione della scienza.

È raro che i ricercatori cerchino di anticipare la direzione in cui potrebbe andare la scienza, per consentire alla classe politica di prepararsi ed evitare l’uso dannoso della scienza, ha sottolineato Patrick Ebecher, vicepresidente di GESDA, in un’intervista a SWI swissinfo .ch.

Joseph D’Cruz, consigliere speciale del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), ha affermato che lo strumento di previsione del progresso scientifico soddisfa le esigenze dei leader politici.

“Le scelte che facciamo oggi devono effettivamente rispondere a eventi che si svolgeranno tra tre, cinque o dieci anni. Ma non abbiamo una buona comprensione di cosa accadrà a quel punto”, ha spiegato Joseph DeCruz in un’intervista a SWI swissinfo .ch.

Vertice GESDA 2021

Oltre 100 relatori e 900 partecipanti si sono riuniti di persona e online per l’inaugurale GESDA Summit, che si è svolto a Ginevra dal 7 al 9 ottobre. Le discussioni si sono concentrate sulle future scoperte scientifiche, sulle loro potenziali conseguenze per la società e sulle politiche necessarie per garantire che i loro benefici siano condivisi e i loro rischi siano ridotti al minimo.

Questa conferenza di tre giorni è stata un’opportunità per la Fondazione GESDA di presentarsi al pubblico, due anni dopo la sua istituzione nel 2019 da parte del governo svizzero e del governo cantonale di Ginevra. GESDA mira a costruire ponti tra i decisori della comunità internazionale e i ricercatori che lavorano in prima linea nella scienza, tenendo conto delle preoccupazioni della società civile e del settore privato.

fine ingresso

Durante il Vertice GESDA, la pandemia di Covid-19 illustra spesso non solo la difficoltà di anticipare, ma anche di garantire l’accesso e la fiducia nel progresso scientifico.

Spesso, i risultati della ricerca finanziata con fondi pubblici sono pubblicati in riviste accademiche pagate. Camilla Markram, co-fondatrice e CEO di Frontiers, ha dichiarato a SWI swissinfo.ch che questa conoscenza non è più accessibile a molti ricercatori, responsabili politici e pubblico. La rimozione di queste barriere ha consentito il rapido sviluppo dei vaccini contro il Covid-19.

“Se vogliamo avere discussioni comunitarie su importanti questioni scientifiche, che si tratti dell’emergenza climatica, del Covid-19 o dell’editing genetico, dobbiamo prima avere accesso ai risultati scientifici”, ha spiegato Camilla Markram.

Naledi Pandor, ministro sudafricano per le relazioni internazionali e la cooperazione, ha evidenziato la difficoltà che alcuni paesi africani hanno nel costruire la fiducia nella scienza quando “sei l’ultimo a ricevere un vaccino”.

Quale futuro per GESDA?

GESDA è in procinto di stabilire partnership per lavorare su soluzioni ai problemi identificati dal radar. La fondazione ha collaborato con XPRIZE, l’organizzatore del concorso, per lanciare un concorso per incoraggiare lo sviluppo dell’informatica quantistica. Le due organizzazioni intendono collaborare nel lancio di altri concorsi di questo tipo.

“Science Breakthrough Radar” servirà anche da struttura per una serie di programmi educativi sulla diplomazia scientifica proattiva che saranno lanciati da 12 istituzioni svizzere e internazionali, tra cui l’Università di Ginevra e il Politecnico federale di Zurigo.

Il secondo vertice GESDA si svolgerà nell’agosto 2022. Una versione aggiornata del radar sarà presentata insieme a due “massimo tre” soluzioni, ha affermato Peter Brabeck-Letmathe, presidente di GESDA, durante la sessione di chiusura del vertice.

Siamo in grado di fornire una soluzione affidabile a tutti i problemi sollevati. Dobbiamo essere molto chiari sul fatto che limitando le nostre ambizioni saremo più credibili ed efficienti”, ha affermato Peter Brabeck-Letmath.

Nonostante la retorica sull’inclusività, la società civile e gli attori privati ​​sono rimasti sottorappresentati al vertice GESDA. Patrick Ebecher lo ha riconosciuto in un’audizione in cui ha affermato che GESDA spera di coinvolgere più società private il prossimo anno. Ciò è particolarmente importante nel dibattito sulla ricerca sull’intelligenza artificiale, in cui le aziende private, non gli stati, aprono la strada. Nel frattempo, il radar offre la possibilità a chiunque di proporre le proprie idee, che alimenteranno il lavoro di GESDA in futuro.

GESDA dovrà presto rappresentarsi presso il governo svizzero per convincerlo a continuare a sostenere il proprio lavoro quando la fase pilota della fondazione si concluderà nel 2022.

READ  [En continu] A Barcellona la giustizia decide di revocare il coprifuoco