Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Aspettando il WiFi: la divisione digitale dell’Italia

Postato su: Modificata:

Cole de Dora (Italia) (AFP)

Le cose sono peggiorate l’ultima volta che ho provato a pagare con una carta cliente al negozio di alimentari di Anna Rita Bani a Cole de Dora, un piccolo paese fuori Roma.

“Abbiamo dovuto aspettare 15 minuti perché il lettore di schede funzionasse … Nel frattempo, ci stavamo guardando”, ha detto ad AFP.

Il suo lettore di schede funziona con il WiFi, ma Collie di Dora è una delle città meno connesse in Italia – è digitalmente arretrata rispetto ad altre parti dell’UE.

Colmare il divario è una priorità per il primo ministro Mario Tragi e la sua spinta a rilanciare l’economia italiana dominata dal coronavirus con investimenti finanziati dall’UE.

Ha in programma di spendere 191,5 miliardi di euro ($ 232 miliardi) in prestiti e sovvenzioni dal fondo dell’UE per il recupero post-virus ora e tra il 2026 – che dovrebbe essere uno degli obiettivi principali della digitalizzazione lunedì.

Per l’Italia, parte della sfida è spostarsi leggermente dietro a luoghi come Cole de Dora che non sono molto disconnessi dal mondo moderno.

– Ferma il servizio meteo –

La città medievale, a 80 chilometri (50 miglia) a nord-est di Roma, è una destinazione turistica relativamente popolare, situata su un poggio che domina un lago e vicino a cascate, foreste e riserve naturali.

“La situazione qui va bene, ma potrebbero volerci pochi minuti invece di pochi secondi se si vuole inviare una grossa email”, ha detto il sindaco Beniamino Pandolpi.

Fortunatamente, Cole de Dora è sulla lista del governo di 200 comuni messi da parte per fornire la banda larga in fibra ottica con un sussidio pubblico.

READ  L'Italia per consentire ai tifosi in Euro, alcuni padroni di casa non hanno ancora deciso

Questa settimana, i lavoratori stanno posando cavi in ​​fibra ottica in una piazza chiave e la società di telecomunicazioni OpenFiber ha dichiarato che Internet ad alta velocità sarà operativo entro la fine di quest’anno.

“Lo accogliamo a braccia aperte”, ha detto il sindaco.

A questo punto l’ufficio postale – senza banca e 360 ​​residenti della città che fanno affidamento sui prelievi di contanti – a volte chiuderà a causa del suo guasto a Internet.

Questo può essere un problema per i segnali del maltempo, la ricezione dei telefoni cellulari e i servizi di streaming TV.

La cattiva connettività è diventata un problema serio dall’inizio dell’epidemia, costringendo le persone a trascorrere mesi a casa.

Simona Cordella, proprietaria di lavanderie a secco, ha detto che sua figlia adolescente ha avuto problemi con le lezioni online quando le scuole chiudevano.

Attraverso le videochiamate, ha detto, “a volte l’audio viene disabilitato, a volte il video viene disabilitato e il segnale viene completamente interrotto se il tempo è brutto”.

A volte, incapace di scaricare i programmi o caricare i compiti, sua figlia era ridotta a “fare lezioni tramite WhatsApp”, ha detto Cordella.

– Offline Italia –

Il governo vuole che ogni italiano abbia accesso a Internet ad alta velocità entro il 2026, ma dovrà fare molto.

Secondo i dati diffusi il mese scorso dall’agenzia nazionale di statistica Estad, quasi un quarto degli italiani non usa Internet e un terzo delle famiglie non ha una connessione fissa.

Nel frattempo, solo il 30% delle famiglie nel 2019 aveva accesso alla banda larga di ultima generazione, rispetto ai 6,1 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

La terza economia più grande della zona euro – l’Italia – si è classificata al quarto posto nell’ultimo indice di competitività digitale (DESI) della Commissione europea, battendo solo Bulgaria, Grecia e Romania.

READ  Il ministro degli Esteri italiano Biden visita per la prima volta Washington

Il sindaco Pandolby osserva che portare la banda larga di ultima generazione in aree isolate come Cole de Dora diventerà luoghi attraenti per il lavoro a lunga distanza.

Per quanto riguarda gli altri residenti, li porterà nel 21 ° secolo.

Il figlio ventiduenne di Pani, Nicholas, è un giocatore accanito, ma si lamenta del fatto che potrebbero volerci “quattro-cinque giorni” per i suoi amici a Roma per scaricare il gioco per PlayStation, che può essere scaricato in un’ora o due.

“Non è come se non potessi vivere senza”, ha detto. “Ma (Internet) sarebbe bello se fosse un po ‘meglio.”