Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ashgabat in Turkmenistan è in cima alla lista

La misteriosa città di Ashgabat è stata classificata come la città più cara al mondo in cui vivere per gli espatriati, davanti a Hong Kong, Tokyo e Ginevra, secondo una nuova classifica mondiale.

Ashgabat è la capitale del Turkmenistan ed è considerata il paese più riservato e isolato dell’Asia centrale, dove i requisiti per i visti severi e confusi significano che pochissime persone visitano.

È in cima alla lista di quest’anno nel Mercer Cost of Living Survey, che classifica 209 città globali in base ai costi comparativi di cose come l’alloggio, le bollette domestiche, i trasporti, il cibo e l’intrattenimento.

Mercer ha affermato che la crisi finanziaria in Turkmenistan, che ha causato iperinflazione e carenza di cibo, è in gran parte alla base del costo della vita nella capitale.

Ashgabat ha preceduto Hong Kong, che in precedenza era in testa, oltre a importanti centri commerciali asiatici come Tokyo, Shanghai, Singapore e Pechino.

La capitale libanese, Beirut, è arrivata al terzo posto, dopo essere salita dal 45esimo posto dello scorso anno. Mercer ha attribuito la sua ascesa a una depressione economica in Libano esacerbata dalla pandemia di Covid-19 e L’esplosione dell’anno scorso a Beirut Ciò ha ucciso 207 persone e ha causato quasi 20 milioni di dollari di danni alle proprietà.

C’erano alcuni posti australiani nell’elenco: Sydney è arrivata a 31, contro i 66 dell’anno scorso; Melbourne era 59esimo dopo essere stato 99. Perth era 66esimo dopo essere stato 104. Canberra era 75esimo dopo essere stato 118. Brisbane era 81esimo dopo essere stato 126. Adelaide era 88esimo, avendo insieme a Brisbane 126esimo l’anno scorso.

L’aumento del dollaro australiano è probabilmente dietro il rally nelle città australiane, CNN menzionato.

READ  Gli equipaggi giapponesi salvano 19 persone dalle frane di fango ad Atami mentre la pioggia torrenziale continua nella zona

In confronto, New York City si è classificata 14, Londra 18, San Francisco 25, Parigi 33 e Oakland 70.

Nel complesso, il passaggio al lavoro a distanza e le restrizioni sui viaggi d’affari potrebbero essere la ragione per cui centri commerciali come Hong Kong e Singapore sono scivolati nelle classifiche, ha detto alla CNN Vince Cordova di Mercer.

“Poiché i tipi di incarichi internazionali cambiano, ciò comporta cambiamenti nella domanda di determinati beni e servizi e diversi profili dei consumatori”, ha affermato.

Ashgabat ha scalato un punto per diventare la città più costosa nel 2021.

Quasi interamente dipendente dalle esportazioni di gas naturale, il Turkmenistan ha faticato a riprendersi dal calo dei prezzi globali dell’energia nel 2014 che ha colpito la valuta locale e ha fatto precipitare molti cittadini nella povertà, riferisce l’AFP.

Anche prima della pandemia, il Turkmenistan era anche uno dei paesi meno visitati al mondo da turisti e professionisti.

Mentre il Turkmenistan ha accolto ufficialmente il turismo prima della pandemia, i visitatori stranieri si sono lamentati di difficili processi burocratici.

In precedenza, tutti i visitatori internazionali richiedevano visti e le visite superiori a cinque giorni richiedevano un tour approvato del paese e prove ufficiali. Solo 105.000 turisti l’hanno visitata nel 2015, secondo i dati del governo.

L’ex paese sovietico è stato in gran parte isolato dal resto del mondo fino alla morte nel 2006 del suo eccentrico dittatore, Saparmurat Niyazov.

Nonostante il paese sia poco conosciuto, è ricco di cultura e storia. Le antiche città di Konye-Urgench e Merv erano tappe impressionanti lungo la Via della Seta e sono incluse nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

READ  L'arco di Darwin crolla al largo delle Isole Galapagos nell'Oceano Pacifico

Ma dei 200.000 turisti che visitano Konye-Urgench ogni anno, solo 3.000 sono visitatori stranieri.