Dicembre 10, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

ASF Italia: Trovato il primo caso in Piemonte

Il primo caso di influenza suina africana (PSA) è stato segnalato in un cinghiale in Piemonte, nell’Italia nord-occidentale.

Un cinghiale infetto da PSA trovato alcuni anni fa allo stato brado vicino a Slin, nella Repubblica Ceca.  - Foto: Petr Satran, Commissione veterinaria statale ceca

Un cinghiale infetto da PSA trovato alcuni anni fa allo stato brado vicino a Slin, nella Repubblica Ceca. – Foto: Petr Satran, Commissione veterinaria statale ceca

Diversi media italiani hanno riportato il caso di un cinghiale morto trovato a Ovada, in provincia di Alessandria. La città si trova 30 km a nord-ovest di Genova e 85 km a sud-est di Torino. Il test dell’Umbria e delle Marche ha confermato l’infezione da parte del Centro nazionale per l’influenza suina (SERF) presso l’Istituto Zuproblastic. Il primo sospetto del virus della PSA è stato fornito dall’Istituto Zoproblastico sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle de Asta.

Misure per il controllo del cinghiale

giornale italiano Corriere della sera Lo ha detto Luigi Genesio Icardi, assessore regionale alla Sanità del Piemonte. Ha detto: Stiamo agendo con molta urgenza. Il coordinamento immediato delle misure di controllo della fauna selvatica è fondamentale per gli sforzi volti a controllare ed eradicare il più possibile la malattia.

“Sono in corso incontri con i servizi veterinari regionali competenti, i funzionari della gestione forestale e il Dipartimento per l’ambiente e la caccia alla fauna selvatica”.

Area colpita da PSA e area di sorveglianza

“Attraverso il Piano nazionale per le emergenze epidemiche, prosegue Icardi, sono state avviate iniziative per istituire unità di crisi a livello locale, regionale e nazionale, per realizzare le azioni previste attraverso manuali operativi e regolamenti specifici. Materia.

“Nel corso delle prossime ore verrà definita la “zona interessata” e la “zona di monitoraggio” con il relativo farmaco”.

READ  Hattiesburg, donna bloccata in Italia per infarto

Implicazioni per il commercio di suini in Italia

Il Corriere della sera Il caso ASF ha affermato che i paesi che non riconoscono la politica di regionalizzazione potrebbero vietare l’importazione di tutti i prodotti suini dall’intero paese in cui si è verificata la PSA, il che potrebbe avere ripercussioni sul commercio di suini italiani.

L’allarme PSA è stato lanciato nei giorni scorsi da Confacricoldura pimonde, parlando del “forte rischio” di propagazione con “eccessiva proliferazione” del cinghiale.

Gene ASF tipo I in Sardegna

Propriamente l’Italia non è esente al 100% dall’influenza suina africana. Nel suo stato insulare, la Sardegna, è diffuso il tipo genetico I dell’influenza suina africana. Era l’ultimo residuo di infezioni da PSA nell’Europa meridionale, che in gran parte si sono concluse negli anni ’80; Questo virus è conosciuto solo in Sardegna.

Sebbene ciò non sia stato segnalato, è logico presumere che l’attuale focolaio sia di tipo II, il tipo attivo nell’ultimo decennio, tra cui Germania, Polonia, Romania, Russia, Asia e Caraibi. È troppo presto per dire come sia finito il virus nel nord-ovest dell’Italia. In linea d’aria, si trova a 800 km dal sito dell’eruzione vicino alla Germania dell’Est. Spesso l’intervento umano può causare la diffusione del virus.