Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Artigiani e operatori sanitari parlano della difficoltà del loro lavoro

È la riforma su cui ognuno ha la sua opinione, direttamente interessato alle sue misure o semplicemente interessato alle sue ripercussioni. Agli annunci fatti all’inizio del 2023, gli artigiani o gli operatori sanitari rispondono sollevando la fatica, la difficoltà della loro vita quotidiana e le malattie che ne derivano.

Ogni giorno prende appuntamenti con i suoi clienti, fa capelli, tinture e tagli… sempre in piedi. Christelle Manson è responsabile del proprio parrucchiere a Mont-de-Marsan. Questa donna, che ha iniziato la sua carriera all’età di quindici anni, si sente già irrequieta. “Quando inizierai a imparare prima di me, sarà molto difficile.

“Nei gesti quotidiani, nelle posture. Siamo in piedi dalle nove del mattino alle dieci di sera, non c’è tempo per mangiare, non c’è tempo per andare in bagno. Abbiamo lavori faticosi”.

Tuttavia, si considera fortunata, perché al momento non avverte dolore alle mani come la maggior parte dei suoi colleghi. Perché la maggior parte dei parrucchieri, dice, prende farmaci per problemi di circolazione, mal di schiena o tunnel carpale.
Parla persino del destino di un’amica che non può più lavorare a causa del dolore al braccio

Pensi anche alle generazioni più giovani che avranno difficoltà con pagamenti mensili minimi.. “Devi prepararti per la pensione. Devi iniziare presto. “”Una volta che hai figli, devi dire loro: ‘Preparati, preparati.'” [la retraite]. ”

I giovani dovrebbero essere incoraggiati a pensarci presto.

Christelle Masson – Parrucchiera a Mont-de-Marsan, Landis

Si china ogni giorno, trasporta carichi pesanti e respira la polvere dei materiali. Stefan Sanchez, 56 anni, è un operaio edile multitasking e soffre di una malattia professionale.

A 56 anni era già riconosciuta come malattia professionale il dolore al ginocchio causato dai lavori che doveva svolgere nell’ambito del suo lavoro, una malattia ribattezzata “malattia di Tiller”.

E quando si parla di riforma delle pensioni, è la rabbia a spingerla “Ho iniziato a 15 anni e mezzo, ho 56 anni, ho problemi di salute e devo lavorare per altri due anni. Con i nostri lavori duri e dolorosi in cui respiriamo polvere minacciosa, ti rendi conto?”

Perché quando parla della sua vita quotidiana, inizia inesorabilmente allo stesso modo:

Ogni mattina la mia prima cosa è prendere una pillola, e non sono l’unico caso nel blocco, e dobbiamo prenderci altri due anni di pausa. Questo è progresso sociale?

Stefan Sanchez – operaio edile

Perché oltre alle ginocchia soffrono anche i polmoni. Arrestato per tre settimane a causa di un distacco della pleura, è stato recentemente interrogato dal suo medico circa il suo uso di materiali di amianto. Ci dice che se avesse saputo quanto fosse grave la sua salute, non avrebbe mai fatto il lavoro.



Durata video: 01 minuti 52

{}



© Televisione francese

Joelle Dufau è infermiera domiciliare dal 1999. Dalle 12 alle 15 ore al giorno, gira per la città di Bordeaux visitando i pazienti di cui è responsabile. “Dovrei andare in pensione a 60 anni, ho tutti i miei corsi, ma non avrò l’età pensionabile legale, quindi di solito è 62. Ma con la nuova riforma saranno 63 e 8 mesi, che, lasciatemi ti dico, non mi piace per niente.”

E quando le abbiamo parlato di partire a 65 anni, ha risposto prontamente “Uh no, non mi sento capace, onestamente, fisicamente, non mi sento capace”, prima di aggiungere “In effetti, devo abbassare un po’ il ritmo…perché ho 57 anni e sono molto stanco”.

Alla domanda se la fisica sia mentale o fisica, lei risponde: “Lunedi”. “Lì fisicamente la mattina: tante macchine, tanti carichi pesanti” Invocando il bagno e la veglia degli anziani che erano diventati dipendenti dall’assistenza fisica. Aggiunto a quel riposo e stanchezza psicologica.

Abbiamo un enorme carico mentale, gestiamo tutto ciò che riguarda il paziente, i medici e la famiglia.

Joelle Dufoux – Infermiera liberale

E sei tu a determinare il tempo che trascorri con i pazienti, aggravato a casa dal dover gestire le pratiche burocratiche e il resto dell’amministrazione.

Lawrence sa già che deve lavorare per altri 12 anni. È una badante all’ospedale EHD di Buskat

Quando Lawrence Millard, con l’aiutante di un’altra infermiera, gesticola per sollevare un vecchio con un argano per metterlo a letto nella sua stanza, lei sussulta per lo sforzo che deve fare per guidare la macchina azionata a mano. Le abbiamo chiesto per quanto tempo pensa di poterlo fare, ha risposto “Il più corto possibile, ho già tutte le articolazioni consumate”, “Oltre i 60 anni è quasi impossibile. Nonostante l’attrezzatura, siamo costretti a fare pressione sulla schiena e sulle articolazioni”.

Jeremy, un altro professionista della salute, è barelliere al CHU Pellegrin Hospital di Bordeaux. “Il disagio è stato evidenziato dal COVID, che ha anche catalizzato la crisi della professione per le badanti”. Orari diurni e notturni in particolare.

“Facciamo 10-15km al giorno e spingiamo 4-5t al giorno se mettiamo tutti i nostri carichi dalla fine. A questo dobbiamo aggiungere il riposizionamento dei pazienti, che deve essere fatto in buone condizioni, perché lo facciamo in uomo”. “.

“Quando vedo i miei compagni di classe a 60 anni, mi chiedo come sarò a 62 anni.

Jeremy, barelliere al Purdue University Hospital

Ma ciò che lo preoccupa non è tanto la sua situazione personale quanto il futuro della professione in generale. “Come portare nuove persone, e meno persone hai, più difficile è. Ero già colpito dal deterioramento della salute di Grinnell, ha detto, “Questa non è una buona notizia.”

Le testimonianze di questi professionisti della salute possono essere trovate in questo rapporto di Victor Gascoat e Pauline Jovigny.



Durata video: 01 minuti 56

{}



© Televisione francese

Al mercato di Pessac, vicino a Bordeaux, i curiosi incontrano mercanti che si alzano all’alba. Come questo commerciante di formaggi, è presente in qualsiasi condizione atmosferica per trasportare e installare le sue merci pesanti sulla sua piattaforma.

È un disagio che non gli impedisce di scherzare con i suoi clienti. Al contrario, sa già che la pensione non è in questo momento, quindi tanto vale prendere le cose dal lato positivo.

Lavoreremo fino alla fine. Come commercianti, lavoreremo fino all’età di 70 anni.

Commerciante al mercato di Pessac nella Gironda

Francia3 Aquitania

E anche se non è d’accordo con il principio, lo sostiene facendo ridere il suo cliente : “Mia moglie, sarebbe una puttana, ma non avrei scelta.”

Nei corridoi, però, anche la giovane pensionata dice la sua: la pensione non le importa affatto. “Dato quello che sto toccando attualmente, non sono interessato al futuro.”.

Quando le è stato chiesto come l’avrebbe presa se avesse dovuto lavorare più a lungo, la risposta è stata come una mannaia. “Oh no, non l’avrei fatto, perché ero una parrucchiera molto dura”.

READ  Dopotutto, le mutazioni del DNA nell'evoluzione delle specie non sono del tutto casuali