Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Arruda non ha rimpianti: ‘Ho fatto quello che pensavo fosse meglio’

Pochi mesi dopo aver consigliato il Quebec di fronte a una delle più grandi epidemie della sua storia, il dottor Horacio Arruda è ancora soddisfatto del lavoro svolto quando era direttore della sanità pubblica.

• Leggi anche: COVID-19: la tesi sulle perdite di laboratorio merita ulteriori studi

• Leggi anche: Niente più programmi di assistenza commerciale di emergenza

• Leggi anche: Distruggere oltre un milione di dosi del vaccino COVID?

Anche se a volte i critici sono duri con lui, il dottor Arruda crede che sia normale che i cittadini facciano domande in una democrazia come quella del Quebec.

“Lo considero del tutto normale. Ho fatto quello che pensavo fosse meglio con il mio team in un contesto che si è evoluto nel tempo perché la scienza non è più nello stesso posto”, ha detto il dottor Arruda a TVA Nouvelles.

La sua nuova missione sarà quella di prendersi cura delle abitudini di vita dei Quebecers, un argomento essenziale secondo lui per ridurre molti dei rischi di malattie.

“Ci sono altre malattie prevenibili come le malattie croniche con le quali uno stile di vita sano può aiutare, e lavoreremo per cambiare il clima, ambienti che consentono alle persone di vivere meglio”, ha affermato.

È probabile che malattie come il vaiolo delle scimmie aumentino a causa del riscaldamento globale.

“Con il cambiamento climatico, avremo una migrazione di malattie che erano più ai tropici che si sposteranno a nord. Penso che il nostro ecosistema, soprattutto con un maggiore contatto con gli animali, rischi di vedere epidemie più spesso”, spiega lo specialista.

READ  Migrare in Istria per sostenere la rete sanitaria

Guarda la sua intervista completa nel video qui sopra.