Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

APX Capital Group mira a essere uno sportello unico per la coproduzione

Il primo film dell’iconico autore Peter Greenaway dal 2015 sarà rivelato entro la fine dell’anno e, quando uscirà sugli schermi, i titoli di testa presenteranno una compagnia con cui i partecipanti al festival potrebbero non avere ancora familiarità. Ma se tutto andrà secondo i loro piani, sarà molto presto.

L’APX Capital Group Film Fund è stato lanciato nell’ottobre 2021 e ha sede a New York. Sebbene la società sia stata coniata meno di un anno fa, APX è già stata impegnata a concludere accordi e partnership, con “Walking to Paris” di Greenaway che è stato il primo di molti. All’inizio di quest’anno, hanno raggiunto un accordo con Matthew Knowles (il padre di Beyoncé) e il suo Music World Entertainment Group per investire 275 milioni di dollari in coproduzioni per il cinema e la televisione italiana. E proprio il mese scorso, la società ha annunciato un accordo con la Cenya Productions di Paula Linhares per lo sviluppo di film per l’America Latina. La divisione latinoamericana di APX, con sede in Brasile, investirà 20 milioni di dollari all’anno nei prossimi cinque anni in co-produzione da Brasile, Messico e Argentina.

APX non è l’unico giocatore di finanza cinematografica con un sacco di soldi che cerca di avere successo in più regioni, ma come osserva Noam Baram, Co-CEO e COO di APX del Nord America: “Abbiamo qualcosa di davvero unico da offrire”.

Spiega: “Da un lato, abbiamo il nostro fondo in collaborazione con [Gruppo] Generali, che è la più grande compagnia assicurativa in Italia e forse in Europa. Certo, molte persone lo hanno [a fund]. Ma abbiamo anche strutture di produzione in Italia, le nostre strutture in Italia includono il secondo studio più grande d’Italia, con 12 palchi, e anche una struttura di post-produzione. Fatta eccezione per l’animazione, possiamo filmare tutto lì. Quindi siamo l’investitore da un lato e il produttore con tutte le strutture dall’altro. Questa combinazione è molto potente”.

READ  Raro Botticelli sotto il martello a New York, un anno dopo il record di vendita

In effetti, queste strutture sono una componente chiave della strategia aziendale di APX: con i crediti d’imposta italiani che forniscono fino al 35% della spesa di produzione per le riprese nazionali, APX può trarre molteplici vantaggi dalla creazione di coproduzioni italiane nel suo spazio di studio.

Prima di APX, Baram ha trascorso gran parte della sua carriera nello sviluppo immobiliare, con la produzione cinematografica come il suo “hobby” – la sua prima produzione “I’m Woody” ha vinto il miglior cortometraggio al New York Independent Film and Video Festival. Gestisce il Nord e il Sud America di APX, mentre il co-CEO Yona Wiesenthal (produttore veterano con crediti tra cui “Shtisel” e “The Gordin Cell”) si concentra su Europa e Israele.

Oltre a Walking to Paris di Greenaway, APX ha anche stretto un accordo per produrre “L’Inverno” di Roland Joffe, un’epopea di guerra con Klaus Maria Brandauer e Olivier Martinez. Baram dice che la compagnia sta sviluppando anche due drammi comici e un film su Federico Fellini. Inoltre, Baram afferma che la società prevede di annunciare presto un grande progetto che descriverà solo come “una replica di uno dei cinque Best Western di sempre”.

Entro la fine dell’anno, Baram afferma che APX ha anche in programma di lanciare un nuovo festival cinematografico in ottobre. Sviluppato in collaborazione con Cathleen Trigg-Jones, fondatrice di iWoman TV, l’iWoman Film Festival si terrà a New York e proietterà esclusivamente film che possono vantare una regista e una produttrice donna. Baram afferma che il vincitore del primo premio riceverà un credito di $ 1 milione in strutture APX italiane per la spesa “come ritiene opportuno”.

READ  Il Super Circo d'Italia sta arrivando a Las Cruces

“Anche oggi non ci sono abbastanza uscite e a volte devi essere dalla parte giusta della storia”, spiega Baram. Il piano è di iniziare in piccolo quest’anno, con 20 film di registi internazionali, e “se questo festival avrà successo, quello che voglio fare è lanciarlo di nuovo l’anno prossimo su scala molto più ampia”.

Parlando di festival, Bram dice che sperava che “Walking to Paris” di Greenaway fosse pronto per essere messo in mostra a Cannes, ma il film – che è in corso dal 2014 e poi si è concluso con il coinvolgimento di APX – è sulla buona strada per finire la post-produzione mentre il festival continua. . Fortunatamente, c’è un’altra opzione.

“Quest’anno ci sarà un intero festival di scultura a Venezia intorno al festival del cinema”, dice. “Ed è perfetto, perché ‘Walking to Paris’ parla di Konstantin Brancusi, che era uno scultore romano. Quindi abbiamo intenzione di mostrarlo fuori concorso”.