Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Apple dice ai fornitori di non utilizzare l’etichetta “Made in Taiwan” sui prodotti provenienti dal Paese

Il gigante della tecnologia Apple ha avvertito i fornitori che spediscono da Taiwan di assicurarsi che rispettino le rigide regole doganali cinesi, impedendo loro di dire “Made in Taiwan”.

L’azienda ha chiesto ai suoi fornitori di seguire la vecchia regola cinese secondo cui qualsiasi prodotto prodotto a Taiwan deve essere etichettato come “Taiwan, Cina” o “Taipei cinese”.

Le tensioni sono aumentate negli Stati Uniti e in Cina, dopo che la presidente della Camera Nancy Pelosi ha visitato Taiwan nonostante i ripetuti avvertimenti dei cinesi di non farlo, sostenendo che si trattava di una “violazione del principio della Cina unica”.

È atterrato a Taipei all’inizio di questa settimana ed è stato ricevuto dal ministro degli Esteri Joseph Wu, prima che il ministero degli Esteri cinese criticasse immediatamente la mossa, definendola un “grave disprezzo per la forte opposizione cinese”.

Secondo una relazione di Nikki AsiaLa visita ha sollevato preoccupazioni per le crescenti barriere commerciali, che hanno preoccupato Apple per “potenziali interruzioni”.

Il produttore di iPhone ha ora avvertito i fornitori che lo stato sta iniziando a far rispettare le proprie rigide abitudini, per assicurarsi che si attengano ad esse per prevenire ulteriori problemi.

Si dice che i capi di Apple siano preoccupati che qualsiasi problema di fornitura possa ritardare il lancio del nuovo iPhone 14 a settembre

Il produttore di iPhone ha ora avvertito i fornitori che il Paese sta iniziando a far rispettare le proprie rigide abitudini, per assicurarsi che si attengano ad esse per prevenire ulteriori problemi

Il produttore di iPhone ha ora avvertito i fornitori che il Paese sta iniziando a far rispettare le proprie rigide abitudini, per assicurarsi che si attengano ad esse per prevenire ulteriori problemi

La presidente della Camera Nancy Pelosi ha twittato una foto dell'arrivo della delegazione del Congresso a Taipei con le parole:

La presidente della Camera Nancy Pelosi ha twittato una foto dell’arrivo della delegazione del Congresso a Taipei con le parole: “La nostra visita ribadisce che l’America è con Taiwan: una democrazia forte e vivace e il nostro importante partner nell’Indo-Pacifico”.

Pegatron Corp., l’assemblatore di iPhone di Apple, ha confermato che la sua fabbrica principale in Cina sta funzionando normalmente tra le accuse secondo cui le loro spedizioni sono state trattenute da funzionari per il controllo.

Secondo il rapporto, la sanzione per violazione della legge è una multa fino a 4.000 yuan ($ 592), o il rifiuto della spedizione.

Taiwan ospita il più grande produttore mondiale di chip per computer, la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC). I chip TSMC sono utilizzati in una varietà di telefoni, incluso l’iPhone 13; auto tra cui Renault Arkana SUV; console di gioco tra cui Nintendo Switch e Playstation 5; ed elettrodomestici intelligenti, incluso il tostapane intelligente Revcook.

La sospensione della produzione di microchip da parte di TSMC significa che Apple fa molto affidamento su Cina e Taiwan per realizzare il componente più importante del suo telefono.

Le informazioni dello scorso anno hanno riportato che il CEO di Apple Tim Cook ha stretto un accordo quinquennale da 275 miliardi di dollari con la Cina nel 2016 al fine di allentare le rigide normative sulle sue attività nel paese. Questo accordo sembra essere stato influenzato dalla rinnovata tensione tra Cina e Taiwan.

Apple non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di DailyMail.com.

La società si prepara a lanciare il suo iPhone di nuova generazione entro la fine dell’anno, poiché i fornitori aumenteranno gli sforzi di produzione per il nuovo telefono a settembre.

READ  L'Australia potrebbe usare le restrizioni di Covid per giustificare il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino | Politica estera australiana

Ciò avviene dopo aver sollevato significative preoccupazioni nel settore tecnologico per l’offerta a causa delle crescenti tensioni tra Taiwan e Cina.

Il produttore di chip di Apple, Taiwan Semiconductor Manufacturing Corporation (TSMC), ha avvertito che una guerra tra Taiwan e la Cina farà “perdenti tutti”, portando a sconvolgimenti economici.

Nella foto, il presidente di TSMC Mark Liu ha affermato all'inizio di questa settimana che l'impianto del produttore di chip, il più grande impianto di semiconduttori del mondo, non sarebbe in grado di funzionare se i cinesi avessero invaso perché non poteva essere gestito

Nella foto, il presidente di TSMC Mark Liu ha affermato all’inizio di questa settimana che l’impianto del produttore di chip, il più grande impianto di semiconduttori del mondo, non sarebbe in grado di funzionare se i cinesi avessero invaso perché non poteva essere gestito “con la forza”.

Tra i crescenti avvertimenti dalla Cina sulla visita di Pelosi, quattro navi statunitensi, inclusa la portaerei USS Ronald Reagan (nella foto), sono state piazzate nelle acque a est di Taiwan durante il dispiegamento.

Tra i crescenti avvertimenti provenienti dalla Cina sulla visita di Pelosi, quattro navi statunitensi, inclusa la portaerei USS Ronald Reagan (nella foto), sono state posizionate nelle acque a est di Taiwan per schieramenti “di routine”.

Il presidente di TSMC Mark Liu ha dichiarato all’inizio di questa settimana che la fabbrica del produttore di chip, il più grande impianto di semiconduttori del mondo, non sarebbe in grado di funzionare se la Cina avesse invaso.

Ha detto alla CNN: “Nessuno può controllare TSMC con la forza. Se prendi una forza militare o invadi, renderai inutilizzabile l’impianto TSMC.

“Poiché si tratta di un impianto di produzione all’avanguardia, si basa sulla comunicazione in tempo reale con il mondo esterno, con l’Europa, il Giappone e gli Stati Uniti, dai materiali ai prodotti chimici, dai componenti ai software di ingegneria e diagnostica”.

Ha esortato Pechino a pensarci due volte prima di intraprendere qualsiasi azione, poiché la Cina rappresenta il 10% degli affari di TSMC.

Taiwan ha prodotto più del 60 per cento dei semiconduttori del mondo l’anno scorso, con Liu che ha esortato tutte le parti a pensare a modi per evitare la guerra in modo che il “motore dell’economia globale” possa continuare a funzionare.

READ  Il concerto del Queen's Platinum Jubilee's Palace include l'orso Paddington, esibizioni da star e una barzelletta su Partygate

Ha aggiunto che si dovrebbero trarre lezioni dall’invasione russa dell’Ucraina, poiché la guerra ha creato una situazione di “perdere, perdere, perdere” per il mondo occidentale, così come per la Russia e l’Ucraina.