Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Antonio Decelli Distefano sulla creazione di “Zero”, Milestone Original per Milestone on Black Youth di Netflix in Italia (esclusiva)

Autore italiano Antonio Decelli Distefano, Che è cresciuto nella città del nord Italia di Ravenna, è un nuovo costruttore Netflix Serie originalezero, Che è la prima serie incentrata sulla vita dei giovani italiani neri di oggi. La ciocca di capelli principale è centrata su Un timido ragazzo nero di nome Zero potrebbe diventare invisibile e usarlo Superpotenza per un tentativo di salvare il Barrio di Milano dalla gentrificazione.

Nato in Italia da genitori angolani, il 28enne Distefano ha co-sceneggiato la serie che è stata ispirata da uno dei suoi libri. Lo spettacolo è stato realizzato anche dal fumettista e sceneggiatore Menotti insieme a Stefano Voltagio (che è anche il suo produttore esecutivo creativo), Massimo Favasori, Carolina Cavalli e Lizandro di Monaco.

Altro da Variety

L’ottava puntata “Zero” è prodotta da Fabola Pictures, con la partecipazione del film Milan Red Joint. Gli episodi andranno in onda su Netflix il 21 aprile. Gli episodi sono diretti da Paula Randi, Evan Silvestrini, Margarita Ferri e Mohamed Houssameddine.

Il cast è composto da giovani e nuovi talenti italiani, tra cui: Giuseppe Dave Secchi (Zero / Omar), Aaron Val (Sheriff), Beatrice Granny (Anna), Richard Dylan Magon (Momo), Daniela Scatulin (Sarah) e Madior. Val (inno), Virgina Diop (Awa), Alex Van Damme (Therno), Frank Crowdel (Sandokan), Giordano de Plano (Richie), Ashai Lombardo Arope (Mariemi), Roberta Matte (The Virgin), Miguel Gobo Diaz (Rico )) E Levio Cooney (miele).

Distefano ha parlato in esclusiva diversi Sulle sfide di presentare la sua storia sullo schermo e sul suo significato simbolico.

Come è nato il progetto?

Netflix mi ha chiamato tramite il mio editore, che mi ha detto: “Vogliono filmare il tuo mondo”. Poi, a causa di varie circostanze, ho finito per chiamare Stefano Voltaggio che voleva portare un progetto su Netflix. Abbiamo collaborato con Menotti e Massimo Vavasori e abbiamo scritto un regalo che abbiamo inviato a Netflix. Dopo un po ‘avanti e indietro, siamo riusciti a farlo diventare verde. Poi, a causa della pandemia, ci è voluto un po ‘di tempo per vederlo sullo schermo.

READ  Almeno 12 persone sono morte in un incidente con la funivia in Italia e due bambini sono rimasti gravemente feriti

Zero si trova in un mondo locale – il quartiere Barrio di Milano – ma ha aspetti cosmopoliti come l’anti-gentrificazione. Come si è adattato il tuo romanzo alla serie?

La serie è ispirata al mio romanzo, ma la storia è diversa. Devo essere onesto … Il mondo di Barrio è un mondo che abbiamo scoperto quando abbiamo iniziato a scrivere la serie. Le prime due settimane di scrittura siamo state a Milano e lei ha suggerito al gruppo di sceneggiatori di andare a Barrio e parlare con i ragazzi lì. Dal momento che metà della sala di scrittura è di Roma, si aspettavano che fosse fatiscente e fatiscente. Invece, il prato è appena tagliato. Tutto era pulito. Ma abbiamo incontrato un gruppo di bambini che ci ha detto di essere stati espulsi dal quartiere. È qui che abbiamo avuto l’idea iniziale.

C’è indubbiamente un grande significato simbolico in questo sintomo. Ma fino a che punto pensi che sarebbe davvero un pioniere?

Il mio obiettivo dall’inizio era che avessimo eroi neri [on the show] Dovrebbe durare solo una settimana. Lo spero davvero [once it premieres]Le persone mi chiederanno solo: “Cosa succederà nella prossima stagione?” [if we ever do it]Oppure, “Perché Zero fa questo o quello?” questo è il mio obiettivo. Arrivare al punto in cui non si tratta solo di esistenza La prima serie in cui gli eroi sono bambini neri italiani. Tuttavia, ovviamente ha un significato simbolico. La metafora dell’invisibilità è molto importante nella nostra società. Se lo sei, puoi accusarti di non essere stato scelto per qualcosa.

Quando ho iniziato a lavorare In questo progetto, continuavo a dirmi: “Non ci sono attori neri”. [in Italy]. Tutti pensavano che non ci fosse niente, e quindi non potevamo raccontare storie di bambini neri. Ma cosa succede ora che lo abbiamo capito? Questa è la domanda che farebbe “zero”. Cambierà qualcosa? Adesso che lo siamo [Black Italian talent] Esiste, verranno poste molte domande. Ora, se non preso in considerazione, hai un problema più grande.

READ  La 'Zoca' italiana incorona la zucca più grande del mondo; Il Belgio punta a riconquistare il titolo

Come ti senti riguardo al fatto che “zero” raggiungerà il pubblico di tutto il mondo? È qualcosa a cui pensi mentre lo scrivi?

Quando lavoro, costruisco sempre le cose mattone per mattone; Non penso mai a un intero muro, perché questo mi ferma. Quindi sto solo iniziando a realizzare il tipo di portata che ha Zero. Ho origini angolane, ma non ho mai avuto contatti con persone in Angola. Negli ultimi giorni, molte persone mi hanno scritto da lì. Quindi ora sto iniziando a rendermi conto di quanto sia importante questo. Questo è quello che ti ho detto prima: si tratta dell’importanza dell’esistenza.

La migliore formazione

Firmato per La newsletter è diversificata. Per le ultime notizie, seguici su Il sito di social networking FacebookE il Twitter, E il Instagram.