Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Anche i dati sanitari dovrebbero essere “curati”

Mentre la trasformazione digitale ha indubbiamente accelerato durante la crisi sanitaria, le notizie recenti ci ricordano il suo carattere più importante nel settore sanitario. Per contrastare i frequenti attacchi informatici agli ospedali francesi e per tenere il passo con il ritardo francese nella sicurezza informatica, il governo ha stanziato un miliardo di euro per sostenere lo sviluppo e le capacità del settore. In effetti, l’uso delle tecnologie in campo medico è stato notevolmente intensificato; È diventato un sistema semi-sistematico negli ultimi anni, migliora il servizio ai pazienti ma solleva così il problema della sicurezza informatica.

Per soddisfare le nuove esigenze di caregiver e pazienti, la telemedicina e la sanità connessa sono diventate essenziali e devono essere attuate in modo generale e non più isolate. Sotto l’influenza della prima prenotazione, il numero di teleconsulti in Francia è triplicato. Più sviluppata in altri paesi europei, la pratica della telemedicina dovrebbe continuare ad avanzare e diventare più democratica nei prossimi anni.

Nel complesso, è possibile migliorare la ricerca medica, le sperimentazioni cliniche e i trattamenti salvavita solo affrontando la sfida tecnologica della digitalizzazione del settore sanitario.

Tuttavia, la trasformazione digitale in questo settore richiede l’utilizzo di una tecnologia adeguata e affidabile. In effetti, l’emergere dell’Internet of Things – orologi, bracciali, telefoni cellulari, dispositivi medici, ecc. – collegato all’Internet of Things ha aumentato il volume di dati in campo medico. Per fornire risultati migliori per i pazienti, le parti interessate del settore sanitario devono essere in grado di pensare dal flusso costante che risulta dalla raccolta di tutti questi dati.

Affrontare le sfide dell’aumento dei volumi di dati

Il monitoraggio della cartella di un paziente, la registrazione dei suoi dati o persino l’ottenimento della cronologia dei trattamenti e degli appuntamenti sono tutte attività dei medici della città che ora vengono svolte in modo semi-sistematico attraverso l’uso di un sistema informatico. L’ospedale è anche un’importante fonte di dati in tempo reale sui pazienti e sulla direzione della fondazione.

READ  14 segni che non ti stai muovendo abbastanza

I dati sanitari, a causa del loro volume e della loro volatilità, generano complesse esigenze di infrastrutture IT per le organizzazioni sanitarie. Infine, restare connessi, anche durante il ricovero, e accedere a una rete sicura e ad alte prestazioni è ora il numero di servizi che i pazienti richiedono e si aspettano.

Queste nuove fonti di dati legate alla digitalizzazione della sanità richiedono l’aggiornamento del settore. In risposta a questo problema, sono stati creati i Gruppi Ospedalieri Regionali (GHT), che riuniscono più di 900 istituzioni in 136 GHT, dando vita a piattaforme mediche e digitali meglio attrezzate e organizzate che hanno contribuito alla razionalizzazione e all’efficienza della gestione.

Passando a una nuova forma di contratto con i fornitori di servizi e scegliendo Software as a Service (SaaS), il centro ospedaliero diventa un hub che riunisce gli ospedali regionali. Questo nuovo sistema consente in particolare di standardizzare le operazioni. In termini di gestione digitale dei pazienti e dei loro dati, i team sanitari globali stanno gradualmente diventando a loro volta dei veri e propri “fornitori di servizi”.

Cybercrime, il secondo virus che affligge il settore sanitario

Non c’è dubbio che la digitalizzazione del settore ha ampliato la portata dell’offensiva delle organizzazioni. Per garantire la continuità dell’assistenza ai pazienti e garantire la sicurezza dei loro dati sensibili, gli ospedali devono rimanere sempre accessibili. Pertanto, il loro compito non può essere svolto sotto la minaccia di hacker, o a condizione che venga pagato un riscatto per riprendere la loro attività.

Oltre a causare notevoli perdite economiche, l’interruzione dell’attività in campo medico rappresenta, soprattutto, un pericolo per la vita degli altri. Ormai bersagli preferiti dei cyber-attaccanti, non è più questione di se l’istituto sanitario verrà attaccato, ma di quando. Un ospedale di Dusseldorf, in Germania, ha dovuto affrontare la prima morte direttamente collegata a un attacco ransomware nel settembre 2020.

READ  Il latte non sarà molto dannoso per la salute

Di fronte all’epidemia di Covid-19, gli ospedali stanno giocando un ruolo essenziale e sono al centro delle preoccupazioni ancora di più quando aumenta il numero di attacchi informatici contro le istituzioni sanitarie. Garantire la sicurezza dei dati con un backup di base alla fine si è rivelato insufficiente con le organizzazioni più colpite, che hanno poi realizzato la necessità di iscriversi a una soluzione completa che garantisse una risposta efficace alle minacce informatiche.

Proteggendo i backup istantaneamente, gli ospedali possono riavviare i propri sistemi IT molto rapidamente dopo un’interruzione, garantendo così un rapido ripristino. Riconoscendo la necessità della sicurezza informatica e dichiarando un sostegno finanziario al settore, il governo ha aperto le porte a una nuova era delle istituzioni sanitarie, caratterizzata da maggiore flessibilità e resilienza di fronte ai rischi di attacco.

Scegliere una risposta tecnologica adeguata, un esercizio di base basic

Per migliorare la gestione e la protezione dei dati nelle organizzazioni sanitarie, l’aggiornamento del backup è diventato un problema importante. Da questo punto di vista, l’utilizzo del cloud e l’ibridazione con host di dati sanitari certificati sembrano essere le risposte più efficaci. Gli host di dati sanitari che forniscono un livello adeguato di sicurezza e resilienza per far fronte alle minacce attuali sono inoltre identificati e certificati dall’Agenzia nazionale per la sicurezza dei sistemi informativi (Anssi).

Questa prima formalizzazione dell’affidabilità e della sicurezza necessarie per utilizzare le tecnologie cloud si sta muovendo verso la consapevolezza dell’importanza di questi problemi da parte degli stakeholder sanitari. Dans cette prospect, il faut s’attendre à une sollicitation croissant de la part de ces acteurs envers les fournisseurs de services technologiques garants de ces pré-requis, pour assicurar la protection de leurs données et mener àlement éré la domain act nume current.

READ  La fisica ha espresso il suo giudizio sulla statua di Flora

Per garantire la disponibilità dei dati sanitari e garantire la continuità operativa in questo periodo di crisi sanitaria, i dati devono essere sottoposti a backup, ridondanti e recuperati il ​​più rapidamente possibile, sia per la medicina generale che per gli ospedali.

Per evitare che le applicazioni e l’infrastruttura digitale in generale diventino un punto debole della sicurezza aziendale, l’implementazione di una solida strategia di gestione dei dati nel cloud diventa una forma di garanzia per questo settore.

Ciò è ancora più importante in un contesto in cui i pazienti vengono rappresentati nella loro salute grazie a strumenti digitali e cose connesse. Di fronte all’evoluzione delle pratiche, si aspettano più liquidità nei rapporti con gli ospedali e la medicina cittadina.