Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Almeno 12 poliziotti iracheni uccisi in un sospetto attacco ISIS vicino a Kirkuk | Notizie ISIL/ISIS

Le autorità affermano che il sanguinoso attentato a sud della città di Kirkuk è avvenuto poco dopo la mezzanotte.

Almeno 12 agenti di polizia iracheni sono stati uccisi in un attacco sospettato di essere stato effettuato dal gruppo armato ISIS (ISIS) a un posto di blocco di sicurezza nel nord del Paese.

Mahmoud Abdel Wahed, corrispondente di Al-Jazeera dalla capitale, Baghdad, ha affermato che il doppio attacco avvenuto domenica nella zona di Al-Rashad, a sud della città di Kirkuk, è avvenuto poco dopo la mezzanotte.

Gli aggressori si sono inizialmente impegnati in uno scontro militare con agenti di polizia durato circa due ore, nel quale sono rimasti uccisi tre agenti. Abdul Wahed ha detto che i rinforzi giunti nell’area sono stati uccisi in un’imboscata usando esplosivi lungo la strada.

Tre agenti di polizia sono rimasti feriti nell’attacco e un altro era disperso.

Nessun gruppo ha subito rivendicato la responsabilità, ma i combattenti dell’Isis sono attivi nell’area e una fonte della sicurezza ha affermato che il gruppo è stato coinvolto.

Separatamente, almeno tre soldati iracheni sono stati uccisi e un altro ferito, domenica, quando uomini armati hanno attaccato un posto di blocco dell’esercito a sud-est della città irachena di Mosul, secondo fonti della sicurezza.

cellule dormienti

L’ISIS ha conquistato parti dell’Iraq in un’offensiva sbagliata nel 2014, prima di essere respinto da una campagna sostenuta dalla coalizione militare guidata dagli Stati Uniti.

Il governo iracheno ha dichiarato il gruppo sconfitto alla fine del 2017, ma ha ancora cellule dormienti che continuano a colpire le forze di sicurezza con attacchi asimmetrici.

Le cellule prendono regolarmente di mira l’esercito e la polizia iracheni nel nord del Paese, ma questo attacco è stato uno dei più mortali di quest’anno.

READ  L'abuso del ragazzo sarebbe coperto da tatuaggi temporanei

L’attentato del 19 luglio, per il quale lo Stato Islamico ha ufficialmente rivendicato la responsabilità, ha ucciso 30 persone nel mercato di al-Wahilat a Sadr City, un sobborgo sciita di Baghdad.

Il numero delle forze della coalizione internazionale in Iraq è attualmente di circa 3.500, di cui 2.500 sono soldati americani.

Tuttavia, Washington ha ridimensionato la sua presenza militare in mezzo agli attacchi alle strutture utilizzate dai gruppi armati allineati all’Iran e ha affermato che dal prossimo anno il ruolo delle forze statunitensi sarà limitato all’addestramento e alla consulenza delle loro controparti irachene.

Domenica scorsa, il presidente francese Emmanuel Macron ha visitato il nord dell’Iraq e ha espresso preoccupazione per il “riemergere” dell’ISIS sia in Iraq che in Siria.

Ha anche detto che i soldati francesi schierati in Iraq come parte della coalizione internazionale rimarranno “qualunque siano le scelte che faranno gli americani”.