Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

All’inizio dell’opera, Yoncheva è preoccupata per la musica classica

NEW YORK — Sonya Yoncheva, cantante soprano all’apice della sua professione, è preoccupata per la musica classica.

“Mio figlio, se glielo chiedo, dice sempre: ‘Voglio essere come Ronaldo.'” E più tardi, se chiedi a mia figlia, lei dirà: “Voglio essere Lady Gaga e Beyoncé”, il cantante ha spiegato prima del nuovo spettacolo di produzione di sabato di “Fedora.” Giordano al Metropolitan Opera. I tempi stanno cambiando.”

Nel tentativo di dare forma a progetti e supportare il pubblico dell’opera, Yoncheva lancia la sua etichetta discografica.

Artista Sony Classical dal 2013, Yoncheva chiama “The Courtesan” sulla sua etichetta SY11 Productions, registrato con il direttore Marco Armelliato, il tenore Charles Castronovo e l’Orchestra dell’Opera Italiana Carlo Felice Genova. Sarà lanciato su Amazon il 9 febbraio.

In un momento in cui le vendite e le uscite classiche stavano diminuendo, è stata in grado di scegliere selezioni e persino copertine, questioni soggette a collaborazioni su Sony records.

“Non ho davvero avuto la possibilità di guidare il mio progetto dal primo al primo passo”, ha detto. “Sono sempre stati un’ottima squadra con me, ma non mi sono mai sentito libero”.

Nella sua prima stagione quasi normale dall’inizio della pandemia, Yoncheva canta un revival di “Norma” di Bellini al Met a partire dal 28 febbraio, e poi debutta come Maddalena de Cugni in “Andrea Chénier” di Giordano al Teatro alla Scala di Milano a febbraio 3. May e Cio-Cio-San nella “Madama Butterfly” di Puccini all’Opera di Stato di Vienna il 23 giugno.

“È una delle nostre artiste più importanti”, ha dichiarato Peter Gelb, General Manager di Met. “È un’attrice meravigliosa e una cantante meravigliosa. È il tipo di artista di cui The Met ha bisogno più che mai in questi giorni mentre cerchiamo di rendere l’opera più attraente per un pubblico più ampio. È molto difficile perché il pubblico principale dell’opera è molto più piccolo di prima essere.”

READ  Walter Present annuncia accordo multiregionale con Mediaset Italia - Entertainment Focus

Nata a Plovdiv, in Bulgaria, il giorno di Natale del 1981, Yoncheva ha assistito al concerto “Jardin des Voix” di William Christie nel 2007 e si è trasferita in Svizzera per registrare al Conservatoire de Musique de Genève.

“Volevo venire negli Stati Uniti, ma non ho potuto ottenere una borsa di studio”, ha detto. “A quel tempo, lo stipendio della persona bulgara media era di $ 60 al mese, quindi quando lo confronti con quello che deve essere pagato in un’università negli Stati Uniti, è molto costoso, motivo per cui ho dovuto scegliere l’Europa. Qualcuno mi ha dato una piccola busta con sopra il nome del liceo di Ginevra e questa persona mi ha detto “Dovresti andare lì”, e io ho detto “Va bene”.

Nel 2010, è diventata la prima donna a vincere il Plácido Domingo Opera Competition, e ha continuato a debuttare al Met and Royal Opera (2013), Vienna State Opera (2014), Teatro alla Scala di Milano e Parigi (2017).

Yoncheva ha recitato nella produzione parigina di Klaus Goeth del 2017 de “La Bohème” di Puccini, che è stata trasportata male su uno space shuttle.

“È stato un incubo”, ha detto ridendo, “ma molte persone ne parlano ancora”.

Sono diventato più perspicace con i registi.

“Forse avranno un’idea, okay”, ha detto, “ma voglio che ci credano, che siano onesti e mi spieghino perché”. “Devo crederci, e a volte quello che succede è che loro stessi non ci credono e poi lo fanno per provocare”.

David McVicar sta dirigendo “Fedora” nella sua tredicesima produzione al Met – e una futura messa in scena de “La Gioconda” di Poncelli è prevista – in un crescendo abbastanza tradizionale. La Ioncheva ha fatto il suo debutto alla Scala il 15 ottobre in una produzione di abiti moderni diretta da Mario Martone, ed era preoccupata di essere ascoltata.

READ  La guarigione dal cancro da Stanley Tucci lo ha lasciato senza poter mangiare in Italia

“Il direttore del teatro ha deciso di lasciare tutto il teatro vuoto. Io e Roberto Algna abbiamo lottato tutta la notte per trovare Punto Callas, Punto Caballe, Punto Tebaldi, Punto. e Renata Tebaldi decenni fa.

“Ho finito la produzione e ho detto: ‘Oh mio Dio! Cosa farò al Met?’ ​​Il Met è probabilmente tre volte più grande della Scala”, ha detto Yoncheva. “Ho immediatamente chiamato David e gli ho detto: “Per favore, dimmi che ci sono dei muri. E lui ha detto di sì. “Mi ha mostrato le foto e mi sono sentito rassicurato”.

Il protagonista maschile al Met è il tenore Piotr Beczala. Hanno lavorato insieme per un decennio.

“Suoniamo molto simili”, ha detto Pekzala. “Vengo dall’angolo della lirica e lei viene dall’angolo della lirica, e ora sta cercando di più della raccolta spinto.”

Mentre il Met ha abbandonato i piani per mettere in scena Yoncheva in “Ghosts of Versailles” e “Madama Butterfly” di John Corigliano, si è impegnato in una nuova produzione di “Un Ballo in Maschera (A Masked Ball)” di Verdi e un revival di Pique Dame di Tchaikovsky (La dama di picche)” e “Medea per Cherubini in italiano.

Vive fuori Ginevra con suo marito, il direttore d’orchestra Domingo Hinduyan, che ha conosciuto a scuola. Impegnata con il figlio Mateo di 8 anni e la figlia Sofia di 3 anni, tutta la famiglia è in viaggio per New York per un soggiorno prolungato.

La figlia di Yoncheva guarda alla sua carriera in modo leggermente diverso rispetto al pubblico dell’opera.

“Le chiedo cosa sta facendo suo padre e lei inizia a recitare”, ha detto Yoncheva. Poi le ho chiesto cosa stesse facendo mia madre e lei ha detto: ‘Oh, mamma, sono Elsa di Frozen’, perché mi vesto come una principessa e canto”.

READ  Come il libro di Berkeley del professor Trump ha ispirato il film di Matt Damon