Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Allan Allatova nominato capitano dell’85esimo Wallabies per l’Italia Test Australia Rugby Union

Allan Allatova guiderà i Wallabies per la prima volta da quando è tornato direttamente per lo scontro del tour primaverile australiano con l’Italia a Firenze.

L’Alaladova è uscito nella sconfitta per 30-29 della scorsa settimana contro la Francia dopo aver subito uno shock per 16-15 nell’apertura del tour dei Wallabies contro la Scozia. Ma in base a quanto Dave Rennie valuta la stella dei Brumbies, Alaladova non solo tornerà immediatamente, ma diventerà anche l’85esimo capitano dei Wallabies d’Australia e il primo nuovo capitano di Dean Mumm nel 2015.

La nomina del 28enne renderà sicuramente orgoglioso suo padre Vili. L’amante del cricket Willie, che ha rappresentato le Samoa nella Coppa del mondo di rugby del 1991, ha chiamato suo figlio in onore dell’ex capitano dei test australiano Allan Border.

L’inclusione – e la promozione – del giocatore del 61-Test, combinata con un incantesimo per il capitano del tour James Slipper, significa che i Wallabies inizieranno con due nuovi oggetti di scena contro gli Azzurri.

Tom Robertson ha iniziato a testa bassa su Matt Gibbon dopo che entrambi erano in panchina a Edimburgo, mentre Alaladova ha preso il posto di Danila Duboe.

L’allenatore Rennie è certo di apportare modifiche alla sua linea di fondo dopo che Lalakai Fogheti è stato escluso dal tour per un infortunio alla gamba dopo aver terminato una delle mete dell’anno dei Wallabies a Murrayfield.

Oltre agli aggiustamenti del suo centrocampo, il compagno di squadra di Fogetti nel NSW, Jake Gordon, è in linea per iniziare il suo primo tour.

I Wallabies hanno vinto tutti i 18 test precedenti contro l’Italia e hanno migliorato il record del loro tour europeo portandolo a 2-1 nella partita di sabato (a partire da mezzanotte AEDT) prima di uno scontro con l’Irlanda al primo posto, prima di affrontare il Galles.

READ  Riconoscimento degli errori dell'Italia nella risposta della salute pubblica al COVID-19