Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

All’altezza della sfida nelle Dolomiti italiane

Cosa rende le remote colline così attraenti per i ciclisti irlandesi?

I guerrieri del fine settimana come me che vivono vicino alle montagne di Wicklow hanno l’imbarazzo della scelta quando si tratta di sentieri per escursioni verticali.

Ma la dura realtà è Sally Wicklow Gaps, Elliot Tea e Slave Maan, spietati e tutto ciò che possono essere, da pallidi a insignificanti rispetto alle salite disponibili sul Continente.

Essendo entrato di recente nel ciclismo, sono entrato in questo sport solo a trent’anni. Ma ho subito colto l’errore di arrampicata e per la maggior parte dell’ultimo decennio ho fatto pellegrinaggi annuali sulle Alpi francesi con i miei colleghi dell’Orwell Wheelers Cycling Club di Dublino.

Amici e familiari spesso chiedono perché mettiamo il nostro corpo in questi viaggi. Dovrebbe essere una vacanza, giusto?

La semplice risposta è che, nonostante tutta la sofferenza, niente batte il clamore di conquistare le stesse salite dei corridori professionisti e il cameratismo di una banda di ingranaggi mentre lo facevamo noi.

L’ultimo pellegrinaggio francese è stato l’Étape du Tour nel 2019, culminato in una salita di 36 km in un caldo soffocante fino alla stazione sciistica di Val Thorens.

Non passò molto tempo prima che i pensieri iniziassero a volgersi alla prossima sfida.

Pochi di noi hanno fatto molto ciclismo in Italia e presto è emersa come possibilità la Maratona dles Dolomites, una gran fonduta annuale che copre sette passi di montagna.

Ma quando l’abbiamo guardato, ci è venuta un’idea migliore. Perché non fare tutte o la maggior parte delle grandi arrampicate nelle Dolomiti e nelle Alpi italiane nel corso di una settimana.

Un gruppo di 20 persone di Orwell, un mix di ciclisti maschi e femmine, corridori su strada e ciclisti ricreativi, di età compresa tra i 20 e i 60 anni, si sono riuniti per un giro nel luglio 2020, solo per l’intervento del Covid.

Due rinvii e due anni più tardi di quanto sperassimo, siamo finalmente riusciti a realizzare i nostri sogni italiani all’inizio di questo mese, iniziando un programma che ci porta da Cortina d’Ampezzo nel nord-est a Bormio vicino al confine svizzero attraverso tanti passi di montagna che abbiamo può gestire.

Ciò che si è svolto è stata un’esperienza davvero indimenticabile, a volte stressante ma non spesso noiosa ed esilarante.

I viaggi in Francia in passato ci hanno insegnato tre importanti lezioni che abbiamo preso con noi per il lavoro italiano.

READ  Quote tra Napoli e Bologna: un esperto di calcio svela le migliori scommesse per la partita di Serie A del 28 ottobre 2021

Prima di tutto, devi allenarti un po’ per superare le grandi montagne. Se ci vai poco cotto, farai fatica e non sarà un’esperienza piacevole.

In secondo luogo, l’importanza del rifornimento e dell’umidificazione costanti quando si ha a che fare con temperature elevate e alte non può essere sopravvalutata.

La terza cosa che abbiamo imparato è che con un gruppo numeroso che si sposta da un luogo all’altro, è meglio avere supporto logistico.

Per questo viaggio abbiamo utilizzato i servizi di Destination Sport Experiences, un tour operator sportivo con sede a Manchester.

Ci hanno fornito un autista e un meccanico per aiutarci a spostare la nostra attrezzatura da un hotel all’altro lungo il percorso e assicurarsi che le nostre biciclette fossero in buone condizioni.

La cosa più impressionante è che il pacchetto includeva i servizi di due vincitori di tappa del Giro d’Italia, Andrea Ferrigato e Marco Canola, che ci hanno fatto da guide su strada. Entrambi si sono rivelati ottimi mentori mentre stavamo faticando per arrampicare.

Un viaggio mattutino a Venezia il 4 luglio è stato seguito da un viaggio in autobus sotto un acquazzone a Cortina, una piccola e affascinante località sciistica che ha ospitato le Olimpiadi invernali del 1956.

Miracolosamente, il sole è uscito non appena siamo arrivati ​​e le strade si sono rapidamente asciugate completamente, quindi siamo partiti per provare un po’ di arrampicata locale e ammirare le viste panoramiche.

La prima cosa che ci ha scioccato è stata che non c’era quasi una strada pianeggiante in vista. Si sale o si scende sempre nelle Dolomiti.

Era necessaria molta enfasi sulla prole, che abbiamo riscontrato essere molto più tecnica di quella a cui siamo abituati in Irlanda. Ci siamo anche resi conto che il comportamento di alcuni automobilisti locali, che non consideravano il sorpasso alle curve cieche, ci avrebbe tenuti all’erta per tutta la settimana.

È stata un’introduzione abbastanza carina anche se il programma del giorno successivo era una salita di 90 km e 3200 m di dislivello fino a Corvara.

Ciò è avvenuto a Paso Jiao (16 km, pendenza media 6,5 ​​pezzi), Paso Fdaya (12,7 km, media 7,8 pezzi) e Paso Bordeaux (13 km, media 6 pezzi), tutti e tre a più di 2.000 metri sul livello del mare superficie, Paso Campolongo (3,9 km, media 7,2 pezzi).

READ  DJ italiano accusa Conor McGregor di aver riorganizzato i volti

Mentre la maggior parte concordava sul fatto che Jiao, Bordoi e Campolungo fossero gestibili, il commando era semplicemente brutale.

La pendenza media degli ultimi cinque chilometri è stata di 10,8 blocchi e il 15 per cento di pendenza vicino alla vetta.

Quella notte, Andrea Ferragato poté vedere che alcuni di noi avevano morso più di quanto potessimo masticare e furono licenziati piani per cavalcare di nuovo la bestia il giorno successivo.

La maggior parte del gruppo ha invece preso solo due passi, Passo Valbarolo (13,9 km, media 5,8 pezzi) e ancora Paso Campolungo, mentre alcuni di noi hanno affrontato anche Paso Gardenia (9,6 km media 6,2 pezzi).

Il quarto giorno è stato descritto come un volo di “transizione” da Corvara a Bolzano. La descrizione non gli ha reso giustizia, tuttavia, poiché presenta salite divertenti, paesaggi mozzafiato e proporzioni screpolate.

Inizialmente il Passo Gardenia, la mia salita preferita di questa settimana, seguito dal Passo Sella (5,4 km, media 6,8pc), una lunga discesa fino a Canazei prima di salire al Passo Costalunga (9,3 km, media 4,6pc), che è una ripida escursione a prima ma è in gran parte falso piano negli ultimi 4 km.

Questa è stata seguita da una vertiginosa discesa di 30 km fino a Bolzano. I cambi tecnici hanno presto lasciato il posto a linee rette più lunghe e poi un’esperienza che alcuni nel gruppo hanno trovato esilarante, altri un po’ intimidatorio e altri entrambi.

Abbiamo superato circa 3 chilometri di gallerie, tutte in discesa, alla periferia di Bolzano. Era veloce e furioso, con il rumore delle ruote che giravano e delle macchine in arrivo che provocavano una cacofonia che risuonava dai muri.

Se questo è memorabile, il quinto giorno sarà per sempre impresso nella mia mente quando abbiamo preso il possente Paso dello Stelvio, che si trova a 2.758 metri sul livello del mare.

La salita stessa è lunga 24 km con una pendenza media di 7,8 blocchi. Inizia dolcemente e diventa più difficile man mano che avanzi.

Ma prima di poter iniziare la salita, abbiamo fatto una corsa di 80 km da Bolzano, che è stata molto più difficile del previsto.

READ  Highlight di mercato di sabato: il PSG riceve una grande offerta da Mbappe e prende di mira un altro difensore centrale

Ci siamo trovati colpiti da venti contrari per gran parte del percorso. Dopo Merano, circa 30 km sono stati percorsi su piste ciclabili che ci hanno portato attraverso campi di meli. Questi includevano alcuni tratti di ghiaia dura che hanno lasciato alcuni di noi a chiedersi se ci fossero rimaste delle gambe per lo Stelvio.

Fortunatamente, l’abbiamo fatto tutti è un mostro alto 1.820 metri e 48 curve stipate in quei 24 chilometri. La salita è stata tanto una battaglia psicologica quanto fisica.

Ho scelto un ritmo con cui mi sentivo a mio agio e ho continuato a girare le gambe, bevendo un drink ogni mezzo chilometro e una piccola quantità di cibo ogni due.

Il processo ha spezzato la salita in parti gestibili nella mia testa e ha dato al mio corpo alcune ricompense lungo il percorso.

Raggiungere la vetta ha portato un senso di euforia. Gli estranei hanno applaudito e fatto molte foto.

E poi la situazione è migliorata, con una splendida discesa di 26 km verso Bormio lungo strade molto più tranquille di quelle che abbiamo vissuto all’inizio della settimana.

Il nostro ultimo giorno di pedalata ha preso il più permissivo Passo Gavia, che, sebbene leggermente più lungo dello Stelvio, non era altrettanto ripido, con una pendenza media di 5,6 blocchi.

Bormio era una città meravigliosa e affascinante e un luogo ideale per chiunque fosse interessato alla strada o alla mountain bike, alle passeggiate in collina o allo sci.

Era facile passare qualche ora quella sera vagando per le stradine per dare un’occhiata ai negozi che vendevano abbigliamento e attrezzatura per il ciclismo, mentre la cucina locale era deliziosa.

Con tutte le biciclette messe a posto, la mattina successiva la maggior parte del gruppo ha fatto uno spettacolare giro in funivia fino al Monte Faliceta, a oltre 3.000 metri sul livello del mare.

In cima c’era un ristorante, giustamente chiamato Heaven 3000, dove si bevevano caffè e crappa per proteggersi dal freddo.

Sembrava la cima del mondo e quando abbiamo esaminato la valle sottostante, abbiamo capito che questo era un posto in cui dovevamo tornare di nuovo.