Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Alla manifestazione, il Dipartimento per l’intrattenimento disperato

La fine di febbraio ha segnato l’anno della chiusura dell’industria dell’intrattenimento in Italia a causa di un’infezione da virus corona. Entro due settimane, migliaia di manifestanti hanno espresso la loro rabbia per la mancanza di assistenza governativa e di opportunità per una riapertura sicura delle strade italiane.

Musicisti, artisti, attori e ballerini italiani sono stati sospesi per più di un anno a causa delle restrizioni COVID-19. Nelle città di tutto il paese, i lavoratori della cultura hanno fatto ricorso a esprimere la loro frustrazione sia per la loro povera situazione economica sia per la mancanza di una strategia governativa per riaprire luoghi che seguissero le linee guida del Coronavirus.

L’industria dell’intrattenimento in Italia impiega circa 300.000 persone. Cinema, teatri, sale da concerto e parchi di divertimento sono chiusi da più di un anno, privando questi lavoratori di un reddito stabile.

La scorsa settimana, i manifestanti si sono riuniti davanti a un edificio del governo locale a Milano. Attori e operatori di scena hanno iniziato a prepararsi per uno spettacolo che non era mai accaduto prima, nel tentativo di dimostrare il lavoro coinvolto prima degli spettacoli.

Manifestazioni simili si stanno svolgendo in tutta Italia, comprese Roma e Torino. I manifestanti a Roma hanno suonato strumenti, hanno battuto le palpebre e hanno marciato verso la sede del parlamento.

Lunedì, a Roma, i lavoratori di mostre di viaggio, circhi, parchi di divertimento e fiere hanno protestato. Hanno chiesto l’assistenza del governo, ma hanno ridotto la loro chiusura, considerando che i loro eventi si stavano svolgendo all’esterno.

I dipendenti del settore dell’intrattenimento hanno ricevuto alcuni sussidi governativi durante la crisi, ma è stato irregolare e molti dicono che sia scivolato via. L’economia sommersa italiana del lavoro informale ha impedito a molti di cercare finanziamenti.

Un commovente tributo è stato reso allo staff del dipartimento artistico e culturale italiano in occasione del prestigioso Festival di Sanremo in Italia, attualmente in corso. Alessandra Amoroso, cantante, e Madeleine Gioli, attrice, hanno condannato la continua chiusura.

“Adesso tutto è sospeso, il mondo è fermo, il pubblico è vuoto, la loro vita è più lunga della nostra, ha detto Gioli, [entertainment workers] Difficile da immaginare o in attesa di essere riavviato per un aiuto che non arriverà mai. Amorozo ha aggiunto: “Tuttavia, questi professionisti non possono più aspettare. Molti di loro hanno dovuto rinnovarsi in un nuovo lavoro o non hanno” speranze disperate “di ripristinare la loro dignità nel peggiore dei casi”.

Il messaggio che i manifestanti vogliono trasmettere riguarda più la sopravvivenza economica. Come i manifestanti leggono i cartelli, “La cultura non si spreca”, “Cultura, qualunque cosa serva”, “Un Paese che non investe in teatro è morto, è cattivo”.

Le serrature COVID-19 hanno costretto le persone a rimanere a casa. Film, serie TV e trasmissioni in diretta di innumerevoli eventi culturali hanno un valore inestimabile e ricordano il bisogno umano di cultura e intrattenimento. Gli oppositori devono riconoscere il loro lavoro come questioni essenziali e accettate all’interno del settore, come l’occupazione pericolosa e informale.

In un discorso a metà febbraio, il nuovo primo ministro italiano, Mario Draghi, ha affermato: “La cultura deve essere sostenuta. La perdita economica sarà enorme, ma la perdita di spirito sarà ancora maggiore. “

Le parole ora sono un po ‘confortanti per il personale del dipartimento di cultura italiano che vuole vedere una mappa della riapertura sicura dei luoghi di intrattenimento.

READ  L'epidemia offre agli italiani meridionali la possibilità di tornare a casa