Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Alla fine sei persone sono morte dopo che un ghiacciaio si è staccato in una montagna italiana | Italia

Almeno sei persone sono morte dopo che un grosso pezzo di un ghiacciaio alpino si è staccato ed è precipitato da una montagna in Italia domenica pomeriggio.

Il crollo ha fatto schiantare neve, ghiaccio e rocce contro gli escursionisti lungo il percorso popolare della vetta, uccidendo almeno sei persone e ferendone altre otto, hanno detto i funzionari.

La Squadra nazionale italiana di soccorso alpino e speleologico ha twittato che almeno cinque elicotteri e cani da soccorso sono stati coinvolti nella ricerca in corso della vetta della Marmalada.

Il tweet diceva che gli escursionisti erano “afflitti dal distacco del seracco”, riferendosi al termine tecnico per la vetta del ghiacciaio. Otto persone sono rimaste ferite, due delle quali in condizioni critiche.

Il servizio di spedizione SUEM (Servizio Urgenza Emergenza Medica) con sede nella vicina regione del Veneto ha riferito che 18 persone sono state evacuate dai soccorritori sopra l’area valanghe.

Il servizio di spedizione ha detto che la valanga ha coinvolto “neve, ghiaccio e rocce”.

A circa 3.300 metri (11.000 piedi), la Marmalata è la vetta più alta delle Dolomiti Orientali.

“Un crepaccio si è aperto nel ghiacciaio a causa di una caduta di massi, che ha coinvolto circa 15 persone”, hanno twittato gli addetti all’emergenza.

Il Soccorso alpino ha detto in un tweet che l’area si è interrotta nei pressi di Punta Rocca [Rock Point]”Sull’itinerario normalmente utilizzato per raggiungere la vetta”.

Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato la rottura del ghiaccio. Ma il caldo estremo in Italia dalla fine di giugno potrebbe essere un fattore determinante, ha detto il portavoce del Soccorso alpino Walter Milan alla TV di Stato italiana della RAI.

READ  L'Irlanda si aspetta una forte sfida da parte italiana integrata

“Il caldo è straordinario”, ha detto Milan, aggiungendo che la temperatura nei giorni scorsi al picco era di 10°C (50°F). “Era un caldo estremo”, ha detto Milan. “Chiaramente è qualcosa di insolito.”

Secondo i soccorsi, i feriti sono stati trasportati in aereo in diversi ospedali del Trentino-Alto Adige e del Veneto.