Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Alcuni consigli per affrontare la tua ansia ambientale

Inquinamento atmosferico, scioglimento dei ghiacciai, valanghe, moltiplicazione delle ondate di calore: dopo aver letto queste informazioni, parte della popolazione si trasferirà. Ma per la preoccupazione per l’ambiente, si trasformeranno in un’ossessione. Pierre Chevelle era uno di loro. dopo aver letto Guida in movimento Per Rob Hopkins, è diventato consapevole della possibilità che il nostro mondo crolli. Si immerge rapidamente in uno stato di estrema ansia.

L’ansia ambientale non è una malattia ma “uno stato psicologico di disagio psicologico ed emotivo di fronte alle minacce dei cambiamenti climatici e dei problemi ambientali globali” secondo lo psicologo e psicoterapeuta Pierre-Eric Sutter. Questo disturbo può essere più o meno potente e la sua gravità può essere misurata utilizzando una scala creata da Helen Galen. Esistono cinque categorie di preoccupazioni ambientali e solo queste ultime rientrano nella patologia. “I miei pazienti hanno completato questo questionario e quando sono in quinta elementare, li rimando a un medico o uno psichiatra”, spiega la psicoterapeuta Charlene Schmerber. Per Pierre-Eric Sauter, se il disagio persiste per più di tre o sei mesi, è necessaria una consulenza perché può trasformarsi in disturbo d’ansia generalizzato o depressione reattiva. Per evitare ciò, agli specialisti e alle persone che l’hanno sperimentato è stato chiesto come trattare la loro ansia ambientale. E le soluzioni ci sono!

Parlane con gli altri

“Il pericolo della preoccupazione ambientale è l’isolamento”, afferma immediatamente Pierre-Eric Sauter. Quindi la prima cosa da fare è parlarne. “Ho l’impressione di essere andato dai miei parenti dicendo loro che avevo una grave crisi di ansia ambientale”, afferma Pierre Schevel. Ma per questo è ancora necessario avere parenti che siano reattivi e consapevoli dei problemi climatici. Il giovane se ne rese conto, aveva questa opportunità. Sollevando l’argomento con la sua famiglia, è stato in grado di districare le sue paure. Sua sorella, ad esempio, suggerì di vivere tutti insieme in campagna se si fosse verificato il tracollo. A poco a poco, il giovane si rassicura.

READ  Coronavirus: la traiettoria del mercato si rafforza

Ma questo discorso non deve trasformarsi in un impegno di sensibilizzazione. “I miei pazienti si sentono in colpa se non riescono a educare coloro che li circondano. Ma non sono loro i responsabili di questa consapevolezza”, secondo l’analisi di Charlene Schmerber. Anche il dialogo non dovrebbe trasformarsi in un esercizio di colpa. Inviare un articolo a un amico in viaggio per dimostrargli che è sbagliato volare, ad esempio, è non è il modo migliore per aumentare la consapevolezza, secondo uno psicoterapeuta. Per lei, fare in modo che gli altri vogliano includerli è più saggio”. il mondo non va bene. »

Intraprendi un’azione collettiva

Questo mondo non così ben sviluppato spaventa e paralizza l’ansia ambientale. Questo è spiegato. “Lo stress è un meccanismo che consente di affrontare i pericoli o i problemi percepiti in questo modo”, definisce Pierre-Eric Sauter. “Se attraversiamo la strada e l’autobus sta per sorpassarci, lo stress ci fa fare da parte perché il corpo avverte il pericolo e reagisce immediatamente. Ma di fronte ai problemi climatici, non è possibile una reazione immediata. Quindi questa paura gelida deve trasformarsi in una paura che raccoglie I mezzi: dare senso del proprio impegno attraverso l’azione.

“Devi distinguere tra ciò su cui puoi agire e ciò su cui non puoi agire”, spiega Pierre Schevel. Lottare in un’associazione ambientalista, candidarsi alle elezioni municipali, diventare vegetariani o reindirizzare i propri studi sono tutte azioni utili. Ma dobbiamo sceglierli in base al nostro carattere e ai nostri desideri. Il terapeuta spiega: “Ciò che ha senso per te sarà diverso da ciò che ha senso per me”. Partecipando ad atti di disobbedienza civile, Camille Charbon si è sentita “reclamare forza vitale”.

READ  Contro la chiusura d'emergenza, 80 persone mobilitate

vai gradualmente

L’ansia ambientale è una potenziale disgrazia. Le persone che ne soffrono guardano al futuro e provano un grande senso di urgenza. Per aiutarli, Charline Schmerber li fa lavorare sul presente. “Dico ai miei pazienti, paradossalmente, che dovranno prendersi del tempo. Non prendiamo decisioni giuste in fretta”.

Questo è il consiglio che segue Camille Charbon. La giovane donna ha inizialmente lasciato il suo lavoro come dirigente nell’industria alimentare fornendo conferenze e consigli sulla transizione ambientale alle imprese. Fu solo dopo aver lavorato nelle fattorie durante le vacanze che decise di trasferirsi in campagna. “Mi sono reso conto di non essere in sufficiente contatto con i vivi.”

Riconnettiti con la natura

Pierre-Eric Sauter afferma: “Devi riconsiderare completamente le tue scelte di vita quando hai valori ambientali”. Due mesi fa, Camille lavorava in una fattoria situata nel Maine. Vive lì in una comunità e fa agricoltura sostenibile. Il quadro è collettivo perché le questioni sono collettive. “È stato scientificamente dimostrato che la terapia del calore ha un effetto sulla salute”, afferma lo psicologo. L’escursionismo, le passeggiate nei boschi e il giardinaggio permettono di sentirsi meglio e di uscire dalla logica dello sfruttamento della natura.

“Non credo che la preoccupazione per l’ambiente sia qualcosa che deve essere eliminata”, sfuma Charline Schmerber. “Insegno ai miei pazienti a domare la loro ansia ambientale ea vivere secondo uno standard accettabile che renda conto del lavoro. Quando è uscito l’ultimo rapporto dell’IPCC, Camille si è sentita di nuovo depressa”. Ma ora è convinta che sia più parte della soluzione che del problema.

Per iscriverti al programma Ma tête et moi e ricevere tutti i nuovi episodi, È lì.