Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Albanese afferma che è improbabile che l’Australia sostenga la spinta di Taiwan ad aderire all’accordo di partenariato transpacifico avanzato e completo

Il primo ministro Anthony Albanese ha suggerito che è improbabile che l’Australia sostenga la spinta di Taiwan ad aderire al partenariato globale e avanzato del Trans-Pacifico (CPTPP), una mossa che probabilmente deluderà profondamente Taipei.

L’accordo commerciale regionale comprende 11 paesi intorno all’Oceano Pacifico, tra cui Australia, Canada, Nuova Zelanda e Giappone.

Cina e Taiwan hanno spinto per aderire all’accordo, con il governo di Morrison che ha lasciato la porta aperta per sostenere la richiesta di Taipei.

Ma parlando alla riunione dell’APEC a Bangkok, Albanese ha affermato che l’accordo riguarda solo gli stati-nazione “riconosciuti”, non le economie.

“Il CPTPP è una relazione tra stati-nazione riconosciuti”, ha affermato.

Taiwan è rappresentata qui (nell’APEC) come economia”.

Sebbene Taiwan abbia un governo separato dalla Cina, è riconosciuto solo da 14 paesi tra cui Guatemala e Tuvalu.

Pechino rivendica la proprietà di Taiwan e preme per isolarla diplomaticamente, oltre a negarle l’ingresso negli organismi globali e nei blocchi commerciali.

Tuttavia, l’Australia, come la maggior parte dei paesi, mantiene relazioni informali con Taiwan, oltre a un sano rapporto commerciale.

La dichiarazione del Primo Ministro sembra anche contraddire il testo del CPTPP che non indica che la nazionalità è un prerequisito per aderire al CPTPP.

La sezione sull’adesione al CPTPP afferma che “qualsiasi territorio o paese doganale separato può aderire a questo Accordo” – una definizione che includerebbe chiaramente Taiwan.

Benjamin Herscovitch dell’Australian National University ha affermato che mentre tutti i membri del CPTPP fino ad oggi sono stati stati sovrani riconosciuti a livello internazionale, “non c’è motivo per cui Taiwan non dovrebbe diventare un membro del CPTPP”.

“Il primo ministro molto probabilmente ha parlato male. Come ha detto lui stesso, la posizione australiana non è cambiata”, ha detto.

Il dottor Herscovitch ha anche affermato che il commento del primo ministro è stato “inopportuno” perché è arrivato “solo tre giorni dopo il suo incontro con il presidente Xi Jinping”.

“C’è il pericolo che i suoi commenti sembrino una concessione al governo cinese. La Cina non vuole Taiwan nel CPTPP, ed è possibile che i commenti del primo ministro vengano visti come una vittoria a Pechino”, ha detto.

“Ma non vi è alcuna indicazione che il primo ministro abbia fatto queste osservazioni su richiesta del presidente Xi”.

“Il primo ministro e i ministri degli affari esteri e del commercio dovrebbero chiarire che l’Australia rimane aperta all’adesione di Taiwan al CPTPP. Questo messaggio è fondamentale dato che l’adesione di Taiwan andrebbe a vantaggio dell’Australia sia economicamente che strategicamente”.

Il ministro degli esteri ombra Simon Birmingham ha detto che la dichiarazione del primo ministro era in realtà falsa.

“Sembra che il signor Albanese non sappia o capisca che Taiwan è un membro a pieno titolo, su un piano di parità con qualsiasi altro paese” che partecipa all’OMC, ha detto.

“La sua adesione al CPTPP non dovrebbe essere collegata al suo status di paese, ma dovrebbe essere considerata in termini di merito dell’estensione dell’accordo, dell’importanza di mantenere l’unità tra i membri esistenti e se può soddisfare gli elevati standard dell’accordo .”

Birmingham sembra seria su uno sfondo neutro.
Il ministro degli Esteri ombra Simon Birmingham afferma che le osservazioni di Albanese lo mettono “in contrasto” con il Giappone. (Notizie ABC: Matt Roberts)

Il senatore Birmingham ha anche affermato che le osservazioni del primo ministro lo mettono “in contrasto” con il Giappone, che ha indicato di essere disponibile a includere Taiwan nell’accordo.

“Data la confusione causata dall’errata interpretazione del sig. Albanese e l’approccio molto diverso da quello di un socio anziano del CPTPP, è necessario che il sig. Albanese chiarisca immediatamente le sue osservazioni”, ha affermato.

Ma il sig. Albanese ha indicato che l’adesione del governo alla politica “una sola Cina” era alla base della sua considerazione del CPTPP.

“C’è un sostegno bipartisan per l’unica politica cinese”, ha detto.

“Sosteniamo lo status quo su Taiwan e sullo Stretto di Taiwan. Non vogliamo che alcuna azione unilaterale modifichi questo status quo”.

READ  Il mostro di Wayne Cousins ​​in tribunale