Gennaio 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Al Wake Of Omicron Surge, la serie A ha raggiunto 5.000 tifosi negli stadi. È stata la scelta giusta?

La variante Omicron ha recentemente visto un aumento in tutta Italia, con la registrazione del paese Picco di 220.000 casi giornalieri Con un massimo del 16% di tutti i test Covid-19 che risultano positivi.

Tra la rapida diffusione dell’Omicron, i dirigenti della Serie A hanno preso in considerazione il rinvio del campionato, ma alla fine hanno scelto di ridurre il numero di presenze negli stadi di calcio.

È stata la scelta giusta? Quali implicazioni finanziarie pesano sul campionato mentre i club di Serie A si preparano a limitare il passaggio a 5.000 spettatori?

Ridurre la partecipazione dei tifosi negli stadi

La scorsa settimana, il premier Mario Draghi ha contattato Gabriele Gravina, capo dell’organo di governo del calcio italiano. Draghi ha chiesto a Gravina che il calcio italiano prenda ulteriori misure precauzionali alla luce del gran numero di casi di Covid-19 rilevati nella popolazione.

Un rinvio di due settimane del campionato era uno scenario possibile e avrebbe dato al paese un po’ di tempo per superare l’attuale picco di infezioni da Omicron. Tuttavia, la densità del programma delle squadre non ha reso possibile questa opzione, poiché ci sono molte competizioni nazionali, europee e internazionali che si terranno nella seconda metà della stagione 2021/22.

Per soddisfare la richiesta del governo, le 20 squadre di Serie A hanno deciso all’unanimità di rafforzare le restrizioni alla presenza negli stadi: le partite di campionato in programma il 16 e il 23 gennaio ospiteranno fino a 5.000 persone, con la sezione dei tifosi ospiti rimasta chiusa. Un tentativo di scoraggiare i viaggi lontano dai fan.

Danno finanziario al calcio italiano

Marco Bellinizzo, un esperto finanziario di football stava coprendo l’incrocio Calcio e impresa italiani Per 15 anni mi ha parlato del danno finanziario stimato che avrebbe causato la revisione dei dati sulle presenze per la Prima Divisione.

Bellinazzo ha spiegato che durante un’intera stagione di Serie A, i biglietti generano $ 400 milioni di entrate annuali. Ciò significa che due turni portano una media di circa $ 21 milioni, che i club di Serie A non riusciranno a ottenere nei prossimi due giorni.

Bellinazzo ha spiegato che la perdita di questo tipo di entrate contribuisce al deterioramento della già tesa situazione finanziaria del calcio italiano, un settore che ha perso 1,2 miliardi di euro (1,4 miliardi di dollari) di entrate dall’inizio della pandemia. Allo stesso tempo, ha ricevuto solo lo sport più popolare in Italia 60 milioni di dollari in sovvenzioni dal governo, che rappresenta circa 1/24 delle perdite dichiarate.

E mentre il calcio italiano si aspettava di ricevere più assistenza finanziaria dal governo, la maggior parte dell’aiuto è arrivata sotto forma di differimento delle tasse.

“Non c’era un sostegno reale come c’era per altri settori industriali, solo voci come l’estensione delle scadenze per i pagamenti finanziari e le pensioni”, ha affermato Bellinazzo. “Ma ciò richiede che l’università effettui quei pagamenti, quindi non è una detrazione in termini monetari”.

Quindi un 5.000 fan cap è la scelta giusta?

Poiché le nuove normative richiedono ai tifosi di soddisfare severi requisiti di sicurezza all’ingresso negli stadi (oltre a indossare le mascherine FFP2 per l’intera durata di un evento sportivo, i tifosi sono tenuti a esibire un Super Green Pass, un documento che certifica la prova della vaccinazione o la guarigione da un recente Covid -19 contagio) Bellinazzo ritiene che la Serie A avrebbe dovuto mantenere gli spazi sportivi all’aperto alla portata degli spettatori a metà della capienza.

In questo modo, i club hanno potuto fare affidamento sui ricavi dei biglietti e dell’ospitalità, una fonte di reddito particolarmente necessaria affinché la Prima Divisione iniziasse a riprendersi da due anni di lotte finanziarie.

“Poiché al settore industriale per lo sport – e il calcio – è stato chiesto di fare sacrifici (finanziari) che non sono stati chiesti ad altri settori industriali, penso che sarebbe stato meglio continuare al 50%”, ha detto Bellinazzo, rilevando che per il grandi club, il nuovo massimo di presenze sembrerebbe di giocare a porte chiuse.

“Esso (il limite di 5.000 tifosi) significa sostanzialmente gli stadi vuoti dei grandi club. Squadre come Inter Milan E il Milan porta allo stadio dalle 50 alle 60mila persone, il che significa che nei prossimi due turni di Serie A dovrà rinunciare a un’importante fonte di guadagno”.

Il limite di 5.000 persone rimarrà in vigore fino a dopo la pausa internazionale, che si verificherà nel fine settimana del 30 gennaio.

La Serie A prevede di riportare la capienza dello stadio al 50% nel turno del 6 febbraio, anche se l’emergere della variante Omicron continua a sollevare dubbi sul miglior corso del campionato e del popolo italiano.

READ  Arsenal e Man United avanzano in Europa in semifinale