Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Agenzia stampa degli Emirati – L’economia spaziale lunare è al centro della scena nel Padiglione italiano

DUBAI, 21 ottobre 2021 (WAM) – Nell’ambito delle attività del Padiglione Italia dedicato alla Settimana Spaziale a Expo 2020 Dubai, l’azienda italiana Leonardo, con sede in Italia, ha organizzato la conferenza internazionale dal titolo “The Lunar Space Economy: Primi passi verso una generazione interplanetaria”, 19 ottobre 2021.

Il tema principale dell’evento era l’esplorazione lunare, che è il prossimo passo fondamentale per le agenzie spaziali di tutto il mondo e gli imprenditori privati. Il ritorno sulla superficie lunare è un fattore critico nello sviluppo di una generazione interplanetaria che protegge l’umanità sulla Terra e può anche essere chiamata in futuro a guidarci verso nuovi luoghi in cui vivere nello spazio.

“Le nostre ambizioni collettive nello spazio sono importanti anche per il nostro pianeta e per il suo futuro. Rendere l’esplorazione interplanetaria più sostenibile utilizzando le risorse lunari è un obiettivo. Ma c’è un secondo obiettivo: migliorare la qualità della vita sulla Terra”, ha sottolineato il CEO di Leonardo, Alessandro Profumo. “

Lo spazio può fornire risorse essenziali che saranno scarse o costose per l’ambiente terrestre. “Pensa agli elementi delle terre rare per i dispositivi elettronici, ad esempio. Ci sono anche opportunità per far progredire la scienza e la tecnologia in aree come la generazione di energia, lo stoccaggio di energia, il riciclaggio e la robotica avanzata”, ha aggiunto Profumo.

Esplorazione, estrazione mineraria, tecnologie di recupero e potenziali soluzioni per un habitat vivente sulla Luna sono alcuni dei temi trattati all’evento da agenzie, istituzioni, mondo accademico, industrie e astronauti, che hanno discusso su come creare sinergie per realizzare il 2+2=5 lavoro di equazione.

READ  Jeff Bezos e Lauren Sanchez hanno colpito l'Italia per un premio mentre la sua ex moglie MacKenzie ha donato milioni

Per una grande avventura lunare servono infrastrutture, intelligenza artificiale, robotica, comunicazione, servizi e operazioni, tutte le competenze che il gruppo di Leonardo può fornire. La joint venture Leonardo Thales Alenia Space (Thales 67 percento, Leonardo 33 percento) sta contribuendo alla costruzione del Moon Gateway per la missione Artemis della NASA. Sta costruendo sistemi di missione da Orion, la navicella spaziale per gli astronauti. I sistemi robotici di Leonardo, dotati di algoritmi avanzati e intelligenza artificiale, forniranno un ottimo supporto per la realizzazione di un “villaggio della luna” sostenibile.

Bracci robotici ed esercizi aiuteranno a costruire strutture e scavare ed estrarre risorse dal sottosuolo. Leonardo ha un ruolo di leadership nella robotica spaziale, avendo già sviluppato l’addestramento per le missioni Rosetta, ExoMars 2022, e ora PROSPECT, per la missione Luna27, e progettando bracci robotici per il programma Mars Sample Return. Infine, Telespazio (Leonardo 67 per cento, Thales 33 per cento) è stata recentemente selezionata dall’Agenzia spaziale europea per studiare le comunicazioni lunari e le infrastrutture di navigazione.