Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Afghanistan: perché l’acquisizione talebana della valle del Panjshir è così importante

Per decenni, i più grandi eserciti del mondo hanno tentato di impadronirsi della più potente roccaforte in Afghanistan, e tutti hanno fallito. I talebani ci hanno provato anche questa settimana.

Per decenni, alcune delle più grandi forze militari del mondo hanno tentato di prendere il controllo della Valle del Panjshir, un’aspra regione montuosa che è stata a lungo una roccaforte delle forze di resistenza afghane.

La Valle del Panjshir, 70 km a nord di Kabul, si trova tra le montagne dell’Hindu Kush e collega la capitale afghana con il nord del Paese e persino con l’Uzbekistan.

Nel 1979, un’insurrezione del famoso comandante mujaheddin Ahmad Shah Massoud lanciò un’operazione di guerriglia nella valle per attaccare l’esercito sovietico, che attualmente occupava l’Afghanistan.

Dopo sei anni di brutale guerra nel tentativo di ottenere il controllo della valle, l’allora presidente dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbaciov disse che la nazione si sarebbe ritirata completamente dall’Afghanistan.

Masoud, che era conosciuto come il Leone del Panjshir, riuscì di nuovo 10 anni dopo, quando i talebani combatterono per il controllo della valle tra il 1996 e il 2001.

È stato assassinato due giorni prima degli attacchi dell’11 settembre, il 9 settembre 2001.

Vent’anni dopo, la valle è stata l’ultimo luogo a negare il dominio dei talebani, settimane dopo che il gruppo militante è salito al potere in Afghanistan.

Le forze anti-talebane si sono addestrate per settimane nella valle, guidate dal figlio di Masoud, Ahmed Masoud, e si sono preparate per un’altra guerra.

Ma in un lotto finale questa settimana, il I talebani hanno dichiarato vittoria sull’impenetrabile fortezza.


Lunedì i talebani hanno affermato di avere il completo controllo dell’Afghanistan, affermando di aver vinto la battaglia principale nella valle del Panjshir, l’ultimo baluardo della resistenza contro il loro dominio.

READ  Inizia la sperimentazione clinica di un vaccino Covid-19 senza ago بدءبدء

Dopo la rapida vittoria a metà agosto sulle forze di sicurezza dell’ex governo afghano e il ritiro delle forze statunitensi dopo 20 anni di guerra, i talebani si sono rivolti a combattere le forze che difendono la montagnosa valle del Panjshir.

Mentre i militanti islamisti dichiaravano vittoria, il loro portavoce principale metteva in guardia contro ogni ulteriore tentativo di rivolta contro il loro governo, mentre esortava gli ex membri delle forze di sicurezza a unirsi ai ranghi del loro regime.

“Con questa vittoria, il nostro Paese uscirà completamente dal pantano della guerra”, ha detto il portavoce dell’esercito Zabihullah Mujahid.

Chiunque tenti di iniziare una ribellione sarebbe gravemente ferito. Ha poi aggiunto in una conferenza stampa a Kabul.

I talebani hanno diffuso un video della loro bandiera che sventola sulla casa del governatore nel Panjshir, sottolineando una vittoria storica che ha visto una roccaforte anti-talebana sconfitta per la prima volta in 40 anni di conflitto.

I combattenti talebani sono entrati nella preghiera mentre la loro bandiera veniva sventolata da sopra l’asta della bandiera.

Nei video che circolano sui social media pro-talebani, i combattenti sono passati sotto immagini che riverivano il loro vecchio nemico, il defunto leader della resistenza del Panjshir Ahmad Shah Massoud.

Poco dopo, in una foto diffusa dall’ufficiale talebano Bilal Karimi, si vede la stessa foto di Massoud con il volto straziato.

Poi i militanti talebani stanno davanti all’immagine strappata.

Il Fronte di resistenza nazionale del Panjshir – composto da milizie anti-talebane ed ex forze di sicurezza afghane – ha riconosciuto domenica di aver subito pesanti perdite sul campo di battaglia e ha chiesto un cessate il fuoco.

READ  Eruzione del vulcano nelle Isole Canarie spagnole

Il Fronte di Salvezza Nazionale ha detto che il suo portavoce Fahim Dashti – un noto giornalista afgano – e un alto comandante, il generale Abdul Wadud Zara, sono stati uccisi.

Ma il gruppo ha detto lunedì in un tweet che i suoi combattenti erano ancora presenti in “luoghi strategici” nella valle.

Il Fronte di Salvezza Nazionale comprende combattenti locali fedeli ad Ahmed Masoud e resti dell’esercito afghano, che si è ritirato nella valle del Panjshir.

Con i combattenti talebani che si radunano nella valle, lunedì Massoud ha invitato gli afgani all’interno e all’esterno del paese alla “rivolta della resistenza”.

“Quanto a coloro che vogliono imbracciare le armi”, disse, “noi siamo con voi”.

“Quanto a coloro che ricorreranno alla protesta, noi staremo al vostro fianco”.

Sotto il padre di Masoud, Ahmad Shah, I combattenti del Panjshir si guadagnarono una leggendaria reputazione di resistenza, difendendo le loro case di montagna.

Il canyon di 115 chilometri circondato da cime frastagliate innevate forniva ai difensori un vantaggio militare naturale, consentendo loro di utilizzare posizioni elevate per tendere un’imboscata alle forze attaccanti sottostanti.

Ma hanno dovuto affrontare i tagli di Internet da parte dei talebani e la chiusura delle vie di rifornimento.

In precedenza, i combattenti del Panjshir svanirono di fronte alle forze che avanzavano, si nascosero nei canyon al largo della valle principale e poi lanciarono incursioni di guerriglia.

Ma incoraggiati dalle loro travolgenti vittorie nel resto del paese, i talebani si sono impossessati di un vasto arsenale di armi ed equipaggiamenti militari forniti dagli Stati Uniti ora lasciati per l’esercito afghano sconfitto.

– NScon AFP

READ  Il Papa attacca il cardinale dei vaccini