Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Aecom sta lavorando al primo tentativo in Italia di realizzare una ferrovia a idrogeno

Immagine per gentile concessione di Ibertola

Firmato un protocollo d’intesa per trasformare la storica ferrovia appenninica italiana in una a idrogeno, che attraversa montagne abitate da terremoti.

I firmatari sono la società di costruzioni americana Ecom, la società di servizi spagnola Ibertola, lo sviluppatore di standard italiano Ancital Energia e Ambiente e la società italiana di idrogeno Zinc International.

Finanziato dalla European Clean Hydrogen Alliance, il progetto mira a sostituire i vecchi motori diesel con motori alimentati a idrogeno, che secondo Ibertola costeranno “drasticamente meno” rispetto all’elettrificazione della linea.

Il suo obiettivo è rivitalizzare le aree montuose abitate da persone colpite dalla deindustrializzazione e dai terremoti nel 2009, 2016 e 2017.

La linea collega Perugia, Terni, la Toscana e l’Umbria, da Sanspolkro nella provincia settentrionale di Arezzo a Sulmona nella provincia dell’Aquila nell’Italia centrale.

Un altro modo in questo MoU è includere una valutazione tecnica del funzionamento di due ferrovie marittime sull’idrogeno verde. Collega gli aeroporti di Fyomingo e Roma con San Benedetto del Trono via Riti, Amritsar e Ascoli Piceno.

Lorenzo Costandini, Responsabile Italia, Ebertola, Disse Il progetto “mira ad avere un impatto economico e sociale significativo, sostenendo le aree colpite da eventi sismici negli ultimi anni”.

I lavori preliminari sulla ferrovia appenninica includeranno una revisione del 2019 da parte dell’Ufficio idrogeno italiano, uno studio di fattibilità per il 2020 e consultazioni comunitarie nel dicembre 2020. È stato selezionato nel luglio 2021 dalla European Pure Hydrogen Alliance.

Immagine per gentile concessione di Ibertola

READ  Afte lancia l'operazione europea ClearBay in Francia, Spagna e Italia