Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Adidas è entrata in una storica disputa tra Marocco e Algeria sul design della nuova maglia

I marocchini si sono affrettati a utilizzare i social media per accusare Adidas di appropriazione culturale sulla loro nuova maglia da calcio algerina pre-partita.

Il kit di allenamento del gruppo culturale per la prossima stagione della nazionale di calcio algerina comprende una maglia multicolore dal design geometrico.

Il marchio di abbigliamento sportivo tedesco ha affermato di essersi ispirato allo storico Ksar El Mechouar a Tlemcen, nel nord-ovest dell’Algeria, e di aver basato il design sulle piastrelle zellige che avvolgono il palazzo interno.

Mentre molti algerini sono entusiasti del lancio del gruppo alla fine di questo mese, la risposta di molti marocchini nelle vicinanze sui social media è stata critica.

Anche l’avvocato Mourad El Jaouati ha emesso un avvertimento legale all’Adidas a nome del Ministero della Cultura del Marocco, chiedendo che la maglia fosse rimossa entro due settimane.

In un post su Facebook, El-Gawati ha affermato che si trattava di un “tentativo di rubare una forma del patrimonio culturale marocchino e usarlo fuori contesto”.

Si tratta davvero della maglia?

Palazzo finemente piastrellato all'esterno di fronte a una piscina piastrellata poco profonda.
Le piastrelle Qasr Al Mechoir si ispirano alla nuova collezione calcio adidas.(Notizie ABC: Reema Cheer)

La domanda ora è: adidas culturalmente appropriata per questo set di allenamento?

La risposta breve è no.

Ksar El Mechouar a Tlemcen, Algeria, fu costruito nel XIII secolo all’inizio della dinastia zayanide.

Nel mondo islamico occidentale – noto anche come Maghreb, che si riferisce ai paesi dell’Africa nord-occidentale – la piastrellatura zellige è la forma di architettura più tradizionale.

I frammenti di zellij più antichi sono stati trovati in Tunisia nell’XI secolo. Quindi si diresse a ovest verso la penisola iberica e formò lo stile architettonico in Spagna sotto l’impero andaluso.

Divenne uno stile generalizzato in tutta la regione del Maghreb nel XIV secolo.

Ciò significa che il Marocco e l’Algeria hanno una storia e un’identità comuni che risalgono a centinaia di anni prima dei paesi e che la piastrellatura è persino esistita.

Se non si tratta di architettura, da dove viene l’inimicizia?

Persistono le tensioni post-coloniali

Mappa del Marocco.
La mappa del Marocco del 2007 mostra il confine con l’Algeria.(Wikimedia: cartografo delle Nazioni Unite)

Non è la prima volta che i due paesi vicini litigano su chi possiede cosa.

Dal cous cous e tagine all’invenzione della musica rai, quella che era iniziata come un’amichevole rivalità si è intensificata negli ultimi decenni con il deterioramento della situazione politica.

Le ex colonie francesi sono bloccate in un vicolo cieco sul Sahara occidentale dal 1975, quando il Marocco ha annesso il territorio alla Spagna.

Il Sahara occidentale combatte per l’indipendenza dal 1973, guidato dal movimento nazionalista noto come Fronte Polisario.

Il Fronte Polisario è riconosciuto dalle Nazioni Unite, dall’Unione Africana e da altri paesi come legittimo rappresentante del suo popolo.

L’Algeria ha sostenuto finanziariamente il Polisario e il suo esercito, opponendosi chiaramente alla decisione del Marocco di annettere il territorio.

Una disputa sul territorio ha causato il continuo deterioramento delle relazioni diplomatiche tra Algeria e Marocco e il confine terrestre tra loro è stato definitivamente chiuso nel 1994.

L’accordo di Trump aumenta la tensione

Le persone si trovano al confine tra Marocco e Algeria.
Le persone si chiamano a vicenda oltre il confine tra Algeria e Marocco.(Notizie ABC: Reema Cheer)

Le cose sono peggiorate nel dicembre 2020, quando il Marocco è diventato il quarto paese della Lega Araba a normalizzare le relazioni con Israele.

L’amministrazione Trump ha mediato l’accordo e il Marocco ha accettato a condizione che gli Stati Uniti non riconoscessero il Sahara occidentale come paese indipendente.

In risposta, l’Algeria ha raddoppiato il suo sostegno all’establishment politico palestinese e al suo popolo.

Sebbene sia il popolo marocchino che quello algerino siano stati in grado di separare la politica e gli affari del governo e rimanere amichevoli, quest’ultimo ha teso le relazioni a tutti i livelli.

Oggi non è raro vedere giovani su entrambi i lati del confine algerino-marocchino litigare tra loro, con lo stesso tono che si riflette sui social media.

La difficile frontiera è fonte di angoscia, con molte famiglie sparse mentre dividevano le città nel mezzo.

Possono visitarsi solo in aereo o via mare, quindi per coloro che non possono viaggiare, il checkpoint è il più vicino che possono raggiungere i loro cari.

I checkpoint sono una metafora dell’area, dove le persone che hanno condiviso storia, cultura e antenati sono divise da una linea arbitraria.

La divisa da allenamento algerina è solo la punta dell’iceberg di una lunga disputa, e non è chiaro se le due parti si incontreranno.

READ  L'occupazione alza il tetto dell'immigrazione; Proseguimento del Vertice sul lavoro 2022; Revisione dell'isolamento COVID messa in discussione da AMA; Bassi prezzi delle case in Australia; Il primo ministro britannico nominato la prossima settimana; Malcolm Turnbull ha protestato all'Università di Sydney