Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Accordo fiscale globale sostenuto da 130 paesi

emesso in: la media:

Parigi (AFP)

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha dichiarato giovedì che 130 paesi hanno concordato una riforma fiscale globale che assicurerà che le multinazionali paghino la loro giusta quota ovunque svolgano affari, ma alcuni paesi dell’Unione europea si sono rifiutati di aderire.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha dichiarato in una nota che le società globali, tra cui i giganti statunitensi Google, Amazon, Facebook e Apple, saranno tassate con un’aliquota di almeno il 15% una volta attuato l’accordo.

Il nuovo sistema fiscale aggiungerà circa 150 miliardi di dollari alle casse del governo in tutto il mondo.

“Il quadro aggiorna gli elementi chiave del sistema fiscale internazionale secolare, che non è più adatto allo scopo nell’economia globalizzata e digitalizzata del 21° secolo”, ha affermato l’OCSE.

L’accordo formale arriva dopo che il Gruppo dei Sette nazioni ricche ha ratificato il mese scorso in un incontro in Gran Bretagna. I negoziati si spostano ora alla riunione del G-20 delle economie avanzate ed emergenti il ​​9-10 luglio a Venezia, in Italia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che l’ultimo accordo “ci mette a pochi passi da un accordo globale completo per fermare la corsa al ribasso della tassazione delle imprese”.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Willett lo ha definito “storico”.

La Germania, un altro sostenitore della riforma fiscale, lo ha elogiato per aver compiuto “un enorme passo avanti verso la giustizia fiscale” e la Francia ha affermato che è “l’accordo fiscale più importante in un secolo”.

READ  Il Qatar si aspetta 20 miliardi di dollari di sostegno economico dai Mondiali del 2022

“Il fatto che 130 paesi in tutto il mondo, inclusi tutti i paesi del G20, rappresenti un altro passo nella nostra missione di riformare la tassazione globale”, ha affermato il ministro delle finanze britannico Rishi Sunak, il cui paese detiene la presidenza del G7.

– ‘Nell’interesse di tutti’ –

Ma l’organizzazione ha affermato che i paesi dell’Unione europea a bassa tassazione, Irlanda e Ungheria, si sono rifiutati di firmare l’accordo raggiunto nel quadro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, evidenziando le persistenti divisioni sulla tassazione globale.

Entrambi i paesi fanno parte di un gruppo di paesi dell’Unione europea, tra cui anche Lussemburgo e Polonia, che hanno fatto affidamento su aliquote fiscali basse per attrarre società multinazionali e costruire le proprie economie.

L’Irlanda, patria di colossi della tecnologia come Facebook, Google e Apple, ha un’aliquota dell’imposta sulle società di appena il 12,5%.

Il ministro delle finanze irlandese Pascal Donohoe ha avvertito che le nuove regole, se attuate, potrebbero far perdere all’Irlanda il 20% delle entrate aziendali.

# foto 1

Nove dei 139 partecipanti ai colloqui non hanno ancora firmato l’accordo.

Ma la Cina, la cui posizione è stata attentamente monitorata in quanto offre incentivi fiscali a settori chiave, ha sostenuto l’accordo.

“È nell’interesse di tutti raggiungere un accordo finale tra tutti i membri del quadro globale, come previsto entro la fine dell’anno”, ha affermato il segretario generale dell’OCSE Matthias Kormann.

“Questo pacchetto non elimina la concorrenza fiscale, come non dovrebbe, ma pone limiti concordati a livello multilaterale su di essa”, ha affermato Corman, aggiungendo che “accoglie anche vari interessi al tavolo dei negoziati, anche nelle piccole economie e nelle giurisdizioni in via di sviluppo”.

READ  Prezzi selvaggi delle case: vincitori e vinti dalla pandemia

– Economia globale “più equa” –

I funzionari finanziari hanno descritto la tassa minima come necessaria per arginare la concorrenza tra i paesi su chi può offrire l’aliquota più bassa alle multinazionali.

Per Biden, un accordo fiscale globale aiuterebbe a mantenere gli Stati Uniti competitivi poiché ha proposto di aumentare le tasse sulle società nazionali per pagare un programma di infrastrutture e posti di lavoro di quasi $ 2 trilioni.

Biden ha elogiato “un passo importante nel far progredire l’economia globale per essere più equa per i lavoratori e le famiglie della classe media negli Stati Uniti e in tutto il mondo”.

Ha sottolineato che quei paesi che hanno firmato l’accordo costituiscono oltre il 90 per cento dell’economia mondiale.

La dichiarazione dell’Ocse afferma che il pacchetto “fornirà il supporto tanto necessario ai governi che hanno bisogno di aumentare le entrate necessarie” per riformare i propri bilanci e investire in misure a sostegno della ripresa post-Covid.

Un accordo di attuazione è previsto per ottobre, ha aggiunto.

burs-jh / sjw / lth