Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

aactWorldFest torna questo mese al Teatro di Venezia



Le questioni in continua evoluzione che riguardano la politica globale, i visti e le precauzioni per COVID hanno segnato il programma di questo mese aactWorldFest in Teatro di Venezia Più impegnativo del solito. (VT ha ospitato più volte il Festival Teatrale Biennale della Società Internazionale dal 2010; ha dovuto essere cancellato due anni fa con lo scoppio della pandemia.)

Quando abbiamo parlato con Murray Chase, il capo della produzione di VT, aveva appena riattaccato il telefono con un gruppo teatrale con sede in Bangladesh che sperava ancora di esibirsi al festival dal 20 al 26 giugno. Ma la complessità delle pratiche burocratiche legate ai viaggi in giro per il mondo hanno reso la programmazione un’impresa sempre più dell’ultimo minuto.

“Abbiamo un altro gruppo della Repubblica Centrafricana che vuole venire e saranno una grande aggiunta al festival”, dice Chase. “Ma la Repubblica Centrafricana non rilascia visti per spettacoli, quindi devono andare in Camerun a prenderli – e gli è stato detto che la prima possibilità di avere un appuntamento sarebbe stato a metà luglio” – dopo la fine del festival. “Ora hanno un nuovo appuntamento il 13 giugno, quindi non sapremo fino alla settimana prima” se potranno farlo.

Nel frattempo, il festival mondiale accoglierà 13 gruppi teatrali, presentando 14 spettacoli diversi da 11 paesi. Come sempre, il festival sta dimostrando che il linguaggio non è una barriera, poiché le band mescolano musica, spettacoli di burattini, clownerie e proiezioni video per raccontare storie di richiamo globale.

In rosa finora:

Dall’Armenia, lo State Puppet Theatre di Yerevan tornerà con due spettacoli. il lupo è una fiaba armena che prende vita attraverso pupazzi, ombre, luci e altro; lo straniero incidente con il cane di notte È un adattamento del popolare romanzo britannico, tradotto in armeno con il permesso dell’autore Mark Haddon.

READ  Nick Strobel: molto da vedere nel cielo di novembre | intrattenimento


Dal Brasile, il pluripremiato burattinaio e musicista Caio Stolai è stato un artista frequente Circo Puera (Circo di polvere). La mostra personale con un vecchio maestro del circo che racconta i suoi ricordi dei tempi passati è stata un grande successo al festival 2010.

La band francese Nez Nets et Cie presenta, attraverso un misto di sciocchezze francesi e slapstick, non in rustico de Nos (La vita ci sogna). Il German Wild Bunch torna da Berlino con Der Kinoerzähler (“The Film Narrator”), con tre attori, un sassofonista e un batterista, racconta la storia di un nonno che si difende dal licenziamento.



Serve il Teatro delle Ombre italiano Clan Macbeth, una produzione surreale basata sul classico racconto di Shakespeare, e si concentra su un generale scozzese e una donna, ma aggiunge anche un nuovo spaventoso personaggio di Joker. Dall’Italia anche: Maner Manush, produttore di Commedia dell’arte Il Viaggio fantastico.

Il Teatro Zapadnia della Polonia torna al festival con simbiosiIspirato dal romanzo il piano InsegnanteCi si aspetta che sia visivamente sbalorditivo. Lo Swiss Bellow Theater presenta uno spettacolo intitolato passione, E il Regno Unito ha inviato la Scrambled Egg Theatre Company con uno spettacolo comico uomo senza importanza, utilizzando tempismo, musica ed effetti sonori per entrare nel mondo delle spie. Gli Stati Uniti d’America saranno rappresentati da Katori Hall’s la cima della montagnache è una rappresentazione immaginaria dell’ultima notte sulla terra di Martin Luther King Jr. interpretata dai giocatori di Lexington dal New England.

La compagnia ucraina Splash Theatre presenterà uno spettacolo virtuale per questo felicità rubata, con canti, balli e costumi del folclore ucraino. Chase dice che la compagnia è riuscita a fuggire dall’Ucraina dilaniata dalla guerra alla Slovacchia, ma sfortunatamente non potrà esibirsi qui di persona.

READ  Rady Shyam, Direttore Tecnico, svela come è nata l'Italia negli anni Settanta

E comunque, quella band del Bangladesh, Loko Natidal, volere Sii nei tempi previsti, eseguendo un classico dramma bengalese della mitologia indù intitolato Tapaswi-O-Trangini.

Chase aggiunge inoltre che il festival includerà laboratori didattici e opportunità per socializzare durante la corsa, tenendo presente le precauzioni Covid e rendendo la programmazione meno affollata rispetto al passato. Sebbene il VT non abbia chiesto ai clienti di indossare maschere nelle ultime settimane, il teatro continuerà a monitorare l’alto tasso di casi prima che il festival inizi a vedere se le maschere possono essere restituite.

Ci sono molti pacchetti di registrazione disponibili per i fan. Per informazioni complete chiamare (941) 488-1115 o visitare venicetheatre.org/international.