Agosto 9, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

A Vaulx-en-Velin, un centro benessere dove “la gente si sente ascoltata”

Scritto da Sandrine Cabot e Bruno Amselm / Divergence

Inserito oggi alle 03:30

Nello studio medico, un poster colorato attira l’attenzione. Offre laboratori “fai da te” (installazione su parquet, pittura, porcellana), per creare uno “spazio benessere” nel centro benessere. Coinvolgere i pazienti a lavorare nelle stanze di cura? Il principio è sorprendente. Ma qui, la partecipazione di quelli che chiamiamo “utenti” è al centro del progetto.

100 “Frammenti di Francia”

Sei mesi prima delle elezioni presidenziali, Lo scienziato Dipinge un quadro unico del paese. 100 giornalisti e 100 fotografi hanno fatto il giro del campo a settembre per fotografare oggi la Francia. Un’immagine contrastante, a volte sottile, spesso dura, sempre lontana dai pregiudizi. Questi 100 rapporti possono essere trovati in un grande formato numerico.

Ouvert en ottobre 2018 au pied d’une tour du quartier Ecoin-Thibaude, à Vaulx-en-Velin (Rhône), Santé commune est un centre de santé participatif (égallement appelé « communautaire »), un modèle de soins encore trèpandus peu in Francia. “L’idea di questo spazio di lusso è quella di fornire un posto alle persone che vivono per strada per fare la doccia e prendersi cura di se stesse prima di andare dal medico”., spiega Camille Salmon, project manager di questa struttura autogestita. Insomma, consentire l’accesso all’igiene prima di raggiungere l’assistenza ai precari, molti dei quali si trovano in questa città di circa 50.000 abitanti nell’est del Lyonnais.

READ  Dopo essersi ripresi dal Covid-19, hanno accettato di reinfezione per la scienza
L'ingresso del centro sanitario comunale, ai piedi di un edificio nel quartiere di Thibaud, a Volks-en-Villes (Rodano), 14 settembre 2021.
Camille Salmon, project manager per il comune di Santee, a Volks-en-Velene (Rhone), 14 settembre 2021.

Ogni settimana vengono a lavorare nel cantiere da sei a otto persone del quartiere. L’occasione per dare nuovo impulso alla dimensione partecipativa del Centro, fermata dalla pandemia di Covid-19. Oltre ad acquisire le competenze necessarie per posare piastrelle o falegnameria, è un mezzo per i partecipanti “Lavorare sull’autostima, le connessioni con gli altri”, destinata Camille Salmon, assistente sociale di formazione.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati ‘Ci lasceranno morire’: Mantes-la-Ville, un deserto medicinale urbano

In attesa dell’apertura della futura area benessere, Voodoo ha già qualcosa per cui sentirsi a proprio agio negli edifici eleganti e spaziosi (330 metri quadrati)2) dal centro sanitario. Alle pareti, molti dei poster sono scritti in “FALC” (facile da leggere e capire), con illustrazioni, uno strumento che favorisce la comprensione dei messaggi da parte di un pubblico che ha poca conoscenza del francese o di persone con disabilità…

Nella sala d'attesa sanitaria comunale, Volks-en-Velen (Rodano), 14 settembre 2021.
Nella sala d'attesa sanitaria comune a Vaulx-en-Velin (Rhône), le bevande calde sono a disposizione di tutti.  Qui, 14 settembre 2021.

Seguiti o meno dagli operatori sanitari del centro, ognuno è libero di spingere la porta, di prendersi un caffè o semplicemente di chiacchierare. Un’accoglienza incondizionata che sorprende alcuni. Come Joëlle Ayme, 78 anni, e suo marito, 83, sono residenti a Vaulx-en-Velin da oltre quarant’anni, in una parte del suo villaggio. “Quando siamo venuti qui per la prima volta, quando il medico di famiglia è andato in pensione, è stato strano vedere queste persone che erano lì per un caffè., Ti ricordi. Io, della vecchia scuola, ho scoperto che era un errore nello studio del dottore. I miei amici hanno avuto lo stesso pensiero. “

Hai il 68,05% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  Cinque residenti festeggiano il loro centenario