Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

A Fleurance, il primo centro sanitario regionale del Gers migliora l’offerta di cure e riempie

primario
Il primo centro sanitario regionale del Gers, creato per migliorare l’offerta sanitaria del dipartimento, ha aperto i battenti a maggio a Fleurance. Dopo diversi mesi di attività sia i pazienti che i professionisti trovano i loro conti e il libro degli appuntamenti si allunga. Reportage.

Mercoledì mattina Estelle e il figlio Emmanuel di 7 anni hanno fatto il check-in al Centro Sanitario Regionale di Firenze (CTS) e si sono diretti dritti, seguendo il percorso designato, all’ufficio di Stephanie Berrio, segretaria medica, che controlla di avere un appuntamento. Una volta ricevuto, viene eseguito in sala d’attesa. Isabel Drigo, assistente medica, li porta a fare una visita preliminare. Il sistema funziona bene.

I pazienti alla fine si dirigono verso l’ufficio del medico. Kevin Dumotier, direttore regionale del CTS, ha dichiarato: “Da diversi mesi la grande maggioranza delle persone è entrata per la prima volta. Ma riteniamo che il flusso di nuovi pazienti stia diminuendo e che stiamo iniziando ad avere una base regolare di pazienti Oggi quasi il 50% delle persone che li hanno accolti ha già consultato uno dei tre operatori della Fondazione Fiorentina.

Apertura del primo centro sanitario

Il centro sanitario regionale è stato il primo ad aprire i battenti lo scorso maggio. Due medici di base, Amelie Boye e Sophie Sonneville, si esercitano lì ogni giorno e la pediatra Sophie Blisson ci corre due giorni alla settimana (e 2,5 giorni al Vic Vicenzac). Gli stipendi di tutti i dipendenti sono pagati dal consiglio di contea. Una condizione che ha convinto Sophie Sonneville, che in precedenza ha lavorato per Social Security, a iniziare. “Non volevo stabilirmi in una clinica privata, perché non volevo gestire la parte più ‘imprenditoriale’, spiega il professionista della salute. Il fatto di essere un dipendente mi permette di concentrarmi solo sul lato medico .”

Il Fleurance Regional Health Center è stata la prima istituzione del genere ad apparire nel dipartimento.
Illustrazione di DDM – Nadir Dibesh

Questi casi hanno fatto appello anche alla pediatra Sophie Blisson, che ha recentemente lasciato la sua posizione di genetista clinica presso l’ospedale universitario di Tours. “Avevo bisogno di concentrarmi maggiormente sul nutrimento e tornare alle cose tangibili, senza voler conoscere i problemi dei liberali”, sottolinea l’origine Aveyronnaise. E dobbiamo renderci conto che i termini dell’esercizio sono al top”. Dopo aver completato la consultazione a fine mattinata, è venuta a conoscenza della sua agenda informatizzata gestita dalle Segreterie mediche. Non ha una data successiva. Ma la pausa è di breve durata. Il telefono squilla, la madre del bambino gli chiede consiglio. “Anche le consultazioni a distanza sono regolari”, sorride Sophie Blisson.

Quasi 1.500 appuntamenti onorati

Dal 1 maggio, quasi 1.500 designazioni sono state onorate dal CTS di Fleurance. Il successo della prima istituzione di questo tipo è apparso nel Gers (vedi sotto). Questi centri vogliono migliorare l’offerta sanitaria del dipartimento. “Prima dell’apertura del CTS a Flerence, il Territorio aveva 6 medici di base ma non più un pediatra”, ricorda Kevin Dumoutier.

Un’impotenza subita da Maryse. “Il mio medico di base è partito per una formazione specialistica. Nel giro di pochi anni ho cambiato medico 4 o 5 volte, prima di consultare il centro. Ed è, inoltre, più vicino a casa mia”. La vicinanza all’istituto, situato nel centro di Firenze, è un vantaggio anche per CTS, che vede il suo libro degli appuntamenti riempirsi rapidamente, con un periodo di attesa di circa 15 giorni per la consulenza generale.

5 nuove strutture nel 2023

Il Fleurance Center è stata la prima istituzione ad aprire lo scorso maggio. All’inizio di settembre si sono aperte le porte di Plaisance e Vic Vicenzac. In occasione dell’apertura del CTS in Plaisance, il presidente del consiglio distrettuale, Philippe Dubuis, ha annunciato l’apertura di cinque nuovi stabilimenti fino al 2023. I comuni di Etang e Masseube ospiteranno il CTS mentre i villaggi di Gondrin, Marciac e Villecomtal -sur-Arros avrà filiali.

READ  Il Belgio invia aiuti di emergenza alla Tunisia di fronte al deterioramento della situazione sanitaria