Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

A Firenze, la gioielleria di Ponte Vecchio desidera il ritorno dei turisti

FIRENZE, Italia – “Ponte Vecchio vive sugli americani”, ha detto Fadi Aichouh, retail manager di Gold Art, mentre mette in vetrina un diamante ottimista da cinque carati, al prezzo di 160.000 euro. Questo rimarrà qui fino al ritorno degli americani. Allora sarà venduto in un batter d’occhio. “

La speranza è cresciuta negli ultimi giorni tra i proprietari di gioiellerie su questo ponte medievale, da quando l’Italia ha abbandonato i requisiti di quarantena per i viaggiatori provenienti dall’Unione Europea, dal Regno Unito e da Israele e ha aperto le sue porte a una manciata di voli per i viaggiatori che hanno sostenuto un test Covid . Stati Uniti e altri paesi.

“Quest’estate, non avremo i numeri che avevamo nel 2019, ma avremo persone di alta qualità”, ha detto Aishouh. “Le persone che amano davvero l’Italia”.

Il passato del Rinascimento a Firenze è evidente in Ponte Vecchio. La sua strada acciottolata è fiancheggiata da 48 frontali di gioielli tascabili e una serie di spazi di lavoro che sfidano la gravità dietro le travi del ponte.

Ponte Vecchio fu costruito nel 1345 all’incrocio più stretto del fiume Arno, ed era originariamente un mercato di strada per macellai e venditori di pesce, ma dopo la costruzione del Corridoio Vasariano nei Medici in modo che la famiglia potesse attraversare il ponte in completa comodità, un decreto fu emanato nel 1593 da Ferdinando I de ‘che sostituì i Medici con La puzza è fatta da gioiellieri e gioiellieri. Fino ad oggi, i negozi sono esclusivamente per i gioiellieri, anche se la maggior parte degli artigiani che lavorano con loro si sono spostati oltre la fascia commerciale ad alto costo del ponte.

Come gran parte della città, il lavoro dei ponti è stato curato e maltrattato dal turismo – e quindi quasi affamato a causa dell’improvvisa assenza causata dalla pandemia.

I best seller non avevano marchi: le monete d’oro fiorentine, realizzate da artigiani vicini, venivano realizzate con delicate lavorazioni a sega e sfavillanti superfici intagliate, riconducendo i loro metodi di lavorazione alle tecniche rinascimentali sviluppate lungo questo particolare ponte.

“I nostri clienti l’hanno comprato come un dolce, perché non puoi trovare questa industria fiorentina in nessun’altra parte del mondo”, ha detto il signor Aishouh.

I gioiellieri cittadini sono noti da tempo per i loro talenti nell’incisione, nell’ornamento, nell’intarsio di nilo, nell’intarsio damascato, nel riboset e in altre tecniche altamente specializzate. Un certo numero di giganti artistici rinascimentali sorsero dalle loro fila, tra cui Donatello, Brunelleschi e Ghiberti.

Nel 2019, hotel e case vacanze hanno accolto 11 milioni di visitatori e alcuni dei 367.000 residenti della città sono scesi in piazza per protestare contro l’attacco. Entro il 2020, l’improvvisa scomparsa di visitatori ha lasciato il centro città quasi vuoto e il bilancio del comune ha registrato un deficit di 160 milioni di euro, pari al 25% del totale.

“Una città come Firenze è stata conquistata – Fortunatamente! – Dal turismo “, ha detto Roberto Vaggi, proprietario di seconda generazione di S. Vaggi, gioielli antichi e argenti della sua famiglia all’angolo di Ponte Vecchio.” Come può una città di queste dimensioni sostenere un ponte pieno di prodotti di lusso come questo? “

In questi giorni, due dipendenti di S. Vaggi si sono trasferiti dal reparto vendite a un ufficio all’ultimo piano per gestire le richieste di e-mail e telefono dei vecchi clienti, il modo in cui si fanno affari qui ora. Come quasi tutte le attività di Ponte Vecchio, S. Vaggi non dispone di un negozio online.

Tra i capolavori del signor Fagy ci sono i pendenti in oro con taglio ad alveare tempestati di diamanti, ciotole d’argento recuperate e piccoli mosaici che servivano come souvenir di viaggio per il Grand Tour originale. Senza dubbio alcuni turisti di ritorno cercheranno tali articoli, ma altri avranno gusti diversi.

READ  NatWest Markets prevede di chiudere e tagliare in Italia e Spagna

Cassetti, un gruppo a conduzione familiare di quattro negozi a Ponte Vecchio, ha iniziato come argentieri nel 1926. Oggi le sue vetrine sono dedicate a giganti multinazionali come Rolex, Vacheron Constantin e Cartier, i “marchi che i clienti possono acquistare in qualsiasi città del world, “Il proprietario, Filippo Cassetti, ha ammesso, tuttavia, di vantarsi anche di offrire la vendita di orologi status symbol a Ponte Vecchio, insistendo sul fatto che” offerte di lusso come la mia aumentano il turismo, proprio come un hotel a cinque stelle “.

Quando l’ultimo blocco nella zona si è concluso il 17 aprile, solo gli orologi di lusso di Cassetti hanno attirato un flusso costante di clienti. Il resto di Ponte Vecchio era desolato, privo della solita folla di visitatori selfie.

La maggior parte dei piccoli negozi non apre mai e sono ancora chiusi dalle madielle, le caratteristiche persiane in legno pesante e i cardini in ghisa che li proteggono attraverso i secoli.

“Vedevamo centinaia di persone ogni giorno nei nostri negozi”, ha detto Giudetta Pescione, presidente dell’Associazione Ponte Vecchio, che rappresenta il business bridge. “Adesso siamo tutti soli.” Ha detto che non ha dati sul reddito annuo, ma ha stimato che le aziende associate hanno visto i profitti calare dell’80% nell’ultimo anno.

La comunità di artigiani con cui lavorano è più vulnerabile, ha detto, aggiungendo: “Quando siamo chiusi, si inginocchiano in ginocchio”.

Sebbene il governo consentisse alle officine familiari e indipendenti di rimanere aperte durante i periodi di blocco, la maggior parte aveva poco da fare e gli artigiani potevano beneficiare solo di pochi incentivi. I negozianti hanno ricevuto un risarcimento dal governo per le chiusure, anche se si trattava solo del 3% circa del mancato guadagno. I dipendenti hanno ricevuto ferie parzialmente finanziate, ma sono stati lamentati gravi ritardi nei pagamenti.

READ  L'Italia annuncia requisiti di ingresso più severi per i turisti americani

“Stiamo mangiando i profitti del passato ora. Stiamo solo preparando le cose per il giorno in cui i turisti potrebbero apparire di nuovo”, ha detto Daniela Messeri, portando un braccialetto impreziosito d’oro nella bottega di Nerdy Orfi, operatore della sua famiglia dal 1948.

Nerdi, i cui gioielli artigianali riflettono la classica arte fiorentina, è una delle 20 botteghe della Casa del Oravo, un monastero a nord di Ponte Vecchio, che quattro secoli fa è stato trasformato in atelier per incisori, scalpellini e orafi.

Gli artigiani della Casa dell’Orafo servono ancora i negozi di Ponte Vecchio, ma lo stesso Nerdi prosperò durante il boom dei viaggi, quando i turisti insider comprarono direttamente dal laboratorio. “Viviamo tutti nel centro di Firenze per i turisti”, ha detto la signora Missiri, mentre il suo gioielliere incideva un anello d’oro con splendidi fiori sulla panchina nerd. “Ma alcuni di noi stanno ancora cercando di portare avanti le vecchie tradizioni”.

In Fratelli Piccini, bottega che risale al 1903, una proprietaria di quarta generazione, Elisa Piccini, impiega uno dei pochi orafi ancora a Ponte Vecchio. “Ci sarebbero dovute essere regole per aiutare gli artigiani prima”, ha detto con un sospiro.

La sua gioielliera d’oro di 21 anni, Carlotta Gambiniere, ha realizzato una collana staccabile con perline di agata per un cerchio di tormalina rosa, uno dei tanti design personalizzati che ha creato. “Alcune tradizioni meritano sostegno”, ha detto la signora Piccini.

Ha aggiunto, così come la città stessa, mentre osservava fuori dalla vetrina della boutique raffigurata il Museo degli Uffizi che incombe sul fiume.

“La città di Firenze è come un museo”, ha detto la signora Piccini. Il museo richiede un biglietto d’ingresso a capacità fissa.