Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

65 artisti indiani si riuniranno in Italia per una mostra innovativa a novembre

La galleria d’arte Hub India di Torino rappresenta quello che si spera sarebbe il riemergere dell’esposizione dell’arte fisica in tutto il mondo

A volte l’arte è il modo migliore per sfogarsi. Anche se l’India appare in quello che sembra essere l’inizio della fine della pandemia, nei prossimi giorni aprirà a Torino, in Italia, un grande progetto di oltre 65 artisti indiani, segnando un rilancio degli impegni pubblici ed esterni per l’arte. In questi tempi difficili, la mostra Hub India sembra essere una testimonianza della qualità incontenibile dello spirito umano e dell’arte.

Curato da Myna Mukherjee e Davide Quadrio in collaborazione con Artissima, fiera annuale d’arte contemporanea di Torino, Hub India è supportato da molti attori del mondo della cultura e dell’arte. Discutendo il progetto in più parti, i curatori hanno delineato alcune delle questioni chiave in una dichiarazione congiunta: “L’incrocio culturale del Rubicone tra arte moderna e contemporanea, questa organizzazione rifiuta la posizione coloniale della progressione lineare. Piuttosto, usa la tradizione come veicolo per innovazione e continua rinascita.” Il loro processo prevedeva la raccolta di opere da una selezione di gallerie e dal Kiran Nadar Museum of Art per creare un elenco accurato che differisse leggermente dalla consueta raccolta di nomi. Con così tanti artisti tra cui scegliere, il team di curatela ha lavorato per più di due anni durante il blocco, su Zoom e sui social media, per individuare un gruppo che rappresentasse l’eco “globale” dell’India.

Secondo Kiran Nadar, direttore di KNMA, “Hub India mette in mostra diversi filoni dell’arte indiana contemporanea attraverso le generazioni e confronta le pratiche consolidate ed emergenti con un pubblico nuovo e sconosciuto nel mondo occidentale”. Descrivendolo come uno “sforzo eccezionale”, Nader afferma che l’obiettivo finale della galleria è presentare “il terreno lussureggiante, esotico e unico dell’India contemporanea, che si sviluppa sotto temi di ‘radicale classico’ e ‘minimalismo’”.

Per inciso, Hub India è stato originariamente lanciato per Artissima per fornire una panoramica dell’ecosistema artistico indiano, che comprende gallerie d’arte, istituzioni e artisti. Tuttavia, in seguito è cresciuto in un’ampia fascia, che verrà mostrata in quattro sedi in tutta Torino. La mostra sarà composta da ‘Minimalismo Minimalismo’, una mostra al polo fieristico Artissima, e ‘Radical Classics’, una mostra tripartita al Museo d’Arte Orientale (MAO), Palazzo Madama e l’Accademia Albertina. L’evento fornirà anche un primo sguardo a Prego, lungometraggio documentario diretto da Onir, Mukherjee e Quadrio sull’arte contemporanea in Italia e India.

Attraverso una nuova lente

Il termine “minimo massimo” si riferisce a una vista panoramica della straordinaria cultura visiva che riflette le molte contraddizioni e dualità che compongono l’India. Dall’antica spiritualità del paese al materialismo moderno, dal suo passato coloniale alla sua centralità sempre più globale, i suoi flussi migratori dall’agricoltura e dalle aree in gran parte rurali alla rapida urbanizzazione, dal dogma alla tecnologia, dal marginale al mainstream, dai monumenti storici all’architettura contemporanea, dalla normativa to radical Lo spettacolo prevede di ripercorrere una miriade di storie e rappresentazioni nel subcontinente indiano.

La mostra al MAO consiste in installazioni rinascimentali contemporanee che simboleggiano e confondono l’antico classicismo, mentre Palazzo Madama esplora il sincretismo e l’ibridità attraverso opere per lo più tridimensionali che si collegano e si identificano con il distinto insieme del palazzo. La mostra dell’Accademia Albertina sarà un tentativo di guardare al patrimonio classico e tradizionale attraverso una nuova lente.

Bharti Kher e Tanya Joel sono apparsi in “Maximum Minimum”, due artisti associati a Nature Morte, una galleria d’arte contemporanea a Delhi. Lavorano con motivi astratti come lo schermo di Khair Bindi e Joel, che sono diventati simboli di identità e storia. La serie “Ho visto più cose di quanto oso ricordare” di Khair Bindi è evocativa nel titolo e nella forma. Contiene mappe degli Stati Uniti e del resto del mondo ricoperte di bindi bianco traslucido e iconico bindi nero. Ci sono anche collegamenti colorati che vorticano e forse evocano vividamente la forma cellulare del nuovo coronavirus.

Tuttavia, l’approccio di Khair non è pesante. C’è sempre un senso dell’umorismo in agguato. “Fractal” di Joel è un disegno digitale e una stampa lenticolare che accende la sua passione per la scienza del colore. Il lavoro consiste in immagini multistrato che si spostano dalla sua città natale, New Delhi, a un’espressione globale più ampia che è il cielo, drappeggiato di nuvole e fasce di colori chiari che potrebbero evocare edifici alti.

La selezione include anche opere di intelligenza artificiale all’avanguardia di Harshit Agarwal e 64/1 e leader del pensiero artistico come Raghava KK Per Artissima, Raghava risale alle sue radici come pittore olio su tela chiamato Edges and Center che esplora il binario discussione.

Espace espone opere di Puneet Kaushik, GR Iranna, Manjunath Kamath e Dilip Chobisa. Mentre gli acquerelli calmi e sobri di Kochik e le perline parlano della paura di una pandemia, Kamath usa riappropriazioni storiche di immagini, Chupisa si occupa di monumenti religiosi in miniatura e Irana parla della fine della vita attraverso l’idea delle ceneri.

Morbido e luminoso

Emami Art Gallery rappresenta una selezione di artisti giovani ed emergenti oltre ad alcuni nomi noti. I dipinti di Bulanath Rudra, che raffigurano questioni ambientali prevalenti, non sono lettere di protesta. Andando oltre il titolo e il soggetto dell’opera, trasmette allo spettatore una realtà più profonda all’interno degli acquerelli morbidi e luminosi. “Sono entusiasta che finalmente saremo ‘fisici’ (presenti) alla galleria d’arte con nuove opere per il pubblico di Artissima. C’è qualcosa nell’arte che non puoi ottenere online, dalle piattaforme digitali. Oltre al padiglione della galleria in la galleria d’arte, esporremo il lavoro dei nostri artisti in due musei.”È uno sforzo enorme”, afferma Richa Agarwal, CEO di Emami Art.

La pratica di Arpita Akhanda è in gran parte radicata nelle complessità sociali e politiche dell’Asia meridionale. Attualmente è impegnata nel dialogo cross-mediale lungo il corpo, il processo e l’interazione. Ravinder Reddy è un artista di spicco che ha lavorato con la forma femminile negli ultimi due decenni. Per lui non sono i “sentimenti passeggeri” che giocano un ruolo importante nella creazione di un oggetto d’arte; Piuttosto, è il puro studio della forma e del suo “universalismo”. Reddy crede nella creazione di statue dell’idea universale delle donne. Affrontano gli occhi spalancati, i lineamenti ostruiti e la pelle luminosa e scolorita. Porta una deliziosa miscela di immagini pop art e statuette religiose tradizionali indiane.

Akar Prakar presenta Jayshree Chakravarty, Manish Pushkale e Piyali Sadhukhan. Il lavoro di Chakravarty, intitolato Uncovering: The Roadmap of Experience, è un’opera sintetica più grande della vita che si concentra sul cardine della sua pratica: l’impatto della natura e l’assalto implacabile dell’attività umana sull’ambiente naturale, che ha osservato da vicino da quando si è trasferita a Salt Lake Kolkata, negli anni ’80. I suoi disegni, dipinti, manoscritti cartacei e installazioni a grandezza naturale ruotano attorno al rapporto deteriorato tra natura e umanità.

“È per me un grande piacere esporre il mio lavoro in istituzioni prestigiose come KNMA e ora a Palazzo Madama”, afferma Chakravarty. “Hub India è una piattaforma unica focalizzata sulla fornitura di una base per la creatività”, afferma Boshkal.

spazio femminile

Rakha Rodoitia, rappresentata dalla Sakshi Art Gallery, è nota per le sue iconiche figure femminili che affrontano lo spettatore con occhi spalancati e un atteggiamento eroico. “Ho un desiderio costante di studiare lo spazio femminile di sopravvivenza, lo spirito di resistenza e potenziamento dell’orgoglio e della dignità di sé instillato in secoli di storia orale femminista; e che mi ha oscurato per trovare il mio spazio di conforto all’interno”, afferma l’artista , che presenta agli spettatori due acquerelli disegnati su ritratti di CV fotografico, su carta.

Art Alive presenta Teja Gavankar, Ghana Shyam Latua, Chandrashekar Koteshwar di Artissima, Sakti Burman e Paresh Maiety nella presentazione del museo. La galleria si è concentrata sulla promozione di artisti contemporanei giovani ed emergenti insieme a un gruppo di professori e anziani.

Shrine Empire presenta Tebe, Begum Libby e Sangeeta Mitti. Mentre Libby usa la lama del rasoio come una potente metafora, riferendosi sia alla riparazione che all’usura, “Viste da una certa distanza” di Maity è una raccolta di cerigrafia e trasferimento di immagini su lastre di ferro. Guardano alla giustapposizione del personale e del politico. I suoi progetti attuali si basano su questioni sociali, culturali, geografiche, politiche e persino ambientali relative alle piantagioni di gomma di Tripura, il secondo stato indiano per la produzione di gomma.

Latitude 28 include Niti Chaddha Kanal, Sudipta Das, Noor Ali Shagani, Chandan Biz Paroah e Rahul Kumar. “Invia parte della mia serie in corso “Body City” per la visualizzazione in Italia. Rispondo ai paesaggi urbani urbani. La forma e la trama evocano il senso di una veduta aerea di una città con strade tortuose, fiumi e campi, ma allo stesso tempo è come una visione microscopica dei tessuti del corpo”, dice Kumar. Con sbarre di ferro saldate si interroga sul vuoto della vita contemporanea.

È chiaro che la Hub India Gallery, che è una galleria pionieristica in molti modi, ha il potenziale per mettere l’arte indiana sulla mappa del mondo in un modo univoco. Come dice Rena Lath, Direttore di Akar Prakar, “Non è tanto trovare tanti artisti e gallerie indiane sotto lo stesso tetto, fuori dal paese. Attraverso questo progetto, Meena e Davide hanno creato una sorta di storia avendo tre grandi musei in Italia che mettono in mostra artisti indiani contemporanei e contemporanei, oltre a una galleria d’arte.

Una fantastica opportunità per assistere a una così ampia rappresentazione di opere d’arte indiane contemporanee in una città, l’esposizione è doppiamente impressionante per ospitare una vasta gamma di generi, stili e periodi. Se sei abbastanza fortunato da essere in Italia in quel momento, puoi prenderlo dal 5 novembre al 5 dicembre. Che bel modo di concludere un anno infelice.

Lo scrittore è critico e curatore di giorno, e scrittore creativo e artista visivo di notte.

READ  Un Vin Diesel a torso nudo si prende il sole su uno yacht di lusso in Italia