Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

15 milioni di euro per sostenere gli anziani

Brigitte Bourguignon, ministro delegato per l’autonomia presso il ministro della Salute, in visita lunedì in Corsica, ha rivelato un piano per rafforzare l’offerta di sostegno agli anziani. Nei prossimi quattro anni la Corsica beneficerà di una dotazione di 15 milioni di euro.

Lunedì mattina Brigitte Bourgoguen non è arrivata alla casa di cura di Vico a mani vuote. Nei suoi portafogli, il ministro incaricato dell’Autonomia ha portato due cose al ministro della Salute: un piano di recupero su un’offerta per sostenere gli anziani in Corsica e una dotazione di 15 milioni di euro.

Questa cospicua somma, spalmata nei prossimi quattro anni, mira a sopperire al deficit di attrezzature dell’isola. Una necessità in una regione già caratterizzata da un invecchiamento della popolazione che dovrebbe avere più di un terzo degli anziani nel 2030.

Questa circostanza sarà fornita nell’ambito del rilancio del Ségur de la santé e della Francia per investire in istituzioni e servizi medici e sociali per gli anziani, Riferito al ministero. Inoltre, 317.000 euro saranno stanziati per le attrezzature quotidiane al fine di migliorare significativamente la vita dei residenti e le condizioni di lavoro dei professionisti.. “

In questo programma, si tratta anche dell’offerta di assistenza domiciliare. “La Corsica ha la particolarità di saper tutelare un sistema intergenerazionale molto uniforme, che permette a molti anziani di rimanere nel villaggio. È un esempio molto belloha detto il ministro. I professionisti di questo settore vanno sostenuti: ho aumentato gli stipendi delle colf nel settore no profit, in media di circa il 15%. “

READ  Le Mans. Progetti per rafforzare il centro sanitario comunale

Vico esempio

Nell’ambito di questo incontro a cui hanno partecipato il governatore Pascal Lillarge, il consigliere esecutivo Bianca Vazzi e il direttore generale dell’ARS in Corsica Marie-Helen Lisin, la casa di cura di Vico non è stata scelta a caso per divulgare questo piano.

Secondo il ministero, questa istituzione rurale “È pienamente in linea con la strategia nazionale guidata da Brigitte Bourguignon di destinare spazi abitativi, siti aperti all’esterno e promuovere la medicalizzazione delle strutture. La casa di cura era integrata nel paese e nei suoi abitanti, un’istituzione saldamente registrata nel suo territorio e strettamente connessa con la vita esterna.. “

Non so se diamo l’esempio, risponde François-Aimee Arrighi, direttore della casa di cura di Vico. Sta infatti ad ogni impresa inventare il proprio percorso a seconda della regione in cui è insediata. Quello che conta per noi è avere una struttura che corrisponda alle aspettative e alle esigenze della zona giorno, con l’apertura verso l’esterno che stiamo sviluppando in particolare. È davvero il progetto di domani. ”

Per attuarlo, la fondazione deve ricevere 32.000 euro per l’esecuzione dei lavori di ristrutturazione. “L’ARS sarà quindi chiamato a collaborare con la comunità corsa per valutare l’opportunità di uno sviluppo più completo dell’edificio”, precisa il ministero dell’Autogoverno.

Casa indipendente a Corte

In questo programma presentato lunedì si parla dunque di rinnovamento ma anche di creatività. Come “casa indipendente”. Sono spesso costruiti vicino a negozi, trasporti e servizi pubblici e sono simili a complessi di appartamenti per anziani che non vogliono o non possono più vivere nelle loro case.

READ  I sindacati rimangono scettici sui finanziamenti per l'assicurazione sanitaria integrativa

In Corsica, la prima unità del genere dovrebbe essere a Corte, a nord della città. Con il sostegno dell’associazione “Aide à la Santé Publique”, il progetto prevede 30 unità abitative, per lo più in T1, per 4 milioni di euro, di cui 400.000 euro con finanziamento statale.

Queste residenze sono progettate per ospitare persone per lo più indipendenti, e sono per lo più gestite da strutture pubbliche o senza fini di lucro.