Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

13 morti, altri dispersi in un incidente in barca di nuovi migranti

Di Derek Gatopoulos | Agenzia di stampa

ATENE, Grecia – Almeno 13 persone sono rimaste uccise dopo che una barca di migranti si è capovolta nell’Egeo venerdì sera, portando ad almeno 27 il bilancio delle vittime di tre incidenti in altrettanti giorni che hanno coinvolto barche di migranti nelle acque greche.

Gli annegamenti sono arrivati ​​mentre i trafficanti preferiscono sempre più una rotta pericolosa dalla Turchia all’Italia, che aggira le isole dell’Egeo orientale, pesantemente pattugliate, che sono state per anni in prima linea nella crisi migratoria del paese.

La guardia costiera ha detto che 62 persone sono state salvate dopo che un dhow si è capovolto venerdì sera a circa otto chilometri dall’isola di Paro, nell’Egeo centrale. I sopravvissuti hanno riferito alla Guardia costiera che a bordo c’erano circa 80 persone.

Le autorità hanno affermato che cinque barche della Guardia Costiera, nove navi speciali, un elicottero e un aereo da trasporto militare hanno continuato la ricerca notturna di altri sopravvissuti, mentre hanno partecipato anche i sommozzatori della Guardia Costiera.

Sempre più spesso i contrabbandieri con sede in Turchia hanno riempito yacht di migranti e rifugiati e li hanno inviati in Italia.

In precedenza, 11 persone sono state confermate morte dopo che un dhow giovedì ha colpito un’isola rocciosa a 235 chilometri (145 miglia) a sud di Atene, vicino all’isola di Antikythera. La Guardia Costiera ha detto venerdì che 90 sopravvissuti – 52 uomini, 11 donne e 27 bambini – sono stati salvati dopo aver trascorso ore sull’isola.

“Le persone hanno bisogno di alternative sicure a questi pericolosi attraversamenti”, ha affermato in un tweet su Twitter l’ufficio greco dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

READ  Rose Lee-Allison, LAC Luce in Piazza

In un altro incidente venerdì, la polizia greca ha arrestato tre persone per contrabbando e ha detenuto 92 migranti dopo che uno yacht si è arenato nella regione meridionale del Peloponneso.

Le ricerche sono proseguite anche per un terzo giorno nell’Egeo centrale, dove un’imbarcazione che trasportava migranti è affondata nei pressi dell’isola di Folegandros, uccidendo almeno tre persone. Altre 13 sono state salvate e i sopravvissuti hanno riferito che almeno 17 persone erano disperse. Le autorità hanno affermato che i passeggeri erano originari dell’Iraq.

La Grecia è un punto di ingresso comune nell’Unione europea per le persone in fuga da conflitti e povertà in Asia, Medio Oriente e Africa. Ma il numero di arrivi è diminuito drasticamente negli ultimi due anni dopo che la Grecia ha ampliato un muro al confine turco e ha iniziato a intercettare le barche in arrivo che trasportavano migranti e rifugiati, una tattica criticata dai gruppi per i diritti umani.