Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

11a settimana africana (dal 4 all’11 ottobre)

Giocatore della settimana: Terim Movi (Nigeria – Lorient)

Terim Movi ha una serie di partite a cinque stelle in questa stagione. Così è stato di nuovo domenica. Sebbene Brest abbia aperto le marcature, il nazionale nigeriano ha ribaltato le cose presentando una nuova coppia per se stesso. Con la menzione speciale del suo superbo tiro incrociato nell’angolo opposto. Composti da otto successi in dieci partite, i Super Eagles sono i capocannonieri del campionato francese, a pari merito con Neymar e Kylian Mbappé. Scusa un po’.

“È un ragazzo che lavora molto”, ha detto l’allenatore dell’FC Lorient Regis Loprais. È molto felice. Gli piace sempre andare ad allenarsi ed è contagioso. Fa molti acquisti per aiutare i suoi partner… tutto questo lo fa salire a un livello di successo più alto. È un ragazzo di alta qualità che si unirà a club molto grandi. È in buone condizioni. “Non sono i residenti di Brest a dire il contrario.

11 Tipo di settimana africana (4/4/2)

Portiere: Andre Onana (Camerun – Inter)

Sabato, durante la vittoriosa trasferta contro il Sassuolo (2-1), Andre Onana ha mantenuto per la prima volta il gol dell’Inter in Serie A. L’ex Indomitable Lion ha utilizzato una rotazione con lo sloveno Samir Handanovic, e questa settimana ha giocato due partite di fila, rassicurando la sua squadra e guadagnandosi molto apprezzamento dalla stampa sportiva italiana. Buone notizie nel grande mese dei Mondiali.

A destra: Mohamed Youssef (Comore – Ajaccio)

Mohamed Youssef ha partecipato allo sfruttamento del club dell’Ajaccio, vincitore dell’Olympique Marsiglia, al Velodrome (2-1). Indurito, il lato destro ha contenuto gli attacchi del Marsiglia nella sua corsia, neutralizzando il normalmente irrequieto Nuno Tavares. Veterano della nazionale delle Comore, ha giocato trenta partite internazionali con i Colacantes e con loro ha raggiunto la fase a eliminazione diretta della Coppa d’Africa 2021.

READ  L'Inghilterra ha pareggiato contro Italia e Germania in UEFA Nations League

Difesa Centrale: Joseph Okomo (Kenya – La Gantois)

Vincendo sei duelli aerei, la stazza di Joseph Okumo (1m94) si è fatto parlare durante la grande vittoria della sua squadra su Eupen (0-4). Buona prestazione per un giocatore arrivato da Elfsborg in Svezia nel 2021. Convocato in nazionale in vista della Coppa d’Africa 2019 quando giocava nella Terza Divisione statunitense, il nazionale keniota oggi ha 17 selezioni per le stelle dell’Harambee.

Difensore centrale: Emmanuel Agbadou (Costa d’Avorio – Reims)

Contro il Paris Saint-Germain, lo Stade Reims ha riacquistato le sue buone abitudini difensive e Emmanuel Agbadou non è per niente. Brillante interprete, il rock ivoriano ha vinto quasi tutti i suoi duelli con Kylian Mbappé. Arrivati ​​durante la recente finestra di mercato, questo ex FC San Pedro e gli americani Monastirians stanno uscendo da una stagione di successo con Joppen nella Jubbler League (5 gol in 33 partite).

Lato sinistro: Rami Bensbini (Algeria – Mönchengladbach)

Le giornate della Bundesliga si susseguono e fortunatamente Ramy Bensbini non si assomiglia. Ha segnato un gol nel suo campo la scorsa settimana e la sinistra algerina ha segnato due gol contro il Colonia (5-2). Dopo aver portato in vantaggio la sua squadra prima dell’intervallo con un calcio di rigore ben aggiustato, l’ex Paradou ha raddoppiato a quindici minuti dalla fine.

Centrocampista difensivo: Lassana Coulibaly (Mali – Salernitana)

Lassana Coulibaly è riuscito a coniugare perfettamente controllo e potenza contro l’Hellas Verona (2-1). Instancabilmente, il giocatore della finanza internazionale ha progressivamente soffocato gli avversari, riuscendo in 7 contrasti e intercettazioni durante il match. Il nativo di Bamako, che è stato nominato giocatore della partita, ha giocato la terza finale CAN consecutiva con gli Eagles all’inizio dell’anno.

READ  Medaglia d'argento dell'amica di Jesse Owens Luz Long all'asta

Centrocampista difensivo: Thomas Partey (Ghana – Arsenal).

L’Arsenal non ha mai perso in Premier League in questa stagione quando giocava Thomas Partey. Questa serie impressionante è proseguita con una vittoria sul Liverpool (3-2), con un’altra grande prestazione del ghanese a centrocampo. Un lieve infortunio lo ha privato delle due gare di preparazione ai Mondiali che i Black Stars hanno giocato il mese scorso contro Brasile e Nicaragua.

Centrocampo: Andre-Frank Zambo-Anguissa (Camerun – Napoli)

Andre-Frank Zampo Anguesa si afferma di partita in partita come uno dei forti legami con la conquista del Napoli di Luciano Spalletti. Non convocato dal suo allenatore il mese scorso, il nazionale camerunese si è particolarmente distinto questa settimana durante la clamorosa vittoria della sua squadra in casa dell’Ajax Amsterdam (1-6), con una grande prestazione scandita da due passaggi.

Regista: Seifeddine Khaoui (Tunisia – Clermont)

Saif Eddine Khaoui ha guidato la partita di Clermont di domenica contro l’Auxerre (2-1), ottenendo il risultato. Decisivo già nella settimana precedente all’Ajaccio, l’ex Marsiglia finalmente continua a far parlare il suo sinistro preciso e stimolante. Grandi notizie per il giocatore che si candida per un posto nel gruppo dei Carthage Eagles per i prossimi Mondiali, e che era già presente nel 2018.

Attaccante offensivo: Terim Movi (Nigeria – Lorient)

Terim Movi ha una serie di partite a cinque stelle in questa stagione. Così è stato di nuovo domenica. Sebbene Brest abbia aperto le marcature, il nazionale nigeriano ha ribaltato le cose presentando una nuova coppia per se stesso. Con la menzione speciale del suo superbo tiro incrociato nell’angolo opposto. Composti da otto successi in dieci partite, i Super Eagles sono i capocannonieri del campionato francese, a pari merito con Neymar e Kylian Mbappé. Scusa un po’.

READ  Niente fumo senza fuoco: Lazio noleggia un sari

Attaccante offensivo: Bevic Musseti-Oko (Congo – Ajaccio)

In piedi per la seconda volta in questa stagione sabato a Marsiglia, Bevic Musseti-Oko ha giustificato la fiducia che il suo allenatore aveva riposto in lui. Il nazionale congolese è stato forte e mobile in attacco, ha pressato il terzino del Marsiglia e ha segnato il meritato pareggio di Didier Drogba, aprendo la strada alla Corsica (2-1).