Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

10 anni dopo il mio momento di trascinamento, “e se?” diventa “e se?”

La limitazione reciproca assicurata è la pietra angolare dello strumento della Banca centrale europea per allontanare le divisioni nell’eurozona e reprimere qualsiasi speculazione sulla disintegrazione dell’unione monetaria. Ma i dettagli del TPM svelati il ​​21 luglio sottolineano come l’equilibrio di potere si sia costantemente spostato verso la fazione restrittiva monetaria dell’organo di governo della Banca centrale europea.

Esattamente 10 anni dopo Mario Draghi ha lanciato a Londra il suo piano per salvare l’euro “qualunque cosa serva”, L’ex capo della Banca centrale europea si è trasformato in un primo ministro italiano ad interim che presiede – fino alle elezioni del 25 settembre – una coalizione in caduta libera. Christine Lagarde, la meno fiduciosa successore di Draghi, ha assicurato ai mercati che la potenza di fuoco della nuova struttura è illimitata. Ma la sua riluttanza apertamente dichiarata a usarlo, insieme ai termini dettagliati dietro la sua sentenza, chiariscono che, Un decennio dopo il “Momento Draghi” del 26 luglio 2012“Tutto ciò che serve” è diventato più conservatore, “E se?”.

Il TPI – con la nomenclatura cambiata rispetto al “meccanismo” precedentemente indicato, inteso a sottolineare la natura semi-routine del movimento – è volto a mantenere saldamente ogni nuovo governo italiano sulla strada dell’ortodossia economica. Nel frattempo, gli standard intricati che onorano l’accordo intrinsecamente complesso del Consiglio direttivo della scorsa settimana sanciscono gli impegni della BCE nei confronti dell’Italia (e di altri membri dell’euro altamente indebitati) qualora i mercati diventino eccessivamente turbolenti.

Al di là degli aspetti tecnici, il consiglio di 25 persone ha preso profonde decisioni politiche sull’opportunità e sul come introdurre gli acquisti di obbligazioni private nell’ambito del TPI. A differenza del programma di borsa lanciato nel 2010 al culmine della crisi del debito sovrano dell’eurozona, il consiglio di amministrazione completo e non solo il consiglio di sei persone della BCE deciderà di implementare questo strumento. Ciò aggiunge un importante livello di valutazione e giudizio alla loro pubblicazione. I banchieri centrali europei si rendono conto che alla fine potrebbero dover prendere decisioni critiche sulla fattibilità del governo italiano post-Draghi. Ciò segnerebbe un ingresso ad ampio raggio nell’arena politica a cui la BCE ha tradizionalmente rinunciato, ma che ora potrebbe non essere in grado di sfuggire.

READ  L'Italia spende molto per le pensioni e ha bisogno di una riforma fiscale - OCSE - Italiano

E’ forte la convinzione che – almeno nella fase di inizio della campagna elettorale italiana – ostacoli significativi all’uso del TPI ne impediranno la diffusione. Ciò potrebbe consentire agli spread delle obbligazioni italiane con i titoli di stato tedeschi di salire oltre l’attuale range di 200-235 punti base.

Mostrando un’analogia superficiale, il programma di transazioni monetarie esplicite della BCE – che è stato chiamato esplicito no cash no transaction – redatto nel settembre 2012 dopo il discorso di Draghi a Londra, non è mai stato utilizzato. Tuttavia, OMT è stato ampiamente accreditato di aver causato un marcato restringimento degli spread del mercato obbligazionario dell’eurozona negli anni successivi, mentre la performance di TPI potrebbe essere meno affascinante.

La controversa mossa di normalizzazione della politica adottata dalla BCE il 21 luglio – un aumento del tasso di interesse di 50 punti base, superiore alla direttiva di 25 punti base di Lagarde – è stata l’ultima di una serie di aggiustamenti verbali della BCE (vedi sotto). Avendo interrotto l’acquisto di obbligazioni nette nell’ambito dei suoi programmi di acquisto di attività e di emergenza pandemica il mese scorso, la Banca centrale europea ha voluto dimostrare di prendere sul serio l’inflazione (8,6% a giugno). La Banca centrale europea comprende che la sua nuova linea “pragmatica” di decisioni politiche riunione per riunione termina per il momento, ovvero fingendo di guidare i mercati anche con una guida a breve termine.

Sebbene i due passaggi siano chiaramente correlati, il cambio di tasso (determinato all’inizio della scorsa settimana) e la decisione di tasso (presa nell’ambito del dibattito durante le deliberazioni del 21 luglio) non facevano parte di un compromesso predeterminato. Joachim Nagel, il presidente della Bundesbank entrato in carica a gennaio, è emerso come un vincitore tattico. A maggio ha redatto un piano per aumentare il tasso sui depositi di riferimento della BCE dallo 0,5% a zero a luglio, ponendo fine a otto anni di tassi negativi, ma non era sicuro di poterlo far passare attraverso il consiglio.

La misura è stata approvata con il sostegno di alcuni dei membri più tradizionalmente intransigenti del consiglio e i membri che in precedenza si erano opposti a un’indurimento inutile hanno acconsentito. Dati i forti ostacoli legali all’attuazione del TPI, la Bundesbank e altri rappresentanti degli Stati membri più scettici della zona euro hanno presentato una serie di linee guida per impegnarsi nel TPI.

READ  Flydubai aggiunge voli a sei nuove destinazioni di vacanza in Italia, Turchia e Isole Greche

I criteri di ammissibilità TPI non sono “condizioni”, nel senso che altri organismi non devono dare un’approvazione formale, sebbene lo Stato interessato debba intraprendere azioni preventive in linea con le raccomandazioni.

Questo è un tentativo di contrastare la celebre riluttanza dei politici italiani – in particolare Giorgia Meloni, un potenziale primo ministro italiano post-settembre e leader del partito Fratelli d’Italia che guida i sondaggi d’opinione italiani – a “sottoscrivere” qualsiasi misura speciale. Gli esperti osservatori della BCE accolgono con favore il fatto che la lotta ai problemi di trasferimento di denaro contante sia ora, per la prima volta, una parte consistente degli strumenti monetari del Consiglio direttivo.

È responsabilità del Consiglio di amministrazione determinare se le distorsioni nelle differenze siano “inspiegabili” o riflettano fattori sottostanti. I criteri includono il rispetto del quadro finanziario dell’Unione europea, l’assenza di gravi squilibri macroeconomici, la sostenibilità fiscale e politiche macroeconomiche sane e sostenibili. Ciò significa che il mancato rispetto potrebbe isolare l’Italia non solo dal TPI ma anche dai 200 miliardi di euro di dotazioni previste nell’ambito del Next Generation European Recovery Fund, una potente fonte di leva per altri paesi europei. Il peso dei criteri spiega perché Nagel è ora pubblicamente annunciato, In un’intervista con Handelsblatt il 22 luglioil piano è giuridicamente a tenuta stagna.

Il Consiglio terrà conto delle analisi di sostenibilità del debito da parte della Commissione Europea, del Meccanismo Europeo di Stabilità, del Fondo Monetario Internazionale e di altre istituzioni, insieme all’analisi interna della Banca Centrale Europea. Si tratta di un potente insieme di potenziali cavi di scatto, oggetto di molte analisi nei prossimi mesi, ostacoli significativi ma non insormontabili per il prossimo governo italiano.

Rating che cambiano: Christine Lagarde su tassi di interesse e inflazione

“Abbiamo discusso internamente all’interno del consiglio di amministrazione dei pro e dei contro di attenersi a 25 punti base a luglio… abbiamo deciso, nel complesso, che era appropriato fare un passo più grande verso l’uscita dai tassi negativi”. 21 luglio 2022

READ  La storia gira al punto di partenza quando i campanelli d'allarme del G7 suonano di nuovo alla potenza | Larry Elliott

“In linea con la nostra sequenza politica, intendiamo aumentare i tassi di interesse chiave della BCE di 25 punti base alla riunione di politica monetaria di luglio”. 9 giugno 2022

“L’inflazione è aumentata in modo significativo e rimarrà elevata nei prossimi mesi, principalmente a causa del forte aumento dei costi energetici”. 14 aprile 2022

Eventuali aggiustamenti ai tassi di interesse chiave della BCE avverranno qualche tempo dopo la fine dei nostri acquisti netti nell’ambito dell’app [asset purchase programme] Sarà graduale. 10 marzo 2022

Le condizioni della domanda nell’Eurozona non mostrano gli stessi segnali di surriscaldamento che si possono osservare in altre grandi economie. Ciò aumenta la possibilità che le attuali pressioni sui prezzi si calmino prima che prendano piede. 7 febbraio 2022

Gli aumenti dei prezzi stanno diventando sempre più diffusi, con i prezzi di un gran numero di beni e servizi in forte aumento. Il ruolo dei fattori epidemiologici temporanei fa sì che la persistenza di questi aumenti rimanga incerta. Gli indicatori basati sul mercato indicano una moderazione della dinamica dei prezzi dell’energia nel 2022.” 3 febbraio 2022

“L’inflazione scenderà meno di quanto ci aspettassimo un anno fa, ma scenderà”. 20 gennaio 2022

“Nelle circostanze attuali, è improbabile che aumentiamo i tassi nel 2022. Ma dobbiamo essere molto attenti a ciò che i dati ci dicono”. 17 dicembre 2021

“Vedo un profilo di inflazione che sembra una gobba… e le gobbe alla fine scendono… Il 55%-60% dell’inflazione è causata dai prezzi dell’energia… entro la fine del 2022 sarà notevolmente diminuita”. 3 dicembre 2021

“Continuiamo a vedere l’inflazione moderata il prossimo anno, ma ci vorrà più tempo per diminuire del previsto”. 15 novembre 2021

David Marsh è il presidente ed Eli Groves è amministratore delegato dell’Istituto per l’economia e la politica monetaria dell’OMFIF.