Miami e Portland vincono all’ultimo secondo, i giovani talenti dei Suns fermano i big three di OKC




Vengono giocate 5 partite dopo la sera della befana e per chiudere la settimana: Miami in grande forma e al fotofinish tiene a bada Utah, i Knicks vincono in casa di Dallas, Phoenix trascinata dai giovani talenti ferma OKC, al fotofinish anche Portland e San Antonio con la squadra dell’Oregon ad aver la meglio, la Los Angeles gialloviola torna a vincere.

Utah Jazz – Miami Heat 102-103

L’unica partita ad orario umano per noi della serata è insospettabilmente una sfida molto piacevole tra dei Miami Heat che confermano una grandissima forma e carattere nei momenti “Clutch” delle partite e degli Utah Jazz sempre più dispersi nei meandri della Lega.

Parte fortissimo in difesa Miami che concede solo 5 punti ai Jazz nei primi 5 minuti di partita. Non riesce, però, ad essere così efficace anche in attacco e per questo non si stacca mai troppo dalla squadra di Salt Lake City che addirittura firma un parziale di 8-0 a circa metà periodo permettendosi il comando e, pur subendo tantissimo la difesa degli Heat, si ritroverà a solo 1 possesso di distanza a fine primo tempo. Nel secondo tempo le squadre migliorano in attacco, con il ritmo che si alza pur non regalando punti su punti, Miami fa girare meglio la palla ma le squadre rimangono spesso a 1 possesso di distanza e quindi saranno le giocate individuali a vincere la partita: a 42 secondi dalla fine Donovan Mitchell regala il +3, Kelly Olynyk risponde con un viaggio in lunetta per il -1 e Josh Richardson dopo, a 5 secondi dalla fine, firma il 103-102 finale.

Jazz: Mitchell 27, Hood 17, Sefolosha 13. Assist: Rubio 6. Rimbalzi: Favors 10.

Heat: Dragic 16, T. Johnson 16, Whiteside 14, Richardson 14. Assist: Richardson 7. Rimbalzi: J. Johnson 11.

New York Knicks – Dallas Mavericks 100 – 96

Knicks: Porzingis 29, O’Quinn 15, Kanter 13. Assist: Jack 8. Rimbalzi: Kanter 18, O’Quinn 11.

Mavericks: Barnes 25, Matthews 14, Smith Jr 11, Barea 11, Mejri 11, Harris 11. Assist: Harris 6. Rimbalzi: Barnes 7, Mejri 7.

Oklahoma City Thunder – Phoenix Suns 100 – 114

Thunder: Westbrook 26, George 19, Adams 18. Assist: Westbrook 11. Rimbalzi: Westbrook 10.

Suns: Booker 26, Warren 23, Bender 20, Jackson 17. Assist: Jackson 5, Ulis 5. Rimbalzi: Chandler 13, Jackson 10.

San Antonio Spurs – Portland Trail Blazers 110 – 111

Partita come sempre godibile quando si affrontano queste due squadre, ma questa volta di più, con un finale e una sfida simile a quella andata in scena in Florida. San Antonio concede più del 50% dal campo ai Blazers che alla fine grazie a CJ McCollum vincono la partita anche senza Damian Lillard.

Partita a possessi alternati fin dall’inizio, estremo equilibrio con Portland che trova facilmente punti dall’area o dal mid range mentre gli Spurs hanno più ritmo dall’arco. San Antonio si passa benissimo la palla e conferma lo strapotere a rimbalzo del primo periodo anche nel secondo, ma per qualche palla persa di troppo e canestri facili lasciati alla squadra di CJ&Co il primo tempo si chiude con un +5 che va di lusso alla squadra dell’Oregon. Il terzo periodo è l’esatto opposto del secondo come protagonisti, ma non come gioco, tanto da regalare un assoluto equilibrio alla sirena dei 36 minuti di gioco. Poi inizia il Manu show: Ginobili firma 12 punti nel solo quarto periodo e rischia veramente di vincere la partita quasi da solo. Però non basta perché il floater di McCollum prima e l’errore di LaMarcus Aldridge dopo condannano i nero argento.

Spurs: Aldridge 30, Ginobili 26, Gasol 16. Assist: Gasol 5, Anderson 5. Rimbalzi: Aldridge 14.

Trail Blazers: McCollum 25, Harkless 19, Nurkic 17. Assist: McCollum 7, Napier 7. Rimbalzi: Nurkic 13.

Atlanta Hawks – Los Angeles Lakers 113 – 132

Hawks: Schröder 27, Bazemore 15, Collins 15. Assist: Schröder 5. Rimbalzi: Ilyasova 9.

Lakers: Ingram 20, Clarkson 18, Randle 15, Ball 13. Assist: Ingram 7, Ball 6. Rimbalzi: Ball 10.

TOP

TJ Warren – La squadra dei Suns sarebbe da inserire tutta tra i top questa sera. Warren è l’esempio più lampante di quanto talento ci sia a Phoenix, nonostante le numerose sconfitte. Insieme a lui anche Dragan Bender e Josh Jackson fanno la voce grossa e sconfiggono OKC. I numeri di Warren sono 23 punti con 9/15 dal campo e 5 rimbalzi e tanta, tanta difesa.

Manu Ginobili – Manu ci prova a far vincere i suoi Spurs, ma alla fine Portland ha la meglio. Tuttavia la sua prestazione, soprattutto quella del quarto periodo, non sembra proprio quella di un 40enne. 26 punti (di cui 12 solo nel quarto periodo), 4 rimbalzi e 2 assist conditi con 1 steal e 2 block e un impressionante 6/9 dall’arco sono il bottino di Ginobili stanotte.

CJ McCollum – Portland senza Lillard quest’oggi si lascia trascinare da McCollum nell vittoria contro gli Spurs. Sempre lui sigla la vittoria con il canestro finale. 25 punti, 5 rimbalzi, 7 assist e 2 steal sono ottimi numeri che stasera servono a portarsi a casa la vittoria.

FLOP

Carmelo Anthony – Brutta serata per lui oggi. Parte male al tiro e finisce con un magro 6/14 dal campo per lui. Si lascia mettere i piedi in testa da TJ Warren e Dragan Bender e non riesce a esprimere al meglio il suo gioco.

Dirk Nowitzki – Dirk sta invecchiando e la prestazione di stanotte nella sconfitta contro i Knicks purtroppo lo ha messo in luce. Un solo canestro per lui su 7 tiri e nessuna tripla su 3 tentate.

Dejounte Murray/Patty Mills – La coppia di play di San Antonio non ingrana stasera. Pochi punti per i due, scarsa creazione di gioco e pochi assist. 1/6 dal campo per Murray e 2/6 per Mills non è certo quello che ci si aspetta da loro.

 



Non posso vivere senza sport, in particolare senza basket, football e calcio. Mi diletto a praticarlo, mi piace raccontarlo e commentarlo. Scrivo per NbaRevolution perché è di un altro livello, tifoso Nuggets dal 2007.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *