Warriors, Stephen Curry non è preoccupato delle sue percentuali dall’arco: “Ho fiducia in me stesso”

Stephen Curry nelle prime due sfide contro gli Houston Rockets non è apparso decisamente al top e, se in Gara-1 le ottime prestazioni di Kevin Durant e Klay Thompson sono riuscite a trascinare i Warriors alla vittoria, in Gara-2 la mostruosa performance di KD non è bastata a sopperire all’anonimato degli altri giocatori. Golden State comunque, a differenza di molti tifosi, non appare preoccupata della forma e delle percentuali al tiro del proprio n°30 (2/13 dall’arco, pari al 15% al tiro), continuando a riporre molta fiducia nelle doti del bi-MVP. “Ho fiducia in me stesso e i miei compagni confidano in ciò che so fare. Non sono preoccupato, perchè son quanto ci lavoro duro. Non è un autoconvincimento, so bene quanto lavoro c’è dietro a quello che poi applico in campo. In allenamento ho tirato 0/11 e 1/8 prima di cominciare ad entrare in ritmo dall’arco. In qualsiasi situazione prendo il tiro successivo con molto ottimismo, pensando che entrerà a canestro. Posso lavorare durante gli allenamenti e i riscaldamenti pre-partita per entrare meglio in ritmo: lavorare sulla meccanica e veder la palla entrare, senza mai perdere la fiducia in me stesso. Questa è una cosa che non cambierò mai“, ha affermato Curry, che ha anche precisato di non sentire problemi di alcun tipo dal recupero dall’infortunio al ginocchio.

La star dei Warriors nella sua carriera ha più o meno sempre messo in piedi grandi prestazioni dopo delle partite in cui le percentuali al tiro erano tutt’altro che buone, per cui ci si aspetta una svolta decisa in Gara-3.



Veneziano classe '98. Grande appassionato di basket (anche se seguo in generale praticamente ogni sport), ma anche di musica e film. Sono cresciuto inseguendo la figura di Kobe Bryant e ho due frasi preferite riguardo lo sport: "Hard work beats talent when talent fails to work hard" (Kevin Durant) e "Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better" (Samuel Beckett).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *