Joel Embiid sul contatto con Hassan Whiteside: “E’ stato soft. Ma io non dimentico”

Joel Embiid ha commentato il contato avvenuto tra lui e Hassan Whiteside durante la partita di questa notte tra Philadelphia e Miami, definendolo come una giocata sporca: “Riguardando il replay non mi sembra di averlo toccato. Gli arbitri hanno chiamato fallo sia a me che a lui, poi hanno chiamato tecnico su di lui perchè è stato lui a fare la giocata sporca. Ha provato a colpirmi sulla schiena, che significa giocare sporco, soprattutto perchè recentemente ho avuto problemi fisici proprio alla schiena. Vediamo cosa succederà. Io non me lo dimentico. E’ stato davvero soft nel colpo, quindi non ho sentito nulla. Ma solo l’intenzione di colpirmi là fa capire la gravità della situazione. Non mi importa dei rapporti fuori dal campo, ma sul parquet devi seguir le regole e divertirti facendolo. Ma non sono preoccupato per questo fatto. Abbiamo perso la partita, ed è questa la cosa che conta, di cui sono davvero preoccupato“.



Veneziano classe '98. Grande appassionato di basket (anche se seguo in generale praticamente ogni sport), ma anche di musica e film. Sono cresciuto inseguendo la figura di Kobe Bryant e ho due frasi preferite riguardo lo sport: "Hard work beats talent when talent fails to work hard" (Kevin Durant) e "Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better" (Samuel Beckett).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *