Celtics, Marcus Morris: “Penso di essere il secondo miglior difensore su LeBron James. Solo Leonard mi precede”

Nelle ore antecedenti alla prima sfida tra Boston Celtics e Cleveland Cavaliers nelle Eastern Conference Finals, Marcus Morris ha rilasciato delle interessanti dichiarazioni, in cui sostiene di essere il miglior difensore della Lega su LeBron James, Kawhi Leonard a parte. “Personalmente penso di essere, dopo Kawhi Leonard, il miglior difensore su LeBron James dell’intera NBA“, ha affermato il n°13 dei Celtics, che ha poi parlato del primo scontro con la star dei Cavaliers ai Playoff, avvenuto nella stagione 2015-2016, con Morris che militava nelle fila dei Pistons: “Quella serie fu divertente. Era il mio primo anno ai PO ed è stato bello difendere su uno dei giocatori più forti, se non il più forte, della NBA. Tuttavia le attuali circostanze sono diverse. Ora ho più esperienza e soprattutto non ci sarò un solo uomo su di lui. E’ il miglior giocatore della Lega, bisogna evitare di fargli segnare canestri facili e di far segnare con semplicità i suoi compagni“. Il giocatore bianco-verde ha poi concluso parlando della serie tra Cleveland e Toronto, evidenziando ciò che Boston dovrà fare in più dei canadesi per fermare The King: “Non voglio parlare male dei Raptors, ma guardando i filmati delle partite si nota che per James è stato tutto troppo facile. Aveva fiducia e da parte dei Raptors non ho visto aiuti o difese fisiche su di lui. E’ un qualcosa che noi invece dovremo mettere in campo“.

Bisogna dire che, visti i numeri di Gara-1 (James ha tirato con il 31.3% dal campo e ha perso ben 7 palloni), Morris e i Celtics hanno limitato al meglio il #23 dei Cavaliers, difendendo in maniera aggressiva e stando vigili sulle varie linee di passaggio.



Veneziano classe '98. Grande appassionato di basket (anche se seguo in generale praticamente ogni sport), ma anche di musica e film. Sono cresciuto inseguendo la figura di Kobe Bryant e ho due frasi preferite riguardo lo sport: "Hard work beats talent when talent fails to work hard" (Kevin Durant) e "Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better" (Samuel Beckett).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *