Milwaukee Bucks-Boston Celtics 96-112: Horford e Rozier fanno esplodere il TD Garden, Celtics al secondo turno




È fatta: i Boston Celtics battono i Milwaukee Bucks per 96-112 e approdano al secondo turno, dove ad aspettarli ci saranno gli storici rivali dei Philadelphia 76ers. Ottima prova da parte dei biancoverdi, che senza troppi patemi sono riusciti a portare a casa una partita dominata; partita da dimenticare invece per i Bucks, che ancora una volta non vanno oltre il primo turno e vengono ingabbiati dal sistema difensivo di coach Brad Stevens.

Milwaukee Bucks-Boston Celtics 96-112 (2-4)

La partita comincia subito malissimo per Milwaukee, che dopo aver ottenuto un mini-vantaggio di 5 punti a metà della prima frazione (15-10), non segna più praticamente fino alla fine del quarto, prendendosi un parziale di 15-0 interrotto solo da un floater di un buon Bledsoe. I Bucks hanno bisogno di trovare il canestro, e lo fanno grazie a un grandissimo Khris Middleton, coadiuvato ancora una volta dal #12. Milwaukee si avvicina fino al -4 a metà del secondo quarto, ma da lì in poi salgono in cattedra Rozier e Horford: i due giocatori dei Celtics trascinano praticamente da soli la loro squadra, e riportano i Verdi a una distanza più “comoda”; il primo tempo termina dunque sul +8 Celtics, che sembrano in controllo totale ma che devono sopportare l’ennesimo infortunio di una stagione maledetta, quello di Jaylen Brown che non tornerà in campo per la partita.

Al ritorno in campo tutto il TD Garden si aspetta una reazione da parte di Antetokounmpo e soci, ma così non avviene: l’arena dei Celtics sospinge i propri ragazzi a un nuovo vantaggio in doppia cifra, e i Bucks non riescono a controbattere lasciando Middleton (31 punti a fine partita) a predicare nel deserto. I C’s arrivano anche sul +16 (massimo vantaggio fino a quel momento) e concludono il terzo quarto sul 67-81, una discrepanza sufficiente a potersi permettere di amministrare nell’ultimo quarto. I calcoli si rivelano corretti: i Bucks non ne hanno più, Antetokounmpo è stato limitato benissimo e nemmeno Middleton può farci qualcosa. I Celtics dilagano e danno spazio a tutti: finisce 96-112, con la vittoria della squadra di coach Stevens che ora dovrà sfidare la temibile Philadelphia.



Veneziano, classe 1999. Di professione faccio il tifoso dei Timberwolves e della Juventus, nel tempo libero faccio l'hater dei Lakers e sono caporedattore di NbaRevolution. Se qualcuno conosce dei rituali tribali per vincere una Champions o per arrivare ai Playoff, mi contatti al più presto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *