Mike Conley, Memphis Grizzlies

Mike Conley ammutolisce la Baia, Lance Thomas vendica i Knicks derubando Antetokounmpo

L’impresa della notte è ovviamente la spettacolare vittoria dei Grizzlies in casa dei Warriors, ma non è stata certo l’unica sfida che ci ha regalato emozioni. A sorridere sono anche Cavaliers, Celtics, Clippers e Rockets mentre gli Heat perdono ancora contro dei Lakers più che positivi. Tra le fila gialloviola va sottolineata l’ottima prestazio di Brandon Ingram, sempre più importante nelle rotazioni di coach Walton. Infine perdono i Timberwolves nonostante 41 punti di Wiggins mentre New York si vendica di Milwaukee rubando un pallone sanguinoso ad Antetokounmpo nel finale.

Memphis Grizzlies-Golden State Warriors 128-119

Grit ‘n’ Grind baby! La vittoria di stanotte contro i Warriors riassume alla perfezione lo spirito battagliero e difensivo dei Grizzlies di coach David Fizdale, e ancora una volta a giocare il ruolo della preda c’è il superteam della Baia. La sfida di stanotte andrebbe separata sostanzialmente in due partite separate: i primi tre quarti e mezzo sono stati un dominio totale della squadra californiana, che trascinata da un Curry formato super ha toccato addirittura il pesantissimo parziale di +24. Una volta toccato il fondo però si può solo risalire, e lo sanno bene i Grizzlies. Memphis ha disputato un quarto periodo assolutamente sensazionale, mettendo in campo quella che ad oggi è senza dubbio una delle migliori prestazioni difensive della stagione: nei 12′ minuti conclusivi Golden State ha segnato 13 punti. Avete letto bene, 13 punti in 12 minuti. E’ così che a 8″ dalla fine la partita è tornata a un possesso di distanza, e a chi poteva andare il pallone se non a Mike Conley? “Captain Clutch” manda al bar Green con un crossover (rischiando seriamente di scivolare e dire addio alla partita) e infila lo step back fondamentale! 111 pari! Al supplementare la grande difesa dei Grizzlies continua, ed è così che il trio Randolph-Conley-Gasol infila un 17-8 di parziale che ammutolisce la Oracle. L’avevamo detto, Grit ‘n’ Grind baby!

Grizzlies: Conley 27, Randolph 27, Gasol 23, Daniels 12. Assist: Conley 12. Rimbalzi: Allen 12, Randolph 11.

Warriors: Curry 40, Durant 27, Thompson 17. Assist: Curry 6. Rimbalzi: Durant 13.

New York Knicks-Milwaukee Bucks 116-111

Il ritorno di Kristaps Porzingis coincide con la rivincita dei Knicks ai danni dei Bucks. Nonostante il buzzer beater di Antetokounmpo al Garden di pochi giorni fa, i Knicks non sono sembrati particolarmente aggressivi o affamati al momento del loro ingresso in campo. Dopo un primo quarto tirato sono infatti stati i Bucks della coppia Parker-Antetokounmpo a prendersi la scena, volando rapidamente sul +17 trascinati dalla loro coppia di giovani star. La passeggiata di Milwaukee si è però interrotta bruscamente nel quarto quarto, quando i Knicks hanno deciso di fare i Knicks, piazzando un pesantissimo parziale di 33-15 che ha ribaltato completamente la situazione in Wisconsin. Inutile dire di chi è la fondamentale tripla del sorpasso: Carmelo Anthony infila in faccia a Henson la tripla del +1 NY con 51″ da giocare, e subito dopo è Lee a schiacciare in contropiede dopo una giocata difensiva SPET-TA-CO-LA-RE di Lance Thomas su “The Greek Freak”. New York si prende la sua rivincita, nel modo più dolce possibile.

Knicks: Anthony 26, Porzingis 24, Rose 12. Assist: Anthony 10. Rimbalzi: Noah 9.

Bucks: Antetokounmpo 25, Parker 25, Monroe 19, Snell 13. Assist: Parker 5, Brogdon 5, Terry 5. Rimbalzi: Monroe 7.

Philadelphia 76ers-Boston Celtics 106-110

76ers: Embiid 23, Ilyasova 20, Henderson 18, Noel 13. Assist: McConnell 17. Rimbalzi: Embiid 8, Noel 8.

Celtics: Bradley 26, Thomas 24, Horford 19, Smart 14, Johnson 13. Assist: Smart 8. Rimbalzi: Horford 12.

Cleveland Cavaliers-Brooklyn Nets 116-108

Cavaliers: James 36, Irving 32, Love 17. Assist: James 6. Rimbalzi: Love 13.

Nets: Bogdanovic 23, LeVert 19, Lopez 17, Booker 13. Assist: Booker 4, Bogdanovic 4. Rimbalzi: Booker 12, Whitehead 10.

Los Angeles Clippers-Sacramento Kings 106-98

Clippers: Rivers 24, Jordan 20, Redick 19, Paul 14. Assist: Paul 12. Rimbalzi: Jordan 9.

Kings: Cousins 25, Collison 20, Gay 18, Lawson 17. Assist: Cousins 7. Rimbalzi: Cousins 11.

Miami Heat-Los Angeles Lakers 100-127

Heat: Reed 22, J.Johnson 20, Dragic 16. Assist: J.Johnson 2, Waiters 2. Rimbalzi: Reed 12.

Lakers: Williams 24, Russell 19, Deng 19, Ingram 17, Randle 15. Assist: Russell 5. Rimbalzi: Deng 14, Black 11.

Houston Rockets-Orlando Magic 100-93

Rockets: Anderson 19, Beverley 17, Gordon 17, Harden 14, Ariza 13. Assist: Harden 10. Rimbalzi: Beverley 9.

Magic: Augustin 19, Gordon 18, Ibaka 16, Payton 12. Assist: Gordon 7. Rimbalzi: Ibaka 12, Vucevic 12.

Minnesota Timberwolves-Washington Wizards 105-112

Timberwolves: Wiggins 41, Towns 18, Dieng 15. Assist: Rubio 7. Rimbalzi: Dieng 11, Towns 10.

Wizards: Beal 22, Gortat 19, Wall 18, Porter 17, Morris 15. Assist: Wall 18. Rimbalzi: Gortat 10.



Ventitreenne italoamericano diviso tra Firenze e Los Angeles e visceralmente innamorato della palla a spicchi. Ho sempre pensato che niente sarebbe mai stato come il Mamba, poi è arrivato LaVar Ball.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *