Kyrie Irving, Cleveland Cavaliers

Boston Celtics-Cleveland Cavaliers 99-112: Kyrie Irving entra in modalità Mamba e ruba la scena a LeBron James, 3-1 Cavs





Dopo la cocente sconfitta in gara 3 i Cavs, nonostante un primo quarto tutt’altro che positivo, dominano gara 4 e si portano 3-1 nella serie. Fondamentali le prestazioni dei big three, con Irving che realizza 42 punti,  un Lebron da 34+6+5 e Kevin Love che realizza 17 punti e cattura ben 17 rimbalzi.

Boston Celtics-Cleveland Cavaliers: 99-112

I Celtics partono molto forte e, dopo un 5-2 Cavs, compiono un parziale di 9-0 grazie alla tripla di Crowder e ai canestri di Avery Bradley. Sul 18-13 Celtics, Boston realizza un altro parziale di 6-0 che gli consentirà di andare al primo riposo sopra di 10 lunghezze sul 29-19. In questo periodo c’è tutto il lato oscuro dei Cavs, infatti la squadra di coach Lue ha difeso malissimo e in attacco si è affidata solo all’estro di James e Irving. Questo può bastare con Boston, ma con i Warriors no.

I primi 6 minuti del secondo periodo sono l’esatta continuazione del primo quarto; i Cavs, con il quintetto con Lebron/Love da 5, attaccano benissimo sfruttando il campo apertissimo dalla presenza di 5 tiratori, ma, pensando di poter segnare a piacimento in attacco, non difende mai e Boston riesce sempre a mantenere lo scarto a favore intorno ai 10 punti. Si arriva, a 5:47 dalla fine del quarto, sul massimo vantaggio di +16 per Boston grazie alla tripla di Bradley. Cleveland si avvicina sul -6 grazie ai canestri di Irving, ma una tripla a tabella di Horford e un canestro in contropiede di Bradley consentono agli ospiti di andare alla pausa lunga in vantaggio di 10 punti.

Finalmente nel terzo quarto Cleveland comincia a difendere e Boston non segna per 4 minuti facendo avvicinare i Cavs sotto solamente di 3 punti, ma una tripla ancora a tabella di Smart rompe la siccità offensiva dei Verdi. Cleveland realizza prima un 7-1 che li porta sul -1, poi Krye Irving segna 11 punti di fila e  Boston si ritrova sotto di 5 sull’82-76. Il folletto dei Cavs non si ferma e, dopo un appoggio di Rozier, firma un altro 5-0 con una tripla da 10 metri che fa terminare il quarto con Cleveland avanti di 7 lunghezze.

Il quarto periodo è, nonostante ci sia poca distanza tra le due squadre, molto tranquillo per i Cavs, poichè Boston non ha la forza di piazzare un parziale che possa mettere veramente in crisi i campioni in carica. Negli ultimi 3:45, con Boston sotto di 4, il Re sale in cattedra e segna 9 punti consecutivi che chiudono la partita.

Onore ai Celtics che, nonostante l’infortunio di IT, hanno vinto gara 3 e sono stati in vantaggio per due quarti e mezzo di questa partita… Ma la superiorità dei padroni di casa nel momento decisivo si è vista eccome.

Celtics: Bradley 19, Crowder 18, Horford 16. Rimbalzi: Crowder 8. Assist: Horford 7, Smart 6.

Cavs: Irving 42, James 34, Love 17. Rimbalzi: Love 17, Thompson 7. Assist: James 6, Love 5.



Nato nel 2001 e appassionato di basket dal 2011, quando ho visto il mio idolo LBJ perdere contro un altro grandissimo come Dirk Nowitzki. La mia citazione preferita è di Micheal Jordan: " limits, like fears, are often just an illusion.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *