LeBron James esulta dopo aver battuto i Boston Celtics con i suoi Cleveland Cavaliers in gara 6 delle Eastern Conference Finals.

Boston Celtics-Cleveland Cavaliers 99-109: King James non va a casa e porta la serie a gara 7




È Win or Go Home per i Cleveland Cavaliers. È la prima opportunità per i Boston Celtics per andare alle Finals dopo tanti anni e per eliminare LeBron James dopo 7 anni di finali consecutive. È gara 6.

Boston Celtics – Cleveland Cavaliers 99 – 109 (3-3)

La partita inizia in maniera equilibrata. I Celtics corrono e muovono la palla e riescono a portarsi avanti di uno o due possessi, ma Cleveland risponde colpo su colpo e non vuole saperne di andare pesantemente in svantaggio già nel primo quarto. Il buon lavoro si vede soprattutto in difesa e il primo quarto non ci mostra alti punteggi, chiudendosi sul 25-20 per Boston. Da segnalare che i Cavs in casa sembrano aver ritrovato sé stessi dopo le gare di pessimo gioco in attacco giocato a Boston.

Dopo pochi minuti del secondo quarto i Celtics non spingono ancora l’acceleratore per vincere e i padroni di casa prendono in mano la situazione. Un parziale di 15-1 è quello che ci voleva per dare fiducia alla squadra e portarsi stabilmente in vantaggio. Nel resto del secondo periodo il vantaggio si allarga grazie alle triple di LeBron James, con Boston che non riesce a stare al passo. Il solo Terry Rozier in questo frangente tiene a galla i Celtics con un paio di triple. In questo modo il vantaggio Cavs all’intervallo si limita a un +11.

Nel terzo quarto il ritmo si alza e i Celtics vogliono recuperare per poter andare a giocarsela all’ultimo periodo. Aumenta il numero dei possessi in transizione, ma non è il giorno giusto e la stoppata di LeBron in rimonta su Rozier ne è la dimostrazione pratica. Dopo alcuni minuti frenetici il gioco si stabilizza con un vantaggio Cavs di 16 punti. Gli attacchi delle due squadre funzionano bene questa sera, ma la difesa di Cleveland riesce a contenere meglio quello di Boston, mantenendo il controllo sulla partita. Sul finire del quarto i Celtics riescono a mangiare qualche punto grazie al solito Rozier e ad andare all’ultimo periodo sul ruisultato di 73-83.

L’ultima frazione di gioco è un tira e molla continuo possesso dopo possesso, canestro dopo canestro. Il risultato non si smuove, i Cavs riescono ad amministrare il vantaggio e i Celtics non sono in grado di intaccare questa sicurezza. A conti fatti la partita è stata un’altra prova magistrale di LeBron (46-11-9 con 17/33 al tiro) che si è preso la stragrande maggioranza dei tiri e dei possessi, ma è stato aiutato egregiamente dai compagni di squadra nelle occasioni in cui i Celtics stringevano le maglie della difesa sul numero 23. Prestazione povera invece per Al Horford, vero assente della serata per i Celtics.

Celtics: Rozier 28, Brown 27, Tatum 15. Assist: Smart 8, Rozier 7. Rimbalzi: Horford 9.

Cavaliers: James 46, Hill 20, Green 14. Assist: James 9. Rimbalzi: James 11, Nance jr. 7.



Ingegnere milanese classe '95, amante non troppo precoce del basket, ma sicuramente colpito nel segno dalle sue storie. Einstein diceva "I have no special talents. I am only passionately curious." ed è questa curiosità che mi ha spinto verso The Game, ma anche verso tutto ciò che magicamente gli si può collegare: musica, cinema, letteratura, arte, scienza...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *