Juan e Willy Hernangómez

Juan e Willy, i fratelli Hernangómez alla scalata dell’Olimpo NBA




Nello sport gli intrecci familiari sono molto frequenti: figli d’arte, fratelli, gemelli. Quando due parenti raggiungono entrambi livelli altissimi nel loro sport l’attenzione mediatica è incredibile e la curiosità enorme. In NBA tuttavia queste ricorrenze non sono molto frequenti, ma da quest’anno una nuova famiglia è sbarcata nel mondo del basket a stelle e strisce. Due ragazzi giovanissimi, cresciuti in una famiglia di cestisti professionisti a pane e pallone hanno esordito nell’NBA e si stanno candidando ad astri nascenti della pallacanestro mondiale. Stiamo parlando di Juan e Willy Hernangómez, i nuovi Spanish Bros dell’NBA!

Il fratello maggiore (Guillermo all’anagrafe, Willy per tutti), classe 1994, è stato scelto dai Philadelphia 76ers al secondo turno del Draft del 2015 e lasciato a Siviglia fino a luglio 2016 quando, con una trade, è stato girato ai New York Knicks con cui ha firmato un contratto quadriennale. Juan invece, nato nel 1995, è stato la 15esima scelta assoluta del Draft 2016 e sta disputando la stagione con i Denver Nuggets. Ad accendere le luci della ribalta sui due fratelli spagnoli ci ha pensato un loro connazionale: Alex Abrines, in forza agli Oklahoma City Thunder. Il numero 8 di OKC ha infatti dichiarato: “I fratelli Hernangómez possono diventare i nuovi Gasol”. E da qui si è aperto il dibattito.

Juan Hernangómez, Denver Nuggets

Juan Hernangómez, talentino dei Denver Nuggets

Per la verità, l’accostamento delle due coppie di fratelli era già da tempo argomento di discussione: entrambe spagnole, entrambe avventuratesi in NBA, entrambe protagoniste con la maglia roja. Anzi, proprio gli Hernangómez con Abrines, Rubio, Mirotic e tutta la nuova generazione spagnola sono chiamati al ricambio della generazione dei vari Gasol, Navarro, Fernandez, Rodriguez e Reyes, tutti oramai nella fase conclusiva della carriera. L’investitura in terra iberica, quindi, è più che una certezza, il vero quesito invece rimane: gli Hernangómez riusciranno a prendersi il palcoscenico NBA come hanno fatto i Gasol?

Il primo indizio a riguardo lo ha dato il 13 Febbraio scorso Juan e, al mondo NBA, è arrivato forte e chiaro: 27 punti con 6/10 da 3 per l’ala grande dei Nuggets, una prestazione maiuscola condita da 10 rimbalzi e 2 assist al cospetto dei Golden State Warriors. Juan è un giocatore moderno, di indiscutibile qualità tecnica e dotato di visione del gioco e letture tattiche incredibili. Più che ai fratelli Gasol però, ad oggi Juan è stato paragonato ad un altro illustre spagnolo d’oltreoceano: Víctor Claver. Tuttavia le sue armi migliori, cioè la velocità, l’atletismo e l’ampissima apertura di braccia (2.07 m) hanno ricordato ad alcuni esperti anche l’attuale giocatore dei Boston Celtics Jonas Jerebko.

Willy Hernangómez, New York Knicks

Willy Hernangómez, pronto ad esplodere con i suoi New York Knicks

E Willy? Beh, sappiamo quanto sia difficile per un centro affermarsi nel panorama NBA di oggi, però l’ex Real Madrid qualche asso nella manica e qualche scusante li ha. I punti di forza sono la pulizia tecnica e l’acume tattico del basket europeo che ha nel sangue, i grandi esempi dei lunghi spagnoli che ha studiato bene e le alte percentuali al tiro, che stanno lievitando nelle ultime uscite. La scusante è rappresentata dal contesto: mai come quest’anno essere protagonisti al MSG risulta assai difficile vista l’aria che tira, e i risultati di squadra non fanno da supporto per una scalata verso l’Olimpo. Se in aggiunta a questo consideriamo che in estate i Knicks hanno fatto firmare un ricchissimo quadriennale a Joakim Noah… Beh, è chiaro che trovare solidi minuti nelle rotazioni diventa difficile. Nonostante ciò, due giorni dopo la grande nottata del fratello, una soddisfazione arriva anche per Willy che viene chiamato come riserva per il Rising Stars Challenge di New Orleans, visto l’infortunio di Mudiay. Il giusto riconoscimento per chi, quando è stato chiamato in causa, ha sempre risposto pronto con grande aggressività e voglia di vincere.

Gli Hernangómez, quindi, stanno dimostrando personalità, talento e una voglia di sfondare che sicuramente gli gioverà nel proseguo della carriera. Juan sembra più pronto a prendersi responsabilità, mentre Willy sembra sul punto di iniziare a diventare davvero incontenibile se servito bene. Per entrambi ci sono numeri da migliorare: il tabellino di Willy recita infatti solo 6.7 punti a partita (in 15.9′ di impiego) che sono ancora pochi per ambire ad un ruolo da protagonista, Juan invece non è ancora entrato del tutto in sintonia con il gioco dei Nuggets e i suoi pochi assist ne sono una conseguenza.

I due Hernangómez sono ora di fronte alla sfida più grande: sono ancora due fratelli, di nuovo spagnoli e molto promettenti, ad affacciarsi nel panorama NBA con il grande obiettivo di emulare i Gasol. L’età, le qualità, il talento e la testa sono dalla loro parte, le occasioni arriveranno.

Loro, ne siamo certi, si faranno trovare pronti.



Appasionato dello sport in generale, gioco a basket da quando avevo 5 anni, sogno di diventare giornalista sportivo e i miei idoli sono Kobe Bryant, Valentino Rossi e Alex Zanardi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *